India, perché le donne con mestruazioni sono isolate

Durante i giorni di ciclo, le donne in India vengono isolate e mandate nella foresta perché considerate impure.

Se in Italia e più in generale, in Occidente si parla di tampon tax, di abbattere diversi tabù riguardo al ciclo mestruale e di prevenire le malattie e le infezioni, in altre parti del mondo si è ancora lontani da tutto questo.

In India, ad esempio, le cose sono nettamente peggiori, perché non si riesce neppure a nominare la parola “mestruazioni” e le donne con ciclo sono considerate delle emarginate della società. Vediamo cosa succede in India alle donne con mestruazioni.

India, le donne con mestruazioni sono emarginate

Anche se potrebbe sembrare strano, purtroppo è tutto vero. In india, le donne durante il periodo mestruale vengono isolate ed emarginate, proprio escluse dalla società.

Tutto questo parte da un’antica credenza secondo cui l’individuo femminile, non appena avverte la comparsa di sangue, diventa automaticamente impuro. E per questo motivo, deve rispettare delle regole e delle restrizioni ben precise, cioè appunto escludersi dalla vita sociale del villaggio.

Ciò accade soprattutto nelle zone più povere e sottosviluppate dello Stato, come ad esempio nelle tribù Gond e Madia di Gadchiroli.

India, donne con mestruazioni: ecco cosa accade

Per circa cinque giorni al mese, che di norma corrispondono ai giorni del ciclo mestruale, le ragazze e le donne in India vengono allontanate dalle loro abitazioni e isolate in delle capanne alla periferia del villaggio, vicino alla foresta. In questo arco di tempo, esse sono soggette, come detto, a severe restrizioni, che devono assolutamente rispettare perché considerate impure.

Non possono quindi vivere in società, recarsi o avvicinarsi a luoghi di culto come i templi o i santuari. Ma soprattutto non possono prelevare acqua dal pozzo del villaggio e non possono avere contatti con gli uomini. Nel primo caso, per lavarsi o per lavare i panni, devono per forza raggiungere a piedi un fiume che si trova a un chilometro di distanza. Mentre nel secondo caso, sono obbligate a dipendere solo dai viveri che ricevono dalle parenti femmine. Infatti, se dovessero per qualche motivo entrare in contatto con qualche uomo, anche questi di conseguenza diventerebbero impuri.

india donne mestruazioni

India, le donne con mestruazioni vivono nel terrore

Purtroppo queste donne sono costrette a vivere in condizioni pessime e nel terrore più assoluto. Quando infatti si devono trasferire all’interno delle capanne vicino alle foreste in quei cinque giorni al mese vivono male, terrorizzate dal fatto che risiederanno lì e verranno allontanate dalla loro vita. Si aggiunga il fatto che le capanne sono realizzate in condizioni precarie, in fango e bambù, senza porte né finestre e con il tetto in paglia.

India, le donne con mestruazioni sono una vergogna

Sembra strano che ancora al giorno d’oggi si percepisca e si parli di mestruazioni come di una cosa indegna, non normale e non comune. Ma purtroppo il ciclo mestruale viene considerato come una vergogna e una condizione impura da allontanare ed emarginare perché non conforme alla società e alla tradizione indiana.

Fortunatamente sempre più organizzazioni stanno cercando di aiutare le donne indiane in difficoltà, offrendosi di costruire capanne più sicure. Però la strada verso la normalizzazione e l’accettazione delle mestruazioni e di tutto l’universo femminile è ancora lunga.

LEGGI ANCHE: La voce delle donne cambia durante il ciclo

Scritto da Marta Vitulano
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Come prolungare l’effetto del profumo: tutti i consigli da seguire

Caviglie gonfie: cause e rimedi per sentire più sollievo

Leggi anche
  • razzismo europeiRazzismo e LGBTQ+ agli Europei: da #takingtheknee alla fascia di Neuer

    Razzismo, comunità LGBTQ+ e discriminazioni agli Europei: numerosi episodi hanno suscitato le polemiche dell’opinione pubblica.

  • vaticano contro ddl zanVaticano contro il ddl Zan: la Santa Sede rompe il silenzio

    Il progetto di legge contro l’omotransfobia non è conforme con il Concordato tra Italia e Santa Sede, questo è quanto dichiara la Santa Sede in una nota all’ambasciata italiana

  • pandemia bambine mutilazioni genitaliPandemia e mutilazioni genitali: aumentano i casi sulle bambine

    Nei Paesi del Terzo mondo i casi di mutilazioni genitali alle bambine sono sensibilmente aumentati con la pandemia di Coronavirus.

  • victoria secret angeliVictoria’s Secret dice addio ai suoi ‘angeli’: il rebranding dell’azienda

    L’azienda Victoria’s Secret si rivoluziona completamente, dicendo addio alle supermodelle dette ‘angeli’ per fare posto ad una femminilità inclusiva.

Contents.media