Emis Killa: i dettagli della sua carriera musicale

Chi è Emis Killa e perché è tanto famoso. Si tratta di uno dei rapper italiani più conosciuti e apprezzati. I suoi dischi sono molto conosciuti.

Chi è Emis Killa e quali sono gli esordi della sua carriera? Passiamo in rassegna anche la discografia e i dischi più venduti, nonché le canzoni più conosciute del celebre cantante.

Qual è il vero nome di Emis Killa

Il vero nome di Emis Killa è Emiliano Rudolf Giambelli.

Il rapper italiano è nato a Vimercate, attualmente provincia di Monza e Brianza, nel novembre del 1989.

Sua madre era un’operaia metalmeccanica ed è originaria della Sicilia, mentre il padre, purtroppo scomparso, era un musicista. L’uomo suonava i pianoforte in gruppi musicali locali. Si può dire quindi che la passione e l’amore per la musica, Emiliano lo abbia ereditato da lui. Emis Killa ha anche un fratellastro.

Il rapper non ha mai terminato gli studi: dopo le medie, infatti, si è iscritto ad un istituto tecnico e poi ad un alberghiero, ma non ha mai conseguito il diploma.

Ha iniziato a lavorare molto giovane, svolgendo lavori duri, come quello del muratore. Successivamente ha iniziato a dedicarsi alla musica, prevalentemente al freestyle. Ha adottato, così, nel 2007 il nome di Emis Killa.

Ha fatto sapere che Emi è il diminutivo di Emiliano, a cui ha voluto aggiungere la lettera S. Killa, nello slang americano, invece, sta per killer. La motivazione di tale scelta sta nel fatto di aver vinto tutti i concorsi di freestyle fino a quel momento.

Nella vita privata, Emis Killa risulta legato ad una ragazza di nome Tiffany, un’aspirante stilista e blogger francese. I due, si vocifera, si sposeranno nella prossima primavera. Sono legati da ben 5 anni d’amore.

Gli esordi della carriera

I suoi esordi in carriera appartengono, quindi, al concorso di freestyle, dove risulta vincitore nel 2007. Successivamente, firma un contratto con un’etichetta discografica indipendente, con cui pubblicherà ben tre album negli anni successivi. Nel 2011 firmerà, invece, un contratto con la Carosello, dove pubblicherà un nuovo album.

Nel 2012 è tempo di un altro album, L’erba cattiva, che arriverà in quinta posizione nella classifica italiana e vi rimarrà per circa un anno. In questo album, Emis Killa ha collaborato con diversi artisti rap, del calibro di Gué Pequeno, Fabri Fibra, Marracash e Tormento.

Ottiene, inoltre, il record di 2,5 milioni di visite su Youtube per il secondo singolo estratto dall’album. Successivamente, sempre nel 2012, Emis Killa andrà a pubblicare un nuovo singolo, che vede la partecipazioni di altri artisti, come il già citato Marracash, ma anche Club Dogo e J-Ax.

Il ricavato delle vendite di tale brano è stato poi devoluto interamente per aiutare le popolazioni colpite dal violento terremoto dell’Emilia Romagna del 2012.

La discografia di Emis Killa

Vediamo, adesso, più nel dettaglio la discografia del celebre rapper italiano Emis Killa. Sono quattro gli album da lui pubblicati in studio, con oltre venti singoli. A questi si vanno ad aggiungere alcuni mixtape e dei video musicali, tutti pubblicati su Youtube e, quindi, visibili al grande pubblico.

Il primo album, pubblicato nel 2011 gratuitamente, si intitola Il Peggiore. E’ considerato l’anticipazione dell’album successivo ed è stato anticipato da un videoclip che ha avuto molto successo.

Di questo album fanno parte sette tracce: Il peggiore, Tutti in catene, Io sono la moda, La bara più grande del mondo, Stupefacente, Qualcosa non va, Sexy Line.

