Dieta del lungo respiro giapponese: cosa mangiare e come funziona

Dimagrire respirando? Dal Giappone arriva la dieta del respiro che promette una considerevole perdita di peso senza alcuno sforzo.

Per dimagrire basta respirare? Ebbene sì, questo è il concetto che sta alla base della dieta del respiro giapponese secondo cui il grasso si scioglierebbe respirando a fondo. Ovviamente non pensate di vivere solo di aria: si può mangiare anche abbastanza liberamente.

Dieta del respiro giapponese

L’attore giapponese Miki Ryosuke è l’ideatore della cosiddetta “dieta del respiro”, che, come sostiene, gli ha permesso di perdere ben 13 chili e 12 cm di girovita in sei settimane, senza limitazioni nell’alimentazione. Avrebbe scovato questo modo per dimagrire per caso mentre era alla ricerca di metodi di rilassamento basati sul respiro. Così facendo Ryosuke ha scoperto quanto sia efficace respirare intensamente per perdere massa grassa, e secondo la sua esperienza, basterebbe effettuare ogni giorno una serie di lunghi respiri per perdere i chili di troppo.

Sembrerà assurdo eppure il meccanismo alla base della dieta del respiro è presto spiegato. Il modo per eliminare i depositi adiposi è incamerare ossigeno e rilasciare anidride carbonica. Il grasso è composto da carbonio, idrogeno e ossigeno e quando quest’ultimo raggiunge le cellule adipose, avviene una reazione chimica che libera energia che origina prodotti di scarto come acqua e anidride carbonica, smaltiti attraverso respirazione e sudorazione.

Dieta del respiro: come funziona

La dieta del respiro di Miki Ryosuke si basa su pochi e semplicissimi esercizi di respirazione.

Per prima cosa bisogna mettersi in piedi e posizionare una gamba avanti e una indietro, tenendo il peso del corpo sul piede posteriore. Inspirare quindi per 3 secondi, sollevando le braccia sopra la testa, ed espirare buttando fuori l’aria con forza per 7 secondi. Nel fare ciò è indispensabile contrarre i muscoli del ventre. Sono sufficienti minimo 2 minuti e massimo 5 di respirazione al giorno per vedere i primi risultati.

Certo, occorre avere cura anche nell’alimentazione. I cibi alla base della dieta mediterranea sono l’ideale, ma l’importante è apportare tutti i nutrienti necessari al fabbisogno energetico. Gli esercizi di respirazione aiuteranno a bruciare i grassi e a ridurre sensibilmente lo stress che per molti è fonte di aumento di peso, permettendo di gestire molto meglio le emozioni negative.

Dieta del respiro: le controindicazioni

Anche se il respiro è un atto naturalissimo e indispensabile per la sopravvivenza, esistono alcune controindicazioni e bisogna prestare sempre attenzione. Il respiro è un atto involontario e i medici avvertono che non dovrebbe essere condizionato. Alterarlo intensificandolo potrebbe causare iperventilazione, provocare palpitazioni o addirittura svenimenti con perdita di conoscenza. Soprattutto chi soffre di problemi cardiaci o respiratori, come gli asmatici, dovrebbe evitare di sperimentare la dieta del respiro.

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Scarpe con tacco estive: trend e modelli

Dieta dei tre giorni: come dimagrire velocemente

Leggi anche
  • dietaDieta di Antonella Clerici: come dimagrire 5 chili al mese
  • dieta swankDieta di Noemi: come funziona il suo regime alimentare

    La dieta di Noemi permette di tornare in forma grazie a una alimentazione sana e l’allenamento Tabata per ottenere ottimi risultati.

  • dieta del gene magroDieta del gene magro Sirt: come funziona e i benefici

    La dieta del gene magro permette, tramite l’inclusione e il consumo di determinati alimenti, a perdere peso in poco tempo.

  • dieta di marzoDieta di marzo: i migliori cibi di stagione

    La dieta di marzo sfrutta i benefici di alcuni cibi di stagione per aiutare a dimagrire ed essere in forma per la primavera.

Contents.media