Chi era John Steinbeck: vita dello scrittore statunitense

Giornalista, ideatore di romanzi, novelle e racconti. La scrittura è il grande talento di John Steinbeck, il noto autore americano del XX secolo.

Noto per aver raccontato alcune delle storie più belle della letteratura americana, John Steinbeck vince nel 1962 il Premio Nobel per la letteratura così motivato: “Per le sue scritture realistiche ed immaginative, unendo l’umore sensibile e la percezione sociale acuta”.

Chi era John Steinbeck

John Ernest Steinbeck, Jr. (Salinas, 27 febbraio 1902 – New York, 20 dicembre 1968) è stato uno scrittore statunitense. Cresce nella calda California con il padre, tesoriere della sua contea, la madre, un’insegnante e le sorelle maggiori con cui ha un grande rapporto d’affetto. Capisce già da ragazzo di avere una passione per la scrittura e così a 14 anni inizia a scrivere le prime poesie e i primi racconti.

chi era john steinbeck

Successivamente si iscrive alla Stanford University dove studia letteratura inglese e scrittura creativa, corsi che ama ma che è costretto ad abbandonare per riuscire a lavorare. Fa di tutto per farsi pubblicare da riviste e giornali finchè non decide di provarci seriamente trasferendosi a New York.

I primi tentativi nel mondo della letteratura

Arrivato nella grande mela lavora per un breve periodo al “New York American”, noto quotidiano della città, ma presto decide di tornare in California dove trova lavoro come custode di una residenza estiva e questo gli consente di scrivere per sè. Nel tempo libero prepara infatti il suo primo romanzo “Cup of Gold”.

chi era john steinbeck

Il libro non ottiene particolare successo e lo stesso vale per i successivi “The Pastures of Heaven” e “To a God Unknown”. Inizia ad ottenere discreto successo quando nel 1935 incontra Pascal Covici, suo curatore per il resto della vita insieme a Elizabeth Otis, sua agente. Grazie a loro l’uscita di “Tortilla Flat” è un grande successo, il primo dopo anni di tentativi.

L’attenzione per il sociale e il successo

Il romanzo viene subito acquistato da Hollywood che lo diffonde trovando l’accoglienza anche del presidente Roosevelt. La storia è affascinante ed è scritta con la volontà di fare satira rispetto al mondo della borghesia. Il successo del libro permette di ottenere la trasposizione cinematografica dell’idea e lo porta ad ottenere un incarico al San Francisco News.

chi era john steinbeck

Il filo conduttore dei suoi lavori è sempre l’attenzione verso il sociale. Riprende spesso il tema della ricerca del lavoro stabile e dello sfruttamento della povertà che che mantiene le persone in stato di vittime. Il suo pensiero, manifestato anche in romanzi successivi, subisce anche attacchi politici per il suo linguaggio volgare e l’orientamento di “eccessiva sinistra”.

Nonostante ciò, “The Grapes of Wrath”, uno dei testi attaccati, ottiene il Premio Pulitzer nel 194o e diventa il noto film “Furore” che ottiene 7 nomination agli Oscar.

LEGGI ANCHE: Chi era Joseph Conrad: tutto sullo scrittore e navigatore

Scritto da Alessandra Coman
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Chi è Giovanni Ludeno: vita e carriera dell’attore italiano

Chi è Oliviero Toscani: tutto sul fotografo italiano

Leggi anche
  • chi era william turnerChi era William Turner: tutto sul pittore inglese

    William Turner, storia del grande artista e pittore inglese diventato noto per i suoi bellissimi paesaggi.

  • Chi era Vladimir NabokovChi era Vladimir Nabokov: storia dell’autore russo

    Conosciuto soprattutto per aver scritto “Lolita” è un grande autore russo in grado di spaziare molto e trattare importanti tematiche sociali.

  • zero netflix cast tramaZero su Netflix: il cast e la trama della nuova serie tutta italiana

    Tutto quello che c’è da sapere su Zero, la nuova serie tutta italiana targata Netflix: il cast, la trama e le curiosità.

  • Kia Damon chi èChi è Kia Damon, dalla passione per il cibo alla lotta per i diritti

    Kia Damon, chef autodidatta americana, utilizza il suo amore per la cucina come strumento per la lotta sociale in favore delle comunità Black e LGBTQ+.

Contents.media