Cristiano Ronaldo: l’asso del Real Madrid

,

La carriera di Cristiano Ronaldo, è costellata da tantissimi successi. Ecco tante altre curiosità su di lui.

Cristiano Ronaldo è un giocatore straordinario, vero e proprio asso del Real Madrid e del calcio, in generale. Un calciatore di origini portoghesi per il quale qualsiasi squadra di calcio sarebbe disposta a fare follie, pur di averlo. E’ sicuramente il giocatore più pagato di tutto il mondo del calcio. Conosciamolo meglio: dalla sua vita privata sino alla carriera a molto altro.

Chi è Cristiano Ronaldo

Prima di tutto, diciamo che il nome per esteso dell’asso del Real Madrid, è Cristiano Ronaldo dos Santos Aveiro, ma tutti lo conoscono come Cristiano Ronaldo. E’ un giocatore di origini portoghesi, nato a Funchal il 5 febbraio del 1985, da una famiglia numerosa che versava in condizioni di povertà.

La scelta del primo nome, Cristiano appunto, si deve alla forte religiosità della madre, una donna molto cattolica, mentre il secondo nome, Ronaldo, è in onore dell’ammirazione del padre verso Ronald Reagan, il 40esimo presidente degli USA.

Non è figlio unico: ha un fratello maggiore, Hugo e due sorelle più grandi, Elma e Liliana Catia. Per quanto riguarda la sua vita privata, è padre di un bambino, nato nel 2010, di cui però non si sa chi sia la madre. Nel giugno di quest’anno, è invece diventato papà di due gemelli: un maschio e una femmina, Eva e Mateo, nati da madre surrogata.

Pochi giorni fa, infine, la sua attuale compagna Georgina Rodríguez, lo ha reso nuovamente padre, mettendo alla luce una bambina, il cui nome è Alana Martina.

E’ molto conosciuto anche nell’ambito della moda: è testimonial di diversi marchi importanti, da Clear a Giorgio Armani sino a Nike. Nel centro della città di Madrid, il marchio della Nike gli ha dedicato una statua che lo raffigura, per onorarlo. E’, inoltre, stato il volto di alcuni videogiochi, come la Pes. Ha lanciato una sua linea di intimo, la CR7: dove CR è il suo nome e 7 il numero di maglia della sua squadra, il Real Madrid.

Nel 2015, poi, si è reso protagonista sul mercato con il profumo Cristiano Ronaldo Legacy.

Carriera di Cristiano Ronaldo

La sua carriera di calciatore comincia molto presto. Già all’età di 7 anni, comincia a mettersi in luce giocando nell’Andorinha, una società dove il padre lavora come magazziniere. Sin da subito, si nota il suo grande talento e il ragazzo comincia a mostrare le sue grandi doti tecniche ed abilità con la palla. A soli 12 anni, gioca prima nel Nacional e poi nello Sporting Lisbona, dove dimostra di essere un grande giocatore. Nel 2002-2003 esordisce in una partita di Champions League contro l’Inter. In campionato, alla sua prima stagione, colleziona 25 presenze e ottiene un posto nelle fila della Nazionale portoghese.

Da quel momento, sono moltissimi i club che lo notano e proprio per le sue doti, viene paragonato a George Best, un mito del calcio inglese. Nell’estate del 2003 viene acquistato dal Manchester United, per la cifra di 20 milioni di Euro. Il suo passaggio nella squadra inglese lo porta ad essere il giocatore più giovane e maggiormente pagato della Premier League. Proprio con la nuova maglia, gioca contro il Bolton e il primo gol arriva con il Porthsmouth.

Il primo anno nel campionato inglese, con la maglia dei Red Devils, finisce con 29 presenze e con il suo gol numero 1000 nella storia del Club. Con la maglia della squadra inglese, realizza 37 gol, vince due trofei e si conferma un grande asso, ammirato da molti. Il 2006-2007 è un anno importante in quanto vince lo scudetto realizzando un totale di 23 gol, 19 assist e 53 presenze. L’anno 2007-2008 conferma essere il suo anno: vince la Scarpa d’Oro, per i 33 gol realizzati. E’ un anno importante soprattutto per i premi vinti: il suo primo Pallone d’Oro e il Fifa World Player.

L’anno successivo, il 2009, arriva al Real Madrid, con la cifra record di 94 milioni di Euro pagata dalla squadra spagnola. Con la maglia del Real Madrid, Cristiano Ronaldo cresce ancora tantissimo. La sua maglia è la numero 9, quella appartenuta a Di Stefano, con essa segna il primo gol contro il Deportivo e realizza 33 gol. Non tutto è rose e fiori però, perché subisce un infortunio, in seguito al quale si riprende.

Mourinho ed Ancelotti, in seguito, mettono ancora più in mostra le sue doti al punto che vince altri Palloni d’Oro, confermandosi un grande talento e un vero asso del Real Madrid. Con la guida di Ancelotti come allenatore, il Real Madrid vince la sua decima Coppa dei Campioni e anche il Mondiale per Club. In questa stagione, l’asso del Real frantuma tutti i record possibili e arriva a segnare ben 61 gol, una cifra immensa. Le sue abilità e qualità lo portano anche alla vittoria dell’Europeo con la Nazionale portoghese, avvenuta nell’estate 2016.

Per quanto riguarda il suo ingaggio, esso si aggira intorno ai 20 milioni di euro netti l’anno, oltre ovviamente ai guadagni provenienti degli sponsor, che arrivano a ben 15 milioni di euro l’anno. Questo budget lo porta ad essere il giocatore maggiormente pagato al mondo, di poco sopra il rivale di sempre, ovvero Leo Messi, stella del Barcellona.

Scritto da Simona Bernini
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Bugiardi cronici: 5 segni per imparare a riconoscerli

Maurizio Costanzo contro la D’Urso: intervista ai Rodriguez

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.