Come fare yoga in estate: le posizioni e le respirazioni migliori

È arrivata l’estate, vorresti continuare la tua pratica quotidiana di yoga, ma fa troppo caldo? Ecco alcune tecinche e respirazioni da provare.

È arrivata l’estate, vorresti continuare la tua pratica quotidiana di yoga, ma fa troppo caldo? È del tutto normale faticare a trovare motivazione e costanza con lo yoga durante i caldi mesi estivi. Ci sono alcune posizioni e alcune sequenze, facili durante tutto l’anno, che durante il caldo estivo proprio non amiamo svolgere.

Come fare yoga in estate? Basta seguire alcuni consigli per combattere con lo yoga malessere e spossatezza.

Come fare yoga in estate?

Durante l’afa dei mesi estivi non dobbiamo strafare, ma prediligere una pratica yoga più leggera, ad intensità ridotta. Tutte quelle pratiche di yoga particolarmente dinamiche, come il power yoga, utili in inverno, sono altamente sconsigliate in estate. In estate, la nostra sudorazione aumenta già in modo naturale, se a questo aggiungiamo un’attività fisica esageratamente intensa, allora rischiamo di disidratarci e di perdere quell’equilibrio fisico e mentale a cui lo yoga aspira.

Come praticare yoga in estate quindi?

Meglio preferire una pratica yoga meno dinamica, magari hatha yoga, una disciplina che passa attraverso una serie di esercizi fisici (asana) respiratori (Pranayama) e tecniche di meditazione, o yin yoga. Quest’ultimo è uno stile di yoga morbido, lento e dolce, che prevede di mantenere in modo rilassato posizioni statiche. È uno yoga adatto a ogni età e a ogni livello di preparazione fisica e, soprattutto, all’estate.

Lo yin yoga ha tutte le caratteristiche che portano a raffreddare e rinfrescare il corpo.

Quando e quanto praticare yoga?

L’ideale in estate è dedicarsi alla pratica dello yoga al mattino presto oppure la sera, prediligendo così le ore meno calde della giornata.

Il tempo che dedichiamo alla pratica può invece rimanere invariato rispetto al resto dell’anno. Possiamo continuare i ritmi a cui siamo abituati: l’ideale sarebbe tre volte a settimana, con costanza e impegno.

La regolarità, ovvero “abhyasa” è la garanzia per ottenere tutti i benefici dello yoga.

Sitali, il “respiro rinfrescante” per l’estate

Tra i Pranayama, una respirazione particolarmente rinfrescante, perfetta per l’estate, è la Sitali Pranayama. Si tratta di un respiro rinfrescante, adatto per trovare sollievo dal caldo estivo.

Sedetevi a gambe incrociate, con la schiena dritta e le spalle rilassate. Poggiate il palmo delle mani sulle ginocchia e inspirate con la bocca, tenendo la lingua “accartocciata”, con tutto il contorno verso l’alto. Inspirate a fondo, trattenete il respiro qualche secondo, poi chiudete la bocca ed espirate dal naso.

Fate questo respiro più volte per rinfrescare il corpo, combattere stanchezza e la spossatezza.

Scritto da Alessia Vitale
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Acido lattico: sintomi e come smaltirlo dopo l’allenamento

Musica per correre: la playlist per avere la carica giusta

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.