Henné per capelli, cos’è e come si usa: i consigli

| |

L'henné per capelli, una polvere colorante, è uno dei prodotti base della fitocosmesi. Come si usa e cos'è questo prodotto amato da tante donne.

L’henné è una polvere utilizzata da secoli nei paesi indiani e africani per prendersi cura e colorare capelli, unghie e pelle. Oggi se ne parla molto ed è utilizzato soprattutto da chi cerca un’alternativa alle classiche tinture, ma non solo, gli impacchi a base di questa magica polvere sono un toccasana per la chioma e la cute della testa.

Henné capelli: cos’è e come si usa

Sono numerose le proprietà che vengono attribuite all’henné e prima di scoprire come si applica, vediamo che cosa è. Si tratta di un arbusto spinoso chiamato Lawsonia Inermis, dai cui rami si ricava una polvere giallo-verde, che una volta essiccata viene utilizzata per colorare pelle e tessuti. In commercio si trovano tre diverse tipologie di questa tintura: rosso, neutro e nero. È fondamentale specificare che con l’henné non si possono far diventare i capelli più chiari, per schiarirli serve infatti una tecnica più aggressiva: la decolorazione.

Henné rosso

È quello ricavato dalla Lawsonia Inermis, che grazie a una molecola chiamata lawsone, una volta essiccata, produce naturalmente una colorazione aranciata-rossiccia.

Henné nero

Unendo la Lawsonia alla pianta Indigofera Tinctoria, si ottiene una colorazione più scura, perfetta per ottenere capelli mogano con riflessi caldi, che tendono alle sfumature cioccolato.

Henné neutro

Si ottiene dalla Cassia Obovata, non ha proprietà coloranti, è infatti trasparente, ma si rivela un ottimo toccasana per i capelli sfibrati, che necessitano di una maschera rinforzante e ristrutturante.

Preparazione e applicazione

In generale, preparare la miscela di henné da applicare sui capelli è una tecnica molto semplice e veloce. Di seguito spiegheremo i passaggi da seguire per ottenere un ottimo risultato a casa, senza dover andare per forza in un salone di parrucchieri.

  • Scaldare dell’acqua sul fornello e preparare un contenitore, come un’insalatiera o una ciotola (non di plastica, in quanto potrebbe assorbire la colorazione dell’henné). Versare la polvere necessaria nella ciotola e versare anche l’acqua, che deve essere calda, ma non bollente. La quantità di henné varia in base alla tipologia di capello. In linea generale, chi ha una chioma folta e spessa può inserire una quantità cha varia dai 50 grammi fino al 500/600 grammi, per chi ha i capelli lunghi fino alla vita.

    Per coloro che hanno i capelli fini la quantità di henné varia dai 30 grammi fino ai 350/400 grammi. Mescolare bene la miscela fino a ottenere un composto abbastanza denso e omogeneo. Per ottenere un risultato più idratante, si possono aggiungere al composto dello yogurt o del miele.

  • Per applicare l’henné serve che i capelli siano appena lavati e perfettamente puliti. Dopo aver steso un velo di crema su fronte, tempie e orecchie per far si che il viso non si colori e indossato un paio di guanti, si può iniziare con l’applicazione sulla chioma, che può essere sia bagnata, che asciutta. Con le dita prendere del composto e massaggiarlo sui capelli partendo dalla radice e raggiungendo tutte le lunghezze.
  • Terminata l’applicazione indossare una cuffietta o incelofanare i capelli con della pellicola trasparente.
  • In base all’effetto desiderato, lasciare in posa l’henné da 30 minuti fino a 6 ore.

    Più il tempo passa, più il colore sarà intenso e corposo.

  • Finita la posa, sciacquare la chioma con abbondante acqua tiepida per rimuovere tutti i residui di composto.

Svantaggi

Tra gli svantaggi c’è sicuramente la breve durata dell’effetto dell’henné sui capelli. La colorazione infatti non è permanente, ma si intensifica mano a mano che si esegue l’applicazione sui capelli. Altro effetto indesiderato è la perdita di colore ogni volta che i capelli vengono lavati. Non spaventatevi se sotto la doccia vi corrono sul corpo dei rigagnoli arancioni, è assolutamente normale. Infine, molte persone mal sopportano l’odore della polvere, che ricorda delle erbe.

Controindicazioni

Naturale non è sinonimo d’innocuo. Così come le tinte chimiche hanno delle controindicazioni, anche l’henné non è adatto a chiunque. L’uso di questa polvere colorante è infatti vietato a persone affette da favismo. Fra i vari componenti dell’henné si trova il composto 2-idrossi-1,4-naftochinone, che potrebbe essere potenzialmente in grado d’indurre l’emolisi in pazienti affetti da favismo, peggiorandone pertanto il quadro clinico e mettendo a serio rischio la loro salute.

Scrivi un commento

1000

Senti+ amplificatore auricolare: recensione e opinioni

Pandemia: cosa significa e differenza dall’epidemia

Leggi anche
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.