Nel 2012 arriva il secondo album, che avrà molto successo, intitolato L’erba cattiva. Sarà un album molto più lungo del precedente, con tanto di 12 brani.

Questi, nel dettaglio, sono: Sulla luna, Cashwoman, Parole di ghiaccio, Dietro front, Come un pitbull, Ognuno per sé, L’erba cattiva, Cocktailz, Nice Pic, Nei guai, Giusto o sbagliato, Il mondo dei grandi, Tutto quello che ho. Alcuni di questi grani saranno con Fabri Fibra, Gué Pequeno, Tormento e Marracash.

Dell’album fanno parte i bonus track Il peggiore e Di.enne.a. La gold version, invece, prevede altri quattro brani: E’ meglio così, Chissà se, Il king, Più rispetto.

Gli album successivi

Nel 2013, Emis Killa pubblica Mercurio, altro album che avrà molto successo e di cui esiste anche un’edizione speciale.

Sono quindici le tracce: Wow, Scordami chi ero, MB45, Lettera dall’inferno, A cena dai tuoi, Soli, Essere Umano, Blocco Boyz, Va bene, Gli stessi di sempre, Straight Rydah, Fratelli a metà, Vietnam Flow, La testa vuota, Mercurio. Nell’edizione speciale, presenti anche le canzoni Maracanà, Balla col diavolo, Brutta, Se penso al rap.

Infine, il quarto album: Terza stagione, che otterrà il disco d’oro nel 2016.

Sono diciassette brani che si basano su tematiche relative all’abuso di droghe e alcool, sesso e femminicidio: Dal basso, Non era vero, Prima che sia lunedì, Italian Dream, Quello di prima, Parigi, Uno come me, Non è facile, Jack, All’alba delle 6, Sopravvissuto, Su di lei, Cult, 3 messaggi in segreteria, Buonanotte, Vecchia maniera, Vestiti sporchi.

I dischi più venduti

Di questi 4 dischi, ce ne sono alcuni che sono senza dubbio più venduti di altri. Il primo, Il Peggiore, è stato pubblicato gratuitamente per il dowload digitale e, quindi, non rientra nelle classifiche dei dischi più venduti. Il secondo, L’erba cattiva, ha esordito al quinto posto della classifica italiana degli album, dove è rimasto per ben nove mesi nelle prime 35 posizioni, raggiungendo al massimo il quarto posto.

Nel 2012 è diventato disco d’oro. Ha raggiunto, infatti, le 30.000 copie vendute. Il singolo Parole di ghiaccio è diventato disco di platino. Ha raggiunto, infatti, 30.000 download digitali. Nel 2013 diventa disco di platino. Oltre 60.000 copie vendute per l’album.

E’ andato bene anche il terzo album, Mercurio. L’album ha debuttato in prima posizione e, successivamente, è diventato disco d’oro. Nel 2014 è stato certificato disco di platino. Ha raggiunto, infatti, le 50.000 copie vendute.

Terza stagione, invece, ha raggiunto la certificazione di disco d’oro.

Le canzoni già belle

Tra le canzoni più belle di Emis Killa, dobbiamo ricordare senza dubbio Maracanà. Il brano ha fatto molto scalpore, in quanto è stato utilizzato come la sigla di Sky Sport per il campionato mondiale di calcio 2014.

E’ stato scritto da lui assieme a Big Fish, Aquadrop e Alessandro Erba ed è un chiaro omaggio all’omonimo stadio brasiliano.

Molto apprezzata è anche Parole di ghiaccio che, a detta dell’artista, riassume il gusto amaro che ha di raccontare le storie d’amore. Si tratta, infatti, di un pezzo un po’ duro, che sembra essere dedicato ad una storia finita male.

Il libro scritto

Non tutti sanno, inoltre, che Emis Killa ha anche scritto un libro. Si intitola Bus 233. Viaggio di sola andata. In questo volume, il rapper di Vimercate cerca di raccontare il mondo del rap alla gente. Ma non solo.

