Giovanni Allevi: la lotta contro la malattia e la voglia di vincere

Giovanni Allevi continua la sua battaglia contro il tumore. L'ultima foto pubblicata sui social ci spiega che nella vita è sempre bene ricercare il bello

«Non voglio dimenticare la bellezza» ha scritto così Giovanni Allevi in uno dei suoi ultimi post sui social media, intrappolando i colori del tramonto dentro la sacca della flebo.

L’artista sta combattendo contro un mieloma, ma la voglia di vivere supera il dolore.

Giovanni Allevi e la lotta contro la malattia

Da giugno 2022 Giovanni Allevi ha scelto di allontanarsi dal palcoscenico. Una scelta naturalmente non dovuta alle sue volontà, ma una scelta dettata da cause di forza maggiore, come la salute. Purtroppo, l’artista ha scoperto di dovere combattere contro un mieloma, un tumore che colpisce alcune cellule contenute nel midollo osseo.

Una battaglia difficile, spesso dolorosa, ma che l’artista e compositore di 54 anni continua ad affrontare con estrema forza, anche grazie al profondo supporto di famiglia e fan.

Dopo il ritiro dalle scene, Allevi non ha mai smesso di aggiornare il suo pubblico attraverso l’uso dei social media. Con i suoi post e le sue storie, l’artista si è sempre sentito molto onorato della forte vicinanza ottenuta da tutte le persone che con amore lo seguono:

Immagino i vostri pensieri di incoraggiamento e vicinanza avvolgere il mio corpo, e dare un sollievo a questo dolore a tratti insopportabile. È iniziata la battaglia che mi ha portato nel nucleo più profondo della fragilità umana. Con voi vincerò!

Il 14 dicembre 2022 Giovanni Allevi ha voluto condividere sui social uno spaccato della sua quotidianità, la cruda realtà che sta vivendo da mesi, ma che non gli toglie la voglia di vedere il bello ovunque, anche attraverso una stanza di ospedale.

Ho voluto scattare questa foto per non dimenticare la capacità dell’uomo di saper trovare la bellezza in ogni momento, anche il più difficile. È una immagine che fa tremare, ma i colori del cielo al tramonto con cui si fonde, rappresentano una bellezza che non voglio dimenticare.

Un tramonto lontano filtra i suoi meravigliosi colori dentro l’opacità di una flebo: Giovanni Allevi conosce la poesia in ogni angolo di terra.

Il percorso dell’artista non sarà né breve, né semplice, ma grazie all’incoraggiamento dei fan e della moglie Nada Bernardo sarà un po’ più lieve.

Il compositore e pianista marchigiano non ha intenzione di arrendersi di fronte alla difficoltà che la vita gli ha posto davanti. Non sarà il tumore a demolire la sua poesia; il grande Allevi non si lascerà abbattere dall’ignoto che la malattia porta con sé e non rinuncerà alla ricerca del bello, anche laddove il bello a volte tende a scarseggiare.

Ricercare le sfumature più magnifiche è la chiave per affrontare un percorso instabile come quello che sta affrontando. Con coraggio, con estrema delicatezza ma con una forza intrinseca degna di una grande anima come la sua.

Giovanni Allevi non si arrende e i suoi messaggi arrivano dritti al cuore delle persone che gli vogliono bene. Nonostante l’angoscia di arrecare dolore ai suoi familiari e a tutti i suoi fan, la rinuncia alla musica, ai concerti che per lui sono vita, il compositore ha scelto di combattere quello che lui stesso ha definito «un suono dolce». Quale altra anima pura avrebbe scelto di chiamarlo così?

In bocca al lupo a Giovanni Allevi, che la forza della vita possa non abbandonarti mai.

Scritto da Marta Mancosu
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Articoli correlati
Leggi anche
  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

  • Lance KerwinChi era Lance Kerwin: tutto sull’attore de La casa nella prateria

    È scomparso all’età di 62 anni l’attore de La casa nella prateria e Le notti di Salem: Lance Kerwin, noto attore di fama mondiale, era assai conosciuto

Contentsads.com