La sindrome del lavoratore bruciato o il “burn-out”

>Le vittime di burn-out
Comunemente la sindrome del burn-out o del lavoratore bruciato, viene dichiarata tra gli individui il cui lavoro comporta un forte impegno e/o responsabilità importanti. Si trova, soprattutto, nell’ambito professionale della “cura”: medici, insegnanti, lavoratori sociali.

Tuttavia nessuno è immune e questa malattia può colpire chiunque. Spesso paragonata alla depressione, in realtà si dovrebbe prendere il burn-out molto sul serio.

>Cause di burn-out
L’emergere del burn-out è attribuito a cause diverse. Sono tutte legate a un ambiente di lavoro stressante. Le persone con un carattere più ansioso sono più predisposte alla malattia. Il perfezionismo verso se stessi, una consapevolezza professionale troppo sviluppata, l’impossibilità di delegare, il desiderio di successo…Ma anche perché le aspettative che riguardano gli altri sono troppo grandi, perché si rincorre un risultato ideale previsto o quando il successo è troppo importante, o ancora perché il lavoro rappresenta l’unica fonte di soddisfazione ed è considerato come un rifugio.

Ecco cosa può innescare questa sindrome. In tutti quei casi, c’è uno squilibrio tra le aspettative dell’individuo e la realtà, che provoca uno stress profondo.

>Sintomi di burn-out
Si definisce il burn-out come una sindrome tridimensionale. Si manifesta su tre assi:
-Esaurimento emotivo: l’individuo è vuoto mentalmente. Manca l’energia e l’umore e si perdono tutte le motivazioni.
-La spersonalizzazione: la vittima di burn-out ha atteggiamenti impersonali, freddi e distanti nei confronti delle persone con cui lavora.

Le loro proposte sono negative e spesso c’è un atteggiamento cinico. -La mancanza di realizzazione personale: l’individuo non apprezza il suo lavoro, si sente incompetente. Il burn-out provoca stati di affaticamento fisico, emotivo e intellettuale. Il malato è irritabile. Le manifestazioni di questa sindrome variano di un individuo ad un altro, ma i sintomi sono, spesso, accompagnati da disturbi psicosomatici come dolori alla testa, della schiena, sonni disturbati, disturbi intestinali, raffreddori ripetuti… Nel lavoro può manifestarsi con una produttività bassa e la sensazione di compiere sforzi sproporzionati rispetto alla poca soddisfazione che sente l’individuo.

> Come guarire il burn-out?
Partendo dal lavorarci sopra! Ma prima bisogna sapere che fare per evitare che la sindrome sia un’esasperazione più. Quindi, è molto consigliabile lasciarsi aiutare e seguire una terapia per migliorare il comportamento anche al di fuori del mondo del lavoro. Quei momenti fuori dal campo professionale sono, allo stesso modo, il tempo ideale per riflettere e valutare le nostre aspettative ed i nostri desideri. In parallelo, come esercizio fisico, perché non andare a yoga per imparare a rilassarsi e per controllare l’ansia?

Scritto da Ornella Grassi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Copia il look di Blake Lively

Le stelle dell’indumento: la giacca con patch di Gucci

Leggi anche
Contents.media