Si tratta di temi importanti come la crescita giovanile, ma anche quella sua artistica, la sfera del privato e il suo rapporto con il pubblico. L’idea è quella di mandare un messaggio positivo ai giovani, cui è dedicato questo libro.

Possiamo affermare che il libro è autobiografico? Si parla di lui e della sua storia, ma non lo è. Da giovanissimo, aveva una vita dalla quale voleva scappare e un sogno da realizzare.

Si tratta di un libro piuttosto semplice nella scrittura, che narra come un piccolo individuo cresce e diventa grande. Emis Killa racconta il suo percorso musicale, dal momento in cui si è approcciato per la prima volta alla musica per diletto, fino al momento in cui ha deciso di farne un mestiere.

Più che un’autobiografia, è quindi un messaggio che Emis Killa cerca di dare ai giovani. Magari, per invogliarli a fare altrettanto, a inseguire i propri sogni. E’ possibile trovare questo libro anche in versione CD Audio. Il libro è stato scritto nel 2013 ed è stato pubblicato da Rizzoli editore.

Le accuse

Nel corso della sua carriera, Emis Killa ha ricevuto anche accuse di omofobia. Queste sono state, però, da lui smentite. I motivi riferiti a ciò riguardano i testi dei suoi brani, tra cui Broken Dolls, Milano Male o Riempimi le tasche.

Nella sua carriera, presente anche qualche apparizione in televisione. Dal 2014 al 2017 ha fatto parte di Goal Deejey, dove successivamente è stato sostituito dalla bella Diletta Leotta.

Nel 2014, inoltre, ha fatto parte come giurato di Miss Italia 2014. Sempre nello stesso anno è stato giudice di MTV Spit 2. Ha partecipato agli MTV Awards 2015 ed è stato Coach di The Voice of Italy nel 2016.

Nella sua carriera, numerosi premi e riconoscimenti. Nel 2011 ha vinto il premio Ragazzi e cinema, mentre nel 2012 ha vinto il TRL Awards 2012, gli MTV Europe Music Awards e gli MTV hip hop Music Awards.

E’ stato candidato a miglior cantante italiano nel 2013 da Nickelodeon Kids’ Choice Awards e ha vinto gli Mtv Music Awards nello stesso anno. Ancora, nel 2014 è stato insignito del premio Rivelazione 2014 agli Web Show Awards e ha trionfato nell’evento Cubomusica nello stesso anno.

Vince, inoltre gli Stage Award del 2015 come miglior artista rap, nonché gli Wind Music Awards dello stesso anno come premio cd platino per l’album Mercurio.

Scritto da Erika Vettori
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Lorenzo Licitra: chi è il vincitore di X Factor 2017

Diletta Leotta: la carriera della giornalista su Sky

Leggi anche
  • chi è oliviero toscaniChi è Oliviero Toscani: tutto sul fotografo italiano

    Noto per aver realizzato alcune delle campagne Benetton più famose di tutti i tempi, ecco la storia del fotografo attento all’inclusione.

  • chi era john steinbeckChi era John Steinbeck: vita dello scrittore statunitense

    Giornalista, ideatore di romanzi, novelle e racconti. La scrittura è il grande talento di John Steinbeck, il noto autore americano del XX secolo.

  • chi è giovanni ludenoChi è Giovanni Ludeno: vita e carriera dell’attore italiano

    Con una lunga carriera alle spalle, Giovanni Ludeno accresce la sua popolarità con la serie televisiva Rai “Le indagini di Lolita Lobosco”.

  • jacopo cullin chi èChi è Jacopo Cullin: curiosità e carriera dell’attore sardo

    Spot, cortometraggi, film, fiction, spettacoli teatrali: tutto quello che c’è da sapere sulla carriera di Jacopo Cullin.

Contents.media