Notizie.it logo

Festival del Cinema di Venezia, cos’è e quando inzia

Festival di Venezia

Il Festival di Venezia è una delle manifestazioni cinematografiche più importanti d'Europa: brevemente la sua storia e quella dei suoi premi.

Il Festival del Cinema di Venezia è una delle più importanti manifestazioni cinematografiche europee e la seconda più antica a livello mondiale, preceduta soltanto dagli Oscar. Trasformatosi in un evento mondano assolutamente imperdibile nel corso degli anni, il Festival nel 2019 celebrerà la sua settantaseiesima edizione.

La nascita del Festival del Cinema di Venezia

Il Festival nacque nel 1932, in pieno Ventennio Fascista, per iniziativa di Giuseppe Volpi, presidente della Biennale di Venezia, di Antonio Maraini e Luciano de Feo. Quest’ultimo era il direttore dell’Istituto Nazionale per il Cinema Educativo che aveva sede a Roma ed era una diretta emanazione delle Nazioni Unite.

Il primo Festival ricevette un enorme appoggio da parte del governo fascista e venne enormemente pubblicizzato. Si svolse sulla terrazza dell’Hotel Excelsior al Lido di Venezia.

Non sono in molti a saperlo ma inizialmente il Festival non era una competizione, ma semplicemente un’esposizione di arte cinematografica che si impegnava a diffondere la conoscenza di un nuovo mezzo espressivo. Nonostante questo si decise di assegnare il premio al miglior regista attraverso una votazione da parte del pubblico.

La seconda edizione si svolse due anni dopo (il Festival, essendo un’emanazione diretta della Biennale, si svolgeva in contemporanea con essa) e trasformò il Festival in una rassegna competitiva. Ad assegnare i premi, tra cui la Coppa Mussolini al miglior film italiano e al miglior film straniero, era la presidenza della Biennale, che teneva naturalmente in gran conto il gradimento delle varie pellicole da parte del pubblico.

Le sedi e i giorni del Festival del Cinema di Venezia

Oggi il Festival non si svolge più in un’unica sede, ma è strutturato come un evento diffuso, che si svolge in contemporanea in diverse sale cinematografiche della città.

La sala principale è oggi quella del Pala Biennale, che può ospitare fino a 1768 spettatori.

La seconda sala per numero di posti è ancora la Sala Darsena, che può ospitare fino a 1409 spettatori. La Sala Grande del Palazzo del Cinema è la terza sala per importanza, anche se la più prestigiosa: ospita 1036 posti a sedere.

Le sali minori sono raggruppate nel Palazzo del Casinò, che ospita la Sala Perla I e la Sala Perla II, la Sala Volpi (in onore del primo Presidente del Festival) e la Sala Casinò, grande appena un decimo della Sala Darsena.

L’ultima sala è la Sala Giardino, che può ospitare 450 spettatori.

Tradizionalmente il Festival del Cinema di Venezia si tiene tra la fine di Agosto e l’inizio di Settembre, in giorni che variano di anno in anno a seconda delle esigenze organizzative della manifestazione.

Quest’anno il Festivalb si terrà dal 28 Agosto al 7 Settembre.

Il Leone D’Oro e gli altri premi

Il Leone D’Oro è il simbolo indiscusso della Mostra del Cinema di Venezia e, assieme alla Palma D’Oro del Festival di Cannes e all’Orso d’Oro del Festival di Berlino rappresenta uno dei premi cinematografici più ambiti del mondo oltre a quello americano degli Oscar.

Il Leone D’Oro viene assegnato al Miglior Film dal 1946 in poi.

Il Leone d’Argento viene invece assegnato dalla Giuria del Festival e a un altro regista che si è distinto in quell’edizione.

La Coppa Volpi viene attribuita alla miglior interpretazione maschile e femminile dal 1934 (il premio più antico ancora concesso dal Festival, dopo la cancellazione della Coppa Mussolini) .

Il Premio Osella viene assegnato alla miglior sceneggiatura dal 2005, mentre il Premio Mastroianni viene assegnato dal 1998 per premiare un interprete emergente nel panorama cinematografico internazionale.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Olga Luce
Olga Luce, nata a Napoli nel 1982, è diplomata al liceo classico. Scrive di cronaca, costume e spettacolo dal 2014. Il suo motto è: il gossip è uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo (quindi tanto vale farlo bene)! Ha collaborato con Donnaglamour, Notizie.it e DiLei. Oggi scrive per Donnemagazine.it
Leggi anche