Avvolgere i capelli nell’asciugamano dopo lo shampoo fa male: i motivi

Fare un turbante con l'asciugamano con la chioma bagnata è un'abitudine sbagliata che sarebbe meglio evitare.

Un’abitudine molto diffusa che però andrebbe evitata: avvolgere i capelli nell’asciugamano a mo’ di turbante dopo lo shampoo fa male.

Avvolgere i capelli nell’asciugamano: fa male?

Desiderio di tutti è quello di avere una chioma folta, sana e luminosa.

Proprio per questo c’è chi dedica molto tempo alla haircare, utilizzando prodotti specifici e di qualità e procedendo con un’asciugatura corretta.

Il primo step fondamentale per sfoderare capelli lucenti è quello di lavarli correttamente. Spesso, però, dopo aver sciacquato shampoo e balsamo, si avvolge la chioma in un asciugamano prima di procedere all’asciugatura. L’asciugamano permette di eliminare l’acqua in eccesso e mentre lo si ha in testa si possono sbrigare altre faccende o trattamenti beauty al viso e al corpo.

Il classico turbante è un’abitudine molto diffusa, ma pochissimi sanno che in realtà è dannosa per la salute del capello.

Ebbene si, nonostante sia difficile crederlo, sarebbe meglio evitare di fare il turbante a capelli bagnati. L’asciugamano è infatti realizzato con fibre dure e ruvide. I capelli bagnati, soprattutto se lunghi, sono molto fragili e si possono rovinare se avvolti in questo tipo di tessuto. Inoltre, il turbante, soprattutto se stretto molto, tende a tirare i capelli, rendendoli più deboli e vulnerabili ai danni.

Non da meno, lo sfregamento con l’asciugamano di spugna rischia di rendere la chioma più crespa e meno morbida.

capelli asciugamano dopo shampoo

Le alternative all’asciugamano

Come detto, quindi, avvolgere i capelli nell’asciugamano dopo lo shampoo è un’abitudine dannosa. Esistono però delle valide alternative che si possono utilizzare ogniqualvolta si lava la chioma.

Il segreto sta nel scegliere tessuti che non hanno trama ruvida e spessa che possa quindi compromettere la salute dei capelli. Si può quindi optare ad esempio per panni di cotone, foulard di seta e tessuti più delicati della spugna. Se in casa non si possiedono stoffe apposite, va benissimo utilizzare una t-shirt pulita, in cui avvolgere delicatamente la chioma bagnata.

Dopo aver sciacquato shampoo e balsamo, procedere quindi arrotolando delicatamente della stoffa delicata sulla testa. Successivamente districare i capelli con le dita e non con la spazzola, in quanto la frizione potrebbe creare danni e far spezzare la chioma.

Passaggio fondamentale per avere capelli sani è poi quello dell‘asciugatura. Per non rendere vano tutto il lavoro di detersione e i trattamenti, è essenziale asciugarli nel modo corretto. Evitare temperature troppo elevate e mantenere la distanza corretta tra cuoio capelluto e phon è infatti indispensabile. Inoltre, utilizzare dei prodotti termoprotettori permette di creare un film protettivo per preservare la salute del capello dal calore. Sarebbe opportuno, infine, non eccedere nell’uso di piastre e ferri.

Scritto da Chiara Caporale
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Giacomo Urtis prima e dopo la chirurgia: è irriconoscibile

Leggings effetto pelle inverno 2020-21: idee di outfit

Leggi anche
  • crema protettiva maniCrema protettiva mani: dove ordinare le migliori

    La crema protettiva mani offre protezione e idratazione a questa zona della pelle molto delicata e spesso soggetta a irritazione e rossori.

  • matita giusta per sopraccigliaCome scegliere la matita giusta per le sopracciglia

    Scegliere la matita giusta e perfetta per le proprie sopracciglia è spesso un’impresa ardua: i consigli per un make up perfetto.

  • make up trend primavera 2021Make-up: ecco i trend da seguire per la primavera-estate 2021

    Nella nuova stagione l’arma segreta per un trucco di tendenza è stupire con effetti neutri o originali.

  • lipstick index cosa èCos’è il lipstick index e come è cambiato ai tempi del Covid

    Cosa è il lipstick index, un indicatore delle vendite di rossetti che nei periodi di crisi subisce un’impennata: con il Covid però qualcosa è cambiato.

Contents.media