Caro Gianfranco Fini, dove vai se le tv non le hai? I disastri del giornalismo ad personam per la destra italiana

Si è parlato più volte, anche qua su Teleipnosi, dello scarso pluralismo dell'informazione (specialmente televisiva) del nostro paese, dove a volte per vocazione, altre per convenienza o costrizione, i giornalisti sembrano essersi trasformati in cani da guardia a difesa del governo.

Non si è mai fatto notare però come questa situazione risulti penalizzante non solo per l'opposizione ma anche per il livello di democrazia interno al centro-destra, per lo sviluppo delle normali dinamiche di dialogo e confronto tra le diverse anime della maggioranza.

Mi spiego meglio. Il punto è che la televisione italiana, più che essere di destra o filogovernativa, è proprio e più semplicemente "berlusconiana". Non appoggia o difende un partito, un movimento, un programma, un'area politico-culturale, ma un uomo: Silvio Berlusconi, cioè il suo padrone, guarda caso.

Un giornalismo di questo tipo, che potremmo definire ad personam, si cura di attaccare e censurare non solo le iniziative dell'opposizione, ma anche tutte le voci critiche o indipendenti che emergono nella maggioranza stessa e che osano mettere in discussione la linea del capo. Guardate, per esempio, il trattamento che è stato riservato a Giulio Tremonti e a Gianfranco Fini, presentati nella migliore delle ipotesi come dei complottisti ingrati per il semplice fatto di avere espresso
delle posizioni non perfettamente in linea con i desideri del presidente del Consiglio.

Questa situazione, insieme ad altri elementi, blocca il dibattito
all'interno del centro-destra, ne inceppa il normale meccanismo
democratico che attraverso lo scambio e il confronto di idee – che oggi avviene quasi interamente sui media – conduce prima o poi al normale e fisiologico cambio delle classi dirigenti e dei leader.

In altre parole, se nel nostro paese esistesse una stampa di destra indipendente e non di proprietà del premier, con tutta probabilità anche e soprattutto su quest'ultima si svilupperebbero dibattiti, interventi e pressioni tesi a ridimensionare il potere di un leader così ingombrante, controverso e fonte di divisione e conflitto nel paese. E i giornalisti si dividerebbero tra finiani e tremontiani, invece di essere tutti, come sempre, berlusconiani.

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

X Factor, pagellone politicamente scorretto dell’undicesima puntata

eBay: dopo il sito, arriva il magazine

Leggi anche
  • Cornelia Jakobs chi èChi è Cornelia Jakobs: la cantante svedese dell’Eurovision 2022

    Tutto quello che sappiamo su Cornelia Jakobs, la cantante svedese che parteciperà all’Eurovision Song Contest 2022 con il suo brano Hold Me Closer.

  • mara carfagna chi èChi è Mara Carfagna: vita privata e curiosità sulla ministra

    Laureata in Giurisprudenza, sesto posto a Miss Italia, alle spalle una legge contro lo stalking: la carriera della Ministra per il Sud Mara Carfagna.

  • Recensione nuovo film "Animali Fantastici - I segreti di Silente"Recensione del nuovo film “Animali Fantastici – I segreti di Silente”

    “Animali Fantastici – I segreti di Silente”, nuovo film intenso e sempre sul filo del rasoio, concentra l’attenzione sui tragici intrecci di Albus Silente.

  • freaks outFreaks Out: trama e cast del film

    Freaks Out è un film del 2021 dai grandiosi effetti speciali e con un grande cast, la cui trama ha tocchi di fantasy e dramma.

Contents.media