Maurizio Mian: tutto sull’imprenditore

Il nome di Maurizio Mian è associato culturalmente a Gunther, il suo fidato pastore tedesco figlio di una leggenda incredibile: chi è l'imprenditore?

È stato il presidente del Pisa Calcio tra il 2002 e il 2005 e la sua immagine è sempre associata a quella di Gunther, il suo fido cane. Si tratta di Maurizio Mian, farmacologo pisano classe 1956, la cui storia diventerà una docu-serie su Netflix.

Scopriamo insieme qualcosa in più su di lui.

Maurizio Mian: tutto sull’ex presidente del Pisa Calcio

Maurizio Mian è nato il 25 marzo 1956 sotto il segno dell’Ariete e attualmente ha 67 anni. È conosciuto per essere un grande imprenditore ed erede farmaceutico, oltre che amministratore delegato della Gunther Corporation.

Personalità eccentrica e carismatica, Maurizio Mian ha spesso utilizzato il suo fidato cane Gunther come figura di riferimento per i suoi investimenti in club sportivi e nei suoi vari lavori come imprenditore. E proprio a scopo pubblicitario, Mian ha diffuso una leggenda metropolitana ancora oggi conosciuta sulla sua dinastia di cani da pastore tedesco, tutti di nome Gunther e incredibilmente ricchi. Non a caso, infatti, i cani Gunther sono comparsi spessissimo nelle liste pubblicate degli animali più ricchi del mondo.

Maurizio Mian è stato il presidente del Pisa Calcio dal 2002 al 2005, ma non solo. Gunther, il suo bellissimo pastore tedesco, diventa ufficialmente il presidente onorario. Nella primavera del 2002, Mian insieme alla madre Gabriella Gentili (imprenditrice farmaceutica), coronò il grande sogno di acquistare la società nerazzurra da Roberto Posarelli ed Enrico Gerbi. Mian, la madre e ovviamente Gunther presentarono un grandissimo progetto, ricco di ambizione e di obiettivi specifici. Purtroppo, però, le soddisfazioni ricavate da tale progetto furono poche e non mancarono le proteste e le polemiche da parte della tifoseria.

Qualche tempo dopo, Maurizio Mian decise di tuffarsi nella nuova avventura dell’editoria, rilevando le quote del giornale L’Unità. Anche in questo caso, però, le cose andarono male e Mian finì in mezzo a un processo di tribunale per la bancarotta dello stesso avvenuta nel 2014.

Il nome di Mian tornò a galla per il Pisa nel 2016, quando la squadra era alle prese con una disperata battaglia per non sprofondare nel baratro. Per non si sa quale motivazione, Mian fu nominato presidente onorario e, come si può bene immaginare, le proteste furono numerose.

La storia di Maurizio Mian diventa una docu-serie

La storia del farmacologo pisano, presidente del Pisa Calcio e del suo amato cane Gunther arrivano su Netflix con una nuova ed esilarante docu-serie. La piattaforma streaming ha annunciato l’uscita di I milioni di Gunther e sarà disponibile a partire dal 1 febbraio 2023.

Un cane con un fondo fiduciario non è la parte più strana della storia. Anche l’eccentrico custode di Gunther ha trascorso una vita lussuosa… con un entourage di seguaci.

La storia del cane Gunther, ereditiere a tutti gli effetti, fa il giro di tutti i giornali nel giro di pochissimo tempo e la serie-tv di Netflix vuole proprio raccontare questa parte interessante della vita di Maurizio Mian.

Riguardo alla docu-serie, Mian ha dichiarato:

È una produzione americana di Netflix, un documentario per il quale siamo stati contattati tra il 2020 e il 2021, quando è iniziata la produzione, dopo che Netflix aveva cercato tra vecchie storie e archivi […] Non l’ho ancora vista e sul contenuto c’è molta riservatezza, ma sicuramente il mio lato eccentrico emergerà di sicuro. Ciò che posso dire è che la serie sta seguendo il filone di molte storie revival del passato, come l’Isola delle Rose, ad esempio.

Non resta che attenderne l’uscita e tuffarsi in una delle leggende più seguite di sempre.

Scritto da Marta Mancosu

Lascia un commento

Leggi anche
Contentsads.com