Iniziare una terapia. Cosa comporta, quale scegliere?

Iniziare una terapia. Cosa vuol dire. Come ci giudicheranno gli altri. Quando e come rivolgersi agli esperti per iniziare una terapia? Ve lo diciamo noi!

È vero che alcuni anni fa fare terapia era tabù, ma le cose sono cambiate. Tutti possono soffrire, in uno o un altro tempo, di qualche problema psicologico.

Ed è per questo che scegliamo di andare da uno specialista. Per farci consigliare meglio, per riuscire a sentirsi meglio con noi stessi. Quando, che cos’è la terapia e quale terapeuta scegliere? Ecco i nostri suggerimenti per aiutarvi in questo modo. La psicologia o la psicanalisi non saranno più un tabù per voi!

Quando andare in terapia?

Le cause che portano ad aver bisogno di un controllo psicologico possono essere diverse, ma non c’è n’è buona né una cattiva; è meglio iniziare la terapia appena avvertiamo qualche segnale di disagio.

Advertisements

Tra le ragioni più frequenti, ci sono le seguenti:

Difficoltà di ordine personale come disagio, angoscia, stress persistente, depressione non superata o più gravi. In breve, difficoltà ad essere felici.

• Non riuscire a superare prove difficili, come una morte, una malattia grave, un professionista di fallimento, una separazione…
• Un difficile rapporto con gli altri, i conflitti ad esempio familiari, di lavoro, di coppia o anche problemi d’integrazione nella società.

Problemi sessuali e di disaccordo nella coppia, mancanza di desiderio, infedeltà.
• Nell’attenta ricerca della evoluzione personale: scoprire strade nuove, indirizzare meglio la vita, conoscere meglio i punti forti e deboli, prendere determinate decisioni.

Troppo spesso, le persone tendono a pensare che i loro problemi siano solo passeggeri o che sia possibile trattarli con l’aiuto di familiari o amici. Peggio ancora, alcune persone preferiscono stare proprio in solitudine, evitando il problema del tutto. Tuttavia, l’aiuto di uno specialista può essere indispensabile per far fronte a una crisi in modo soddisfacente. Ciò che è necessario sapere, però, è che una terapia efficace di solito dura da 6 a 18 mesi. E se, a causa del tipo di problema, è necessario scavare più a fondo, la psicoanalisi come una terapia di supporto è vivamente raccomandata. In termini di frequenza delle sessioni, le visite sono distribuite tra 1 e 3 a settimana, a seconda dei casi.
Quale terapia scegliere?
Depressione, crisi di ansia, problemi del partner. Le modalità terapeutiche per curare questi problemi differiscono. Esistono in natura moltissimi approcci psicoterapeutici o psicoterapie. Ci sono, ad esempio, sei gruppi di terapie che conosciamo e che si possono distinguere in:

• terapie di interpretazione: comprendono la psicoterapia psicoanalitica, psicoterapie brevi e psicodramma psicoanalitico. Queste cercano di curare le cause di un problema preciso o semplicemente servono ad assistenre il paziente nel perseguimento di una liberazione personale.
• Le terapie del comportamento e conoscitivo: consentono di rimuovere le proprie fobie, il disturbo ossessivo compulsivo, disturbi alimentari, depressione e dipendenze.
• Di psicoterapia di gruppo: permettere ai partecipanti di modificare il loro comportamento nel rapporto con gli altri, migliorare la fiducia in sé stessi o imparare a diventare migliore (timidezza, fobia sociale, aggressività…).

• Le terapie familiari: sono diretti ai bambini con gravi problemi (cibo, disturbi psicotici) e il resto della sua famiglia, che colpisce il problema. Rientrano in questo gruppo anche terapie di coppia e la terapia sessuale.
• Terapia della Gestalt: questa terapia mira a ristabilire un giusto rapporto tra l’individuo e il loro ambiente con un disciplina “olistica”. Così, persone che soffrono di problemi psicosomatici o desiderio di assumere una situazione come una morte o una pausa, può seguire una terapia di sviluppo personale. La PNL e l’ipnosi sono sicuramente una parte di queste terapie psico-corporee.
• Altre psicoterapie: mettere a disposizione il proprio corpo come con la sofrologia, la riflessologia, il rilassamento per calmare alcuni problemi come l’angoscia e lo stress.

Come scegliere un terapeuta?

Per avviare una terapia, non è consigliabile scegliere in modo casuale o attraverso le pagine di internet. Chiedere consiglio al medico o ad alcune persone nel proprio ambiente. Questo è importante per indirizzarvi verso il giusto specialista per voi, è considerato essenziale. Se un terapeuta è perfetto per il vostro migliore amico, può non esserlo per voi. Non ci devono essere dubbi.
Non abbiate timore a farvi visitare a diversi medici o chiedere informazioni in associazioni che dispongono dell’elenco completo degli specialisti. Dopo la prima consultazione, devi farti diverse domande: che sensazione hai avuto? Ti ha toccato? Ti ha fatto parlare? Vale la pena di concedergli la propria fiducia?

La relazione che avrà con te sarà di tipo confidenziale? Non dimenticate che la relazione terapeuta-paziente è essenziale. Questo, affinché la terapia possa avere successo e che, pertanto, duri fino a che il problema non sarà sparito del tutto.
Non dimenticate di chiedere fin dall’inizio qual è il suo metodo di lavoro, e quali sono le loro specialità. E’ necessario, infatti, distinguere tra psichiatri, psicoanalisti e psicologi. Sono tre discipline ben differenti e il loro modo di lavorare è totalmente diverso l’uno dall’altro. E un’ultima cosa: fate attenzione a quelli che potrebbero essere gli approcci “moderni”, che vi promettono risultati in pochissimo tempo e che invece vi chiedono di partecipare a delle “sette”.

Informazioni pratiche

Psicologi, psichiatri o psicoanalisti: non tutti fanno lo stesso tipo di consultazioni, la protezione sociale che li riguarda e la loro formazione presso l’Università non è certo la stessa. Gli psicologi non danno medicine, gli psichiatri e gli psicoanalisti possono farlo. Si tratta di vere e proprie prescrizioni mediche.
– Tali professionisti devono rispettare il segreto professionale. Cioè non devono divulgare informazioni circa lo stato di salute del paziente in questione. Ne andrebbe della “sicurezza sociale” di ciascuno di noi ed è un reato che può portare alla radiazione dall’albo dei Medici.
-Per quanto riguarda gli psicanalisti, questi sono coloro che sperimentano la psicanalisi. Si sono formati, dunque, grazie a teorie analitiche. Tutte le loro sessioni sono a pagamento, così come gli psichiatri e gli psicologi. Il loro compenso per le loro consultazioni non è affatto imposto dalla legge: le tariffe, infatti, possono variare da uno specialista all’altro. Generalmente, però, si va dai 40 euro ai 100 euro. Ovviamente, i compensi sono più elevati quanto più l’esperienza, la durata della sessione e conoscenza della materia sono maggiori. Generalmente, lo specialista deve dire dall’inizio il metodo di pagamento, anche se questo, però, non succede spesso.

Scritto da Selena Papi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Il segreto per lo stile folk secondo Blake Lively

Duello di tendenze: Emilia Clarke vs Sophie Turner

Leggi anche
Contents.media