Tulpa Zampaglione: le recensioni del film, i commenti e le polemiche

Pochi giorni fa è uscito un post su Tulpa, l’ultimo film horror di Federico Zampaglione con Claudia Gerini e Michele Placido, nel quale riportavamo – riprendendo un comunicato stampa – le critiche della stampa anglosassone, pienamente entusiaste.

Per maggiore completezza, viste le polemiche interne alla “comunità italiana dell’horror”, vale la pena segnalare diverse cose. 

In primis l’ottimo articolo pubblicato da Ghiaccionove, in cui si racconta di come il comunicato stampa riportato, che ha fatto sorgere qualche dubbio nel sottoscritto, sia stato acriticamente pubblicizzato da molti siti specializzati che hanno parlato senza remore di “trionfo e conquista” del Frightfest, il festival al quale è stato presentato.

Secondariamente, come contraltare di questo presunto stato delle cose, è doveroso far notare come molte recensioni, forse la maggior parte di quelle in vista su internet, sottolineino la pochezza della pellicola, sopratutto per quanto riguarda sceneggiatura, recitazione e a volte messa in scena.

Si tratta di commenti molto netti, che arrivano persino a descrivere la proiezione come un’ininterrotta sequela di risate, sicuramente non tutto previste dallo script di Zampaglione.

Citiamo allora Screengeek:

To be fair, Tulpa does feature a couple of half-decent scares early on, with some effective jumps and gruey make-up effects in abundance, but the film loses any chance of credibility after about an hour, as it becomes more dialogue-heavy.

 The results are at once hugely quotable and ridiculously poor, as Tulpa is destined to become a “so bad it’s good”, ironic cult movie. 

Dreadcentral:

There’s certainly some pleasure to be gained from Zampaglione’s visuals, but on the whole Tulpa is worthless for anything but poking fun or learning how not to write decent dialogue or a coherent story.

Screenjabber

Sections of the audience at the FrightFest screening worked themselves into such a frenzy over the dodgy dialogue and dubbing that the mere act of picking up a glass of water caused one hipster girl behind me to emit such a convulsive bark of laughter I worried (actually I hoped) she had broken her own spine.

Ultimately the movie gets it so wrong that begins to feel like a spoof of Giallo, something that clearly wasn’t intentional.

Bisogna dire però che esistono anche delle recensioni positive, come ad esempio quella di Screendaily:

Premiered at London’s Film4 FrightFest, Tulpa impressed with its elaborate horror sequences, charmed with its rickety plotting and weird supernatural angle and amused with stretches of oddly phrased English dialogue between subtitled Italian scenes.

A chiusura mi piace inserire anche la replica di Zampaglione su Facebook a questo post, che descrive dal suo personale punto di vista la reazione del pubblico durante la visione del suo film:

Ciao Alessio, sono Federico Zampaglione mi è arrivata sull’alert il tuo pezzo e al di là dei lancioni stampa ti racconto come e’ andata. Sala piena, tasso etilico di livelli mai visti di un pubblico esaltato e folle. Il bar fuori aveva 50 fusti di birra vuoti e alcuni erano senza magliette e sudati a bestia. Il film ha creato reazioni ti ogni tipo. Sulle scene horror, c’era un silenzio angoscioso e applausi ad ogni efferatezza, su quelle di sesso commenti del tipo ” fuck yeah…let’s get it on !!!!! ” e urla bestiali, su altri punti in cui le situazioni viravano al folle o su alcune battute sarcastiche o assurde si rideva da pazzi, alla fine quando si è rivelato l’ assassino applausi a scena aperta degni di un numero da domatore di leoni..che dire un tipo di comportamento per noi italiani sconosciuto.

Ma loro dicono che il Giallo italiano deve essere così… Comunque il film a molti è piaciuto tantissimo, ad altri ha fatto cagare, ad altri ancora sono piaciute molte cose e meno altre..insomma come poi è normale sia. Secondo me ci sono alcuni aggiustamenti da fare, accorciare dei punti, togliere zone troppo verbose. Però la zona ” Gialla ” e’ piaciuta un po’ a tutti. La cosa buona è che TULPA è stato subito selezionato per il grande Sitges in Spagna, a loro ad esempio ha fatto impazzire. Presto organizzo una preview per i blog e mi fa piacere fartelo vedere. ci sentiamo e a presto.

Non vedo l’ora, a questo punto desidero ardentemente avere una mia opinione personale. 

LINK UTILI

Federico ZampaglioneTulpa,Claudia Gerini a luci rosse a Londra 

Federico ZampaglioneTulpa, film nuovo dopo Shadow 

Crisula Stafida nuda: da dark lady a femme fatale in “Tulpa” 

Tulpa Zampaglione: il film, le recensioni e qualche legittimo dubbio

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

  • Lance KerwinChi era Lance Kerwin: tutto sull’attore de La casa nella prateria

    È scomparso all’età di 62 anni l’attore de La casa nella prateria e Le notti di Salem: Lance Kerwin, noto attore di fama mondiale, era assai conosciuto

Contentsads.com