Emma Marrone difende Casadilego: il discorso contro il bodyshaming

Emma Marrone, nella puntata del 5 novembre di X Factor, ha fatto un discorso emozionante per difendere Casadilego contro il bodyshaming.

Nella puntata di X Factor di ieri 5 novembre, Casadilego ha toccato il cuore dei giudici e del pubblico facendo emozionare Emma Marrone. La giovanissima cantante in gara ha confessato di essere stata ferita da molti commenti negativi ricevuti dopo la sua apparizione televisiva sul suo aspetto fisico.

É allora che Emma Marrone difende Casadilego e si scaglia contro il bodyshaming.

Emma Marrone contro il bodyshaming

X Factor fa emozionare non solo per la musica ma anche, e soprattutto, per le storie presentate. In particolare, nella puntata di giovedì 5 novembre è emerso il tema del bodyshaming, di cui la cantante 17enne Elisa, in arte, Casadilego è stata di recente vittima. Ha raccontato infatti di aver subito commenti negativi sul suo aspetto fisico da parte di utenti del web e dei social network dopo la sua ultima apparizione televisiva.

Advertisements

La confessione di Casadilego, fatta a Hell Raton dopo che la ragazza ha eseguito Sunny di Billie Eilish, ha toccato moltissimo i giudici, e in particolare Emma Marrone che l’ha difesa con la voce rotta dalle lacrime.

LEGGI ANCHE: Chi è Hell Raton: tutto sul giudice di Casadilego

Il discorso di Emma

Il primo a prendere la parola è Manuel Agnelli, dicendo: “Cosa devo dire senza essere di troppo? Abbiamo trovato un talento vocale straordinario.

Spero che il resto del tuo percorso sia attento e oculato, hai bisogno di essere protetta come il panda bianco. Sei una cosa molto rara”. A questo punto la parola passa ad Emma: “Mi viene da dire che alla tua età, per come funzionano ora le cose, avere questo timore nel vedersi allo specchio forse è un miraggio, è il simbolo che forse c’è ancora qualcosa di sano in questa società e va preservata”.

La Marrone con le lacrime agli occhi poi continua:

Vorrei prestarti i miei occhi per farti capire quanto è bello vederti da fuori. Quanto è bello vedere una cosa sana, pura, pulita. Una donna con la D maiuscola e con le palle. Con l’integrità. Che non sia omologata alle immagini di Instagram, di Twitter, di TikTok, di tutta quella m***a che ci stanno propinando. Ti prego Eli fammi una promessa: tu sei seguita da Manuelito, che è una persona che ti vuole molto bene, ed è puro e pulito quanto te e ti sta seguendo bene, rimani sempre così

L’augurio finale, con la voce un po’ tremolante, è stato:

Ti auguro di avere una luce che sempre ti fa vedere le mani giuste in cui stare. Ti auguro di finire sempre nelle mani giuste, perché il mondo della musica è difficile

Visualizza questo post su Instagram

#Repost @emmamarroneofficialblogger • • • • • Le toccanti parole di Emma per @casadilego 💙 ci hanno fatto tremare il cuore ed emozionato molto e a voi? . . . #casadilego #emmamarrone #browncrew #xf2020

Un post condiviso da Emma Marrone ❤😍 (@brown_seilamiavita) in data: 5 Nov 2020 alle ore 11:32 PST

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Avere sempre sonno: cause e rimedi efficaci

Corda per saltare: come allenarsi a casa

Leggi anche
  • milano ragazza sfugge stuproMilano, una ragazza sfugge a un tentato stupro e si sfoga sui social

    Tentata aggressione a sfondo sessuale nel cuore di Milano, la ragazza con due pugni riesce a mettere in fuga l’aggressore e a chiamare i soccorsi.

  • argentina congresso legge abortoArgentina, il Congresso riapre la discussione sulla legge sull’aborto

    Si riaprono le discussioni al Congresso argentino per la legge che legalizzerebbe l’aborto, tantissimi i sostenitori così come i contrari.

  • giornata mondiale contro l'aidsGiornata mondiale contro l’AIDS: perché è importante parlarne

    L’1 dicembre è la giornata mondiale contro l’AIDS, una malattia che silenziosamente provoca ancora vittime e pregiudizi verso chi ne soffre.

  • 
    Loading...
  • revenge porn cos'èRevenge porn: cos’è e quali sono i dati del fenomeno

    Il revenge porn è divenuto reato dal 2019 ma continua a esistere e a mietere vittime: 1 persona su 10 nel mondo ne è stata colpita.

Contents.media