Il segreto di famiglia

Esiste il segreto buono o cattivo?
I segreti, alcuni sono buoni e altri meno, ma ciò che viene definito un segreto di famiglia, è sempre destrutturante, per tutti, per chi lo custodisce e per chi lo ignora. Un segreto è nocivo quando colui che conosce la verità non è più considerato come un tutore dello stesso, ma piuttosto come una vittima.

I titolari di un segreto di famiglia sono in un continuo dubbio tra la proibizione che gli impone di non rivelarlo ed il loro desiderio di confessarlo.
Risultato: il segreto trasuda, non è piacevole e tutti ne sentono l’odore.
Le origini del segreto di famiglia sono eventi che prendono vita in un determinato momento storico. Ad esempio, nel 1950 era vergognoso essere una madre single. Spesso si nascondeva la verità alle persone del proprio ambiente, ma soprattutto al nascituro che, allevato dalla nonna, considerava la madre come una sorella maggiore.

Per non parlare di altri tabù come l’aborto, l’adulterio, l’omosessualità…
Nel 1990 c’ è stata l’ombra della disoccupazione che ha spinto alcuni a mentire sulla loro situazione occupazionale. Ma i costumi si sono evoluti e se oggi certi tabù non ci sono più, al contrario ne vengono visualizzati gli altri: l’AIDS, il suicidio, l’incesto, la pedofilia, il tradimento o il collaborazionismo durante la guerra, la droga…

Sono molti i motivi per avere paura del “che cosa dirà”, che è solitamente il motivo principale che fa mantenere il segreto alla famiglia.
Cosa dire e quando dirglielo?
Un segreto di famiglia non è costruito per piacere o per una vera intenzione di nuocere. È creato sul momento dalla vergogna e, successivamente, da ciò che può trasferire sulle altre generazioni.
Non è possibile rivelare un segreto di famiglia in qualsiasi momento, o a chiunque. Tutto dipende dal vettore dello stesso, dal collegamento più o meno stretto che ci unisce alla persona e dalla sua forza mentale.

Principalmente c’è la necessità di adattare il discorso secondo l’età: ad esempio, un bambino non deve necessariamente conoscere tutti i dettagli circa il divorzio dei loro genitori, o il carcere passato di suo nonno. Prima di rivelare un segreto, bisogna prendere un momento per valutare le conseguenze di questa confessione, perché questo può avere un impatto distruttivo sull’interessato.
Rivelare un segreto di famiglia deve, quindi, essere prova di coraggio, di finezza e di riflessione. È necessario essere consapevoli che, quella verità che vede la luce, non farà scomparire tutti i problemi in un batter d’occhio. La verità non è che il primo atto di un lungo processo di riparazione.
Esiste la psicogenealogia per controllare la situazione della “famiglia inconscia”e, da qualche tempo, gli psicologi studiano le conseguenze di questi segreti di famiglia. Sono chiamate “Terapie Psicogenealogiche”. Sono destinate ad isolare l’evento triste e nascosto dell’esistenza. E’ ciò che gli psicologi chiamano “inconscio familiare e transgenerazionale”: bandire il segreto che può essere l’origine di errori e frenare così gli schemi ripetitivi famigliari. Questo lavoro permette una liberazione e riconciliazione, che può sembrare un duello: la famiglia perfetta.

Scritto da Ornella Grassi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Kylie Jenner Kardashian collabora con Puma per la seconda volta

080 Barcelona Fashion: Antonio Miró, Torras e Oscar Leon

Leggi anche
  • come rivoluzionare la propria carrieraCome rivoluzionare la propria carriera: i consigli

    In cerca di nuovi stimoli? Non è mai troppo tardi per cambiare lavoro e fare carriera: qui di seguito i consigli da seguire.

  • non esistono giochi da maschi e da femmineNon esistono giochi da maschi e da femmine: stop agli stereotipi

    La libertà di scelta deve avvenire sin dall’infanzia, eliminando la categorizzazione di genere partendo dai giochi.

  • purpose personale cosa eCosa è il purpose personale e quanto è importante averlo

    Obiettivi e purpose personale: concetti che stanno diventando sempre più importanti soprattutto a livello aziendale. Cosa sono e perché sono fondamentali.

  • anorgasmiaAnorgasmia in primavera: le cure naturali

    L’anorgasmia in primavera si combatte provando a ritrovare l’intesa e l’armonia con il partner, oltre a un prodotto a base naturale.

Contents.media