Tatuaggi al sole: come si possono proteggere? Quali sono le verità e i miti da sfatare?

Qual è la stagione perfetta per sfoggiare i tatuaggi? L'estate! Ma sempre con attenzione. Se ci si vuole esporre al sole è importante applicare la protezione solare, ancora di più se si hanno dei tatuaggi.

Proteggere la propria pelle quando si è al mare è fondamentale per la nostra salute. Infatti si consiglia sempre l’uso della protezione solare, quella più alta se possibile, proprio per evitare le fastidiosissime scottature o eritemi e soprattutto per contrastare la formazione di melanomi.

A maggior ragione chi possiede tatuaggi sul corpo dovrebbe prestare più attenzione per evitare che il tatuaggio sbiadisca o si irriti. Come si possono proteggere adeguatamente i tatuaggi? Cosa si deve fare o non fare?

tatuaggi al sole verita miti da sfatare

Tatuaggi al sole: come si possono proteggere?

Si sa che i tatuaggi devono essere sempre protetti quando ci si espone al sole. Come? Innanzitutto applicando sempre una crema solare con fattore di protezione alto quindi quella con SPF 50+. Si va a mettere sulla zona del tatuaggio ma anche sul resto del corpo. Un’altra soluzione da usare in caso di esposizione al sole è lo stick protettivo ottimo per i tattoo più piccoli.

In questo modo si eviterà anche si far perdere pigmento e brillantezza. Molte aziende che producono cosmetici hanno realizzato delle vere e proprie linee per chi ha la pelle tatuata. L’inchiostro dei tatuaggi, soprattutto i colori scuri, tende a schiarire perché il sole favorisce il ricambio cellulare e quindi il pigmento può essere eliminato dall’organismo. Quali sono le verità e i miti da sfatare?

Tatuaggi al sole: verità e miti da sfatare

Cosa si deve fare

Se si ha un tatuaggio appena realizzato la cosa migliore da fare è non esporsi al sole almeno per il primo mese. Si crea un vera e propria ferita che deve guarire del tutto e il tempo necessario sono almeno quattro settimane. Un altro accorgimento è quello di proteggerlo più volte al giorno con delle creme create appositamente per i tatuaggi. Se invece li abbiamo da tempo è comunque necessario applicare la protezione quando ci si espone al sole. Il sudore contrariamente a quello che si pensa non va a creare infezione al tatuaggio in quanto non contiene nessun tipo di batteri, invece non bisognerebbe stare a contatto con la sabbia e con la salsedine.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Bepanthenol Tattoo (@bepanthenol_tattoo)

Cosa non si deve fare

Alcuni pigmenti soprattutto quelli chiari possono scatenare reazioni allergiche anche dopo tanto tempo. Evitare di esporsi al sole nelle ore più calde è una scelta premurosa proprio per non andare a irritare o far comparire vesciche che potrebbero infettarsi. Non mettere la protezione può far insorgere gravi problematiche sia a livello salutare che a livello estetico. La crema non fa uscire i dolorosi eritemi che possono andare a compromettere il tatuaggio e soprattutto evita che il il colore si dilati andando a sformare o sbiadire il disegno. Se è nuovo sarebbe meglio non fare il bagno e sdraiarsi al proprio per evitare il diffondersi di batteri all’interno della lesione.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Articoli correlati
Leggi anche
  • default featured image 1200x900Cosa fare per sentirsi più giovani e spensierate

    Gli esperti ci dicono che sentirsi giovani dentro comporta moltissimi benefici per la nostra salute, invecchiare è di certo inevitabile, ma nulla vieta di sentirsi e apparire giovani il più a lungo possibile.

  • Covid-19 virusOmicron, un paziente su 4 è più contagioso almeno 8 giorni

    Lo dice una ricerca della prestigiosa rivista scientifica Nature: si può rimanere contagiosi anche dopo la seconda settimana.

  • Martina Colombari dietaLa dieta di Martina Colombari, tra alimentazione e sport

    La dieta di Martina Colombari per avere un fisico perfetto. Il segreto? L’amore per lo sport e un’alimentazione bilanciata e uno stile di vita sano

  • bodyshape quali sono come riconoscerleBodyshape: quante forme del corpo esistono? Come si può riconoscere la propria?

    SI parla sempre più di bodyshape ovvero la forma del corpo. Esistono tante forme caratterizzate da vantaggi e svantaggi. Come possiamo riconoscere la nostra forma? Ne individuiamo 6 principali.

Contents.media