Tipi più comuni di stampa su maglietta

Per chi vuole sempre sfoggiare la propria personalità, distinguendosi dagli altri con look senza precedenti, creare una maglietta personalizzata può essere il regalo migliore.

Il regalo migliore può essere qualcosa di semplice, ma originale e assolutamente personale. Ce n’è per tutti i gusti: scritte grandi e piccole, in corsivo o in stampatello, su sfondo chiaro o scuro. Con tante cromature diverse e caratteri di ogni tipo, la stampa su maglietta è un grande classico intramontabile. All’apparenza comune, ma mai fuori moda: capo casual da indossare con disinvoltura, adatto per ogni occasione. Ma quali sono le tipologie più comuni di stampa su maglietta, come creare una t-shirt e quanto costa stampare una maglietta?

Quali sono i tipi più comuni di stampa su maglietta?

A seconda del budget a disposizione, della quantità di articoli e dei gusti di grafiche preferite, è possibile optare per tecniche di stampa differenti. Stampare su tessuto può essere una scelta difficile per via della vasta gamma di opzioni esistenti. Tuttavia, è sufficiente conoscere le peculiarità di ogni grafica per decidere quale fa al caso nostro.

La serigrafia è una tecnica di stampa tra le più usate. La modalità prevede che il disegno sia scomposto in colori primari mediante appositi software. Poi vengono sviluppati i telai di stampa (uno per ogni colore), da collocare successivamente sulla giostra serigrafica. Una volta avvenuto il corretto posizionamento, si avvia la stampa. In seguito, i prodotti saranno sottoposti a un ulteriore passaggio in uno specifico forno, affinché sia rafforzato il fissaggio degli inchiostri sul tessuto.

  • Quando usare la serigrafia? La tecnica è consigliata in caso di tirature elevate, soprattutto quando la stampa prevede disegni molto semplici. Inoltre, gli inchiostri resistono ai lavaggi e può essere realizzata su qualsiasi tipo di tessuto ottenendo ottimi risultati.
  • Quando è sconsigliata? La serigrafia è conveniente in caso di tirature elevate, abbattendo i costi e offrendo prezzi contenuti. In caso contrario, tuttavia, si rivela antieconomica. Infatti, prevede alcuni costi fissi (come il costo di realizzazione del telaio) e, per questo motivo, è sconsigliata al di sotto di una certa quantità. I prezzi di stampa con serigrafia variano anche in base al disegno (se più o meno articolato) e dal numero di colori che lo compongono.

Un’altra tecnica più recente ma altrettanto efficace (dai risultati strepitosi) è la stampa digitale diretta, che si basa su un procedimento analogo a quello usato a casa o in ufficio per stampare testi o immagini su fogli di carta. A fare la differenza è il macchinario: non si deve stampare su carta, ma direttamente su tessuto, attraverso l’uso di appositi inchiostri. Fondamentale optare per aziende leader del settore, che producono macchinari altamente tecnologici e offrono stampe in digitale di alta qualità.

  • Quando usare la stampa digitale diretta? È una tecnica ideale per qualsiasi tipo di disegno, stampando ad alta risoluzione anche le fotografie. La versatilità è uno dei suoi punti di forza: stampare anche un solo pezzo a un prezzo contenuto è possibile grazie alla stampa digitale diretta. Non prevede costi fissi aggiuntivi e la cura dei dettagli è sorprendente. Si ottengono cromature nitide e pulite: il risultato è soddisfacente.
  • Quando non usare la stampa digitale diretta? Sebbene i risultati siano ottimali, regalando maglie dai tratti raffinati, la tecnica prevede una resistenza al lavaggio tendenzialmente inferiore rispetto a quella della serigrafia. I costi di questa tecnica di stampa, inoltre, non permettono di ottenere economie di scala in proporzione all’aumentare della quantità. Quindi, per i grandi numeri, potrebbe risultare più costosa se paragonata alla serigrafia, soprattutto se si richiedono stampe e disegni semplici. I risultati restano ottimi, ma non su tessuti sintetici, dove effettuare la stampa diventa più complesso.

Una tipologia efficace per le stampe su tessuto è offerta dalle applicazioni a caldo, particolarmente comuni e diffuse, adatte per soddisfare le esigenze più disparate. Tuttavia, è bene precisare che per un risultato ottimale servono disegni semplici ed è preferibile che siano di un solo colore. La tecnica prevede che siano incise delle pellicole termo adesive attraverso un plotter da taglio per essere poi applicate sul tessuto grazie al calore di una pressa termica.

