Chi è Ngozi Okonjo-Iweala, la prima donna alla direzione della Wto

Economista di lungo corso nigeriana ma naturalizzata statunitense, Ngozi Okonjo-Iweala sarà la nuova dirigente della World Trade Organization.

Prima donna e prima africana alla guida dell’Organizzazione mondiale del commercio (World Trade Organization, Wto). Ngozi Okonjo-Iweala, 66enne, è nigeriana ma naturalizzata statunitense e ha già ricoperto per due volte il ruolo di ministro delle Finanze del suo Paese, oltre ad aver lavorato alla Banca Mondiale.

Da poco nominata direttrice della Wto, il suo primo messaggio è stato: “La nostra organizzazione ha di fronte numerose sfide, ma lavorando insieme possiamo rendere la Wto più forte“.

Chi è Ngozi Okonjo-Iweala

Okonjo-Iweala è un’economista nata il 13 giugno 1954 a Ogwashi-Ukwu, nello Stato del Delta (Nigeria). Trasferitasi negli Stati Uniti nel 1973, tra il 1976 e il 1981 ha frequentato la facoltà di Economia all’università di Harvard per poi conseguire il dottorato in Economia Regionale e sviluppo al Mit di Boston.

Nel 2019 è diventata ufficialmente cittadina statunitense. Il suo volto era già noto a livello mondiale: la rivista Forbes l’ha inserita tra le cento personalità più importanti al mondo, mentre il Times nella sua classifica dei cento volti più influenti sul pianeta.

Leggi anche: Chi è Fabiana Dadone: tutto sulla ministra del governo Draghi

Prima donna ministro delle Finanze della Nigeria, e anche prima a ricoprire il ruolo due volte, dal 2003 al 2006 e dal 2011 al 2015, Ngozi Okonjo-Iweala è stata anche a capo degli Esteri, periodo in cui ha lavorato per cancellare il debito di 30 miliardi del suo Paese nei confronti del Club di Parigi, riuscendo nel suo intento.

Durante i suoi mandati si è prodigata per combattere la corruzione modernizzando i sistemi di gestione finanziaria e imponendo la pubblicazione dei conti pubblici. Ngozi Okonjo-Iweala è stata membro dei consigli di amministrazione di Standard Chartered Bank, Twitter, Global Alliance for Vaccines and Immunization (GAVI) e African Risk Capacity (ARC) e ha lavorato per 25 anni alla Banca Mondiale, tra il 2007 e il 2011 è stata amministratore delegato, ed è stata anche candidata come presidente.

Il 15 febbraio 2021, i 164 membri della Wto, l’Organizzazione mondiale del commercio, hanno ufficializzato la nomina di Okonio- Iweala a dirigente dell’organizzazione, una nomina che ha ricevuto il plauso dei maggiori leader mondiali, tra cui la Presidente della BCE Christine Lagarde che ha confermato come “la sua forte volontà e determinazione” le permetteranno di “promuovere (…) il libero commercio per il bene della popolazione mondiale”, mentre la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, ha parlato di “momento storico per il mondo”, sottolineando di essere particolarmente soddisfatta “nel vedere una donna africana alla testa dell’organismo”.

Leggi anche: Chi è Erika Stefani: tutto sulla ministra del Governo Draghi

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Trend beauty TikTok 2021: alcuni di essi fanno più male che bene

La vita delle tate della Royal Family, tra regole e uniformi

Leggi anche
  • israele cosa sta succedendoCosa sta succedendo in Israele?

    Nuova escalation di scontri tra Israele e Palestina che oppongono manifestanti palestinesi e forze dell’ordine israeliane dopo gli sfratti da Sheikh Jarrah.

  • Crossdressing uomini eteroCrossdressing, perché uomini etero si sentono bene con abiti femminili

    L’abbigliamento è sempre più gender fluid e uomini etero che preferiscono vestirsi da donna ne sono l’esempio, sono i crossdresser.

  • Gender fluid chi sonoGenerazione Z, gender fluid e sognatrice: chi sono gli adolescenti oggi

    Sono impauriti dal futuro ma non si tirano indietro e cercano di cambiare il mondo: chi sono i ragazzi della Generazione Z?

  • mamme donne realizzateNon è vero che le donne si sentono realizzate solo con la maternità

    Le donne solo se mamme, secondo l’opinabile parere dell’europarlamentare Antonio Tajani, acquisirebbero la loro realizzazione.

Contents.media