Il fondatore di Alibaba Jack Ma è scomparso, che fine ha fatto?

Jack Ma è scomparso e le autorità cinesi hanno imposto il silenzio sulla vicenda. Sulla fine che possa aver fatto ci sono alcune inquietanti ipotesi

Jack Ma, l’uomo più ricco della Cina e fondatore di Alibaba e di Ant Group, ha fatto perdere le sue tracce da giorni. A ottobre il miliardario uomo d’affari aveva criticato il sistema di regolamentazione finanziaria del Paese e due mesi dopo le autorità antitrust cinesi avevano avviato un’indagine su Alibaba, la più grande società di e-commerce cinese.

La Cina non ha niente da dichiarare sulla sua scomparsa, ma che fine ha fatto Jack Ma?

Chi è Jack Ma

Di Jack Ma non si sa nulla e la Cina ha dato l’ordine ai media di non parlarne. Lo dice il Financial Times, spiegando che il regime avrebbe vietato di parlare dell’imprenditore, della sua società Alibaba e delle indagini antitrust in corso. Jack Ma è l’uomo d’affari cinese 56enne con un patrimonio che si aggirava sui 60 miliardi di dollari.

La sua fortuna però ha subito un taglio di 12 miliardi in circa due mesi perché la Cina ha inasprito le leggi che regolano il settore della tecnologia finanziaria. Classe 1964, Jack Ma è stato il primo imprenditore cinese ad apparire sulla copertina di Forbes e nel 2009 è stato decretato da Times uno degli uomini più importanti al mondo.

Jack Ma si è laureato in inglese nel 1988 e ha cominciato la sua carriera come insegnante di inglese all’università.

Lì si è appassionato all’utilizzo del web, tanto che poco dopo ha richiesto un prestito di 2.000 dollari per aprire e gestire un sito sulla Cina, China Yellowpages. Dopo essersi occupato di promozione del commercio elettronico, nel dicembre 1998 ha raccolto 60mila dollari con 18 amici con i quali ha fondato Alibaba.com e poi Alibaba Group. Nel maggio del 2003 ha fondato la piattaforma di vendita online Taobao, e nel dicembre del 2004 la Alipay, strumento di pagamento online.

Leggi anche: Peng Liyuan, chi è la first lady cinese

Chi fine ha fatto Jack Ma?

La vicenda che ha portato alla scomparsa di Jack Ma ha le sue origini negli ultimi mesi del 2020. Tutto è cominciato con l’offerta pubblica iniziale di 37 miliardi di dollari per i pagamenti di Alibaba e Ant Group che è stata annullata dalle autorità all’ultimo nel mese di novembre. Poche settimane dopo, le autorità antitrust hanno annunciato l’apertura di un’indagine su Alibaba e l’intero impero di Ma è stato messo sotto stretto controllo.

Un inquietante retroscena però riguarda ciò che aveva reso protagonista Jack Ma nel mese di ottobre. L’imprenditore, nella sua ultima apparizione pubblica, aveva tenuto un discorso di dura critica contro le banche statali e le autorità di regolamentazione finanziaria cinesi. L’impressione di alcuni analisti è che proprio quel discorso possa aver in qualche modo sfidato il regime e la sua leadership. “Gli investimenti delle società di Jack Ma sono direttamente associati ad alcune delle famiglie politiche più potenti della Cina. Il fatto che questa volta si stia mettendo nei guai con lo Stato cinese ha probabilmente un’eco politica molto importante, non solo perché ha fatto un discorso che potrebbe aver colpito Xi Jinping, ma anche qualche altro funzionario del Partito Comunista” ha detto Xiao Qiang, un ricercatore dell’Università della California al Financial Times.

E così, da dicembre, il governo cinese ha ordinato ai media di rispettare il silenzio imposto da Pechino circa l’indagine antitrust su Alibaba e di non riportare notizie dall’estero sul tema né, tanto meno, di impegnarsi in un’analisi della vicenda. Intanto, alcune voci provenienti dalla Cina dicono che il governo sarebbe al lavoro per un piano di nazionalizzazione di Alibaba e Ant Group, andando quindi oltre ai controlli annunciati in precedenza. L’ulteriore freno imposto all’azienda ha fatto precipitare le sue azioni di oltre l’8% e Jack Ma ha fatto perdere ogni traccia da settimane.

Di imprenditori cinesi che sono stati condannati a morte nel Paese, purtroppo, non ne mancano. Di pochi giorni fa è la notizia per cui Lai Xiaomin, ex presidente di China Huarong Asset Management, una delle più grandi società di gestione patrimoniale della Cina, è stato condannato a morte con le accuse di “corruzione e bigamia”. Non sappiamo quanto siano veritiere le accuse: i tribunali cinesi funzionano in modo diverso dai nostri e si basano sulla “presunzione di colpevolezza” perché reputati colpevoli dal Partito. Gli imputati si possono processare senza un avvocato e senza conoscere l’accusa fino al momento del giudizio. La Cina tuttora è il maggior esecutore di condanne a morte del mondo. Attendiamo sviluppi sul tema.

Leggi anche: La storia di Elon Musk: da Tesla a Space X

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Giacche lunghe da donna: i trend stagionali

Muffa sui vestiti: rimedi e consigli da seguire

Leggi anche
  • joe biden look insediamentoJoe Biden: il look per l’insediamento è firmato Ralph Lauren

    In occasione dell’insediamento alla Casa Bianca, Joe Biden ha scelto un look sui toni del blu firmato Ralph Lauren.

  • michelle obama look insediamento bidenMichelle Obama: il look per l’insediamento di Biden è di Sergio Hudson

    In occasione dell’insediamento di Joe Biden alla Casa Bianca, Michelle Obama ha scelto un look a dir poco meraviglioso.

  • Harris cappotto violaKamala Harris, il look della Vicepresidente per l’insediamento di Biden

    Kamala Harris ha deciso di indossare all’insediamento di Biden un cappotto viola, ispirandosi alla First Lady e promovendo un particolare messaggio.

  • jill biden look viola first ladyLook in viola per la first lady Jill Biden all’Inauguration Day

    Tutti i dettagli dell’abito della first lady Jill Biden indossato durante l’Inauguration day: dallo stilista al significato del colore scelto.

Contents.media