  • Quando usare le applicazioni a caldo? La tecnica si dimostra un’ottima scelta per chi vuole spendere poco. Inoltre, offre i vantaggi del transfer ed è possibile imprimere grafiche particolarmente semplici e lineari anche su un solo capo.
  • Quando non usare le applicazioni a caldo? Sebbene l’applicazione possa essere stata effettuata con minuzia e attenzione, il disegno stampato sulla maglia generalmente tende a rovinarsi. Con il passare del tempo, infatti, cala la resistenza ai lavaggi. Infine, trattandosi di una tecnica semplice, la gamma di colori è limitata a quelli offerti dal produttore. Quando disponibile la stampa digitale diretta, è da preferire rispetto all’applicazione a caldo.

Tecnica raffinata ed elegante, adatta per passaggi piccoli e dettagliati, ma sempre curati e di grande classe: il ricamo è preferito in particolare per la realizzazione di piccoli loghi. Se il ricamo viene fatto da professionisti del settore, dona ai capi eleganza e ricercatezza, sfoggiando un tocco di personalità assolutamente unica. La tecnica del ricamo, infatti, è preferita soprattutto per personalizzare divise o abbigliamento professionale (per alberghi, ristoranti e non solo). In questo modo, si crea un look esclusivo.

  • Quando usare il ricamo? Tecnica di grande ricercatezza: per chi vuole ottenere (e sfoggiare) risultati eccellenti e dal gusto delicato, è la scelta giusta.
  • Quando non usarlo? Lo svantaggio della tecnica riguarda i prezzi: realizzarlo, infatti, può costare caro, oltre ai vari costi fissi di impianto.

Tra le tecniche di stampa per maglietta rientra anche la stampa sublimatica, usata principalmente per effettuare stampe sull’intera superficie del tessuto. Il procedimento comincia prima della fase di assemblaggio del prodotto e subito dopo la fase di taglio del tessuto. La stampa è eseguita su un’apposita carta attraverso plotter caricati con relativi inchiostri. Successivamente viene usata una calandra riscaldata, nella quale deve essere srotolata la carta stampata e accoppiata al tessuto da impressionare. All’uscita dalla calandra, l’inchiostro ceduto dalla carta grazie alla temperatura resta impresso sul tessuto. La tecnica può essere applicata anche su capi già confezionati, sebbene in tal caso non si escludano difetti legati all’irregolarità del tessuto una volta assemblato.

  • Quando usare la stampa sublimatica? Per colori lucenti e luminosi, dalla brillante nitidezza, questa tecnica regala un prodotto strabiliante. Per la stampa può essere sfruttato l’intero capo e il grande vantaggio è la massima libertà di cui la tecnica si caratterizza. Infatti, è possibile stampare qualsiasi tipo di disegno e sfumatura, curando perfettamente ogni dettaglio.
  • Quando non usare la stampa sublimatica? Essendo un sistema di personalizzazione non particolarmente economico, deve essere effettuato prima dell’assemblaggio del prodotto. Questo tipo di stampa, infine, può essere fatta solo su tessuti con alta percentuale di poliestere o con materiali sintetici.

Come realizzare una t-shirt personalizzata?

Ognuno ha il suo stile e i suoi gusti. Trovare l’abbigliamento migliore, in grado di soddisfare le esigenze tradizionaliste o eleganti di ciascuno, non è sempre facile. Trovare il capo perfetto appare spesso un’ardua impresa. Decine e decine di magliette (e non solo) che hanno sempre qualcosa che proprio non piace. Come rimediare? Basta una maglietta personalizzata. L’abbigliamento esprime la personalità di ognuno, rivelando il carattere delicato o deciso che si nasconde in noi. L’abito giusto deve farci sentire a nostro agio, esibendolo con disinvoltura e leggerezza per essere davvero sicuri di sé stessi. Per essere unici e presentare capi senza imitazioni (né precedenti), personalizzare il proprio abbigliamento è il modo migliore per apparire diversi e originali. Con le personalizzazioni di magliette – una moda intramontabile e facile da realizzare grazie ai molteplici tipi di stampa esistenti – è possibile dare libero sfogo alla propria fantasia, realizzando così il capo perfetto (e unico nel suo genere). Non è un caso che la realizzazione di magliette personalizzate sia sempre molto amata e diffusa.

