pasticcio centrali biogas

L’ennesimo “pasticcio” italiano sembra arrivare dalla regione delle Marche e riguardare le centrali a biogas.

La notizia è che nel decreto legge 91, stando alla denuncia del M5S, il governo cercherebbe di trovare una soluzione “postuma” all’assenza di VIA nell’iter che permette le autorizzazioni di alcune centrali a biogas nelle Marche.

Fatta la denuncia, scoppiato subito il caso.

L’articolo in questione dovrebbe essere quello che contiene le «Disposizioni finalizzate al corretto recepimento della direttiva 2011/92/UE in materia di valutazione di impatto ambientale».

Il problema, quindi, risulterebbe essere la presenza – nelle Marche – di altre centrali per la produzione di energia da biomasse e biogas che sono, però, autorizzate da una legge regionale incostituzionale.

Tale incostituzionalità dipenderebbe dal fatto che la legge regionale è in contrasto con la direttiva europea.

Dando fede alla denuncia del M5S, il tentativo potrebbe essere quello di sottoporre a posteriori alcuni impianti che in realtà non dovrebbero essere più operativi dal momento che i permessi mancano di validità.

Scritto da Valeria Abate
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Rossetto rosso a chi sta bene

si guadagna pedalando a parigi

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.