Rihanna hard, la storia lesbo con Tajah Burton svelata in un libro

«Le piaceva il mio sapore e amava darmi piacere, ma subito dopo si defilava all’improvviso e tornava alla sua musica». Frasi inequivocabili come questa sono alla base del libro di Tajah Burton, la rapper che ha scelto di raccontare così il suo flirt con Rihanna.

L’interprete di Only girl in the world – nonché di Te Amo, nel cui videoclip gli ammiccamenti con Laetitia Casta sono tutt’altro che sottintesi – non è del resto nuova a voci sulla sua bisessualità, e dopo la recente crisi con il fidanzato Matt Kemp questo libro-scandalo torna a parlarne.

E’ l’autorevolissimo Huffington Post a diffondere in tutto il mondo l’esclusiva del webmagazine MediaTakeOut, che ha pubblicato alcuni stralci del libro nonostante dall’artista non sia arrivato alcun commento sulla verità o meno di ciò che è raccontato.

Ma ad alimentare la possibile autenticità del libro sono i messaggi ambigui lanciati su Twitter verso Nicky Minaj, la rapper con cui Rihanna ha duettato nel brano Fly: «Io e Nikki nella nostra nuova casa. Occupate sul set di Fly! E’ così difficile non metterle le mani addosso».

Qui sotto alcune foto di Rihanna (clicca sulle immagini per ingrandirle).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • NetflixNetflix blocca la condivisione di password e account

    L’aveva anticipato e sta avvenendo: Netflix sta attuando il blocco di condivisione di password e account, scatenando una serie di reazioni negative

  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

Contentsads.com