Per essere sempre alla moda e sfoggiare con disinvoltura un outfit unico e originale, dai toni personali e personalizzati, la stampa su t-shirt si rivela un’ottima soluzione.

Sono presenti colori e formati diversi e anche il web offre canali privilegiati sui quali personalizzare la propria t-shirt preferita e dai quali effettuare la consegna a domicilio: minimo sforzo e minimo stress, ma risultati soddisfacenti. Le tue foto più speciali, i tuoi disegni migliori e le tue frasi preferite possono restare impresse per sempre. Come? È sufficiente creare una t-shirt personalizzata.

Con Tostadora.it è possibile selezionare un prodotto (t-shirt a maniche corte o lunghe e non solo) e scegliere lo stile sul quale eseguire la stampa. Il secondo passaggio prevede il caricamento di file o immagini in formato JPG o PNG. È importante che la risoluzione originale non sia molto bassa. L’immagine deve presentare almeno una grandezza naturale. Poi, a seconda dei gusti personali di ciascuno, è possibile aggiungere un disegno tra il ventaglio di offerte disponibili, che può essere centrato, ruotato e ridimensionato. In seguito, il cliente può aggiungere un testo usando il carattere che più gradisce. Anche in tal caso, inoltre, è possibile modificare a proprio piacimento la dimensione, ingrandendola o riducendo le misure, ma anche impostare il colore a seconda delle preferenze personali.

Gli amanti di colori e fantasie possono sbizzarrirsi anche con l’opzione multicolore, sfumato o con i caratteri più originali: tutto pur di soddisfare persino i gusti più sofisticati (inclusi i più stravaganti).

Una volta realizzata la maglietta perfetta, scegliendo tra 20 colori e 6 formati differenti, il prodotto personalizzato aggiunto al carrello è pronto. A questo punto, basterà completare l’ordine, per il quale non è necessario un account utente. La spedizione a domicilio è gratuita a partire da 1 articolo. Inoltre, con Tostadora.it è possibile optare per la spedizione express (che garantisce la consegna in 48 ore) o quella standard (consegna prevista in 7 giorni lavorativi). Cambi e resi sono gratuiti.

Quanto costa stampare una maglietta

La realizzazione di una maglietta personalizzata è il modo migliore per esprimere sé stessi senza nascondersi. È il regalo perfetto per far sentire unica una persona speciale, un dolce pensiero che è sempre molto gradito. Ma quanto costa stampare una maglietta?

Con Tostadora.it si parte da 17,90€. Il prezzo sale a seconda del modello di maglia selezionato. Più dettagli si aggiungono, più il prezzo aumenta. A determinare i costi, infatti, sono diversi fattori.

Il tessuto della maglietta, la dimensione e la tipologia di disegno da stampare influiscono sul costo finale del prodotto. Acquistando online la maglietta personalizzata si aggiungono i costi di spedizione, ma in questo modo il prodotto arriva direttamente (e comodamente) a casa propria. Il costo totale risulta alla portata di tutti: nessuno può perdersi l’opportunità di sfoggiare un look senza eguali.

Scritto da Asia Angaroni
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Massimo Galli positivo al Covid: “Bisogna vaccinarsi, almeno non si crepa”

Chi è Irina Karamanos, la compagna del nuovo presidente del Cile

Leggi anche
  • elodie copertina graziaElodie, il look per la copertina di Grazia sorprende ancora una volta

    Elodie si trasforma ancora una volta in occasione della copertina di Grazia, ecco il look scelto dalla cantante romana.

  • minnie stella mccartneyStella McCartney per Minnie: l’abito per un compleanno speciale

    Stella McCartney disegna un completo per Minnie, la topolina della Disney, in occasione del 30esimo anniversario di Disneyland Paris.

  • festival di sanremo look storiaFestival di Sanremo: come sono cambiati i look nella storia

    Da Nilla Pizzi che creava i suoi outfit ispirandosi alla moda del tempo a Loredana Berté che ha portato lo stile punk rock all’Ariston.

  • capodanno cinese 2022 tendenzeIl Capodanno Cinese 2022 entra nelle tendenze con le capsule dei brand

    Anche la moda festeggia il Capodanno Cinese 2022 con capsule collection dedicate all’Anno della Tigre: ecco allora le più belle.

Contents.media