Annozero, Santoro e la D’Addario: il pagellone politicamente scorretto

Che titolo demente. Un pagellone di Annozero e della D'Addario? Un liveblogging di Annozero? Credo non sia mai successo nella storia dei blog. E c'è sempre una prima volta. Questa. E quel politicamente scorretto poi ci azzecca. Quindi beccatevi il titolo e basta.

Eccoci qui, popcorn scoppiettanti nel microonde (non è vero, li ho finiti), luce soffusa per godersi meglio lo sputtanamento in diretta tv, portatile sulle gambe (che, per la cronaca, ha già raggiunto una temperatura inaccettabile, ma la D'Addario merita un surriscaldamento delle palle). Mamma come sono volgare stasera. Credo che proseguirò su questo filone.

Sono le 21.10, Minzolin ha già ricevuto un bel calcio in culo, ma voi che siete frequentatori di blog quel suo cambio di rotta già lo conoscevate bene.

Ne avevamo parlato anche qui. Come siamo avanti. Ma si sa, Santoro li legge i blog.

Pubblicità.

Rientriamo in studio. Facchinetti presenta i giudici. Per la squadra di Morgan entrano in studio… O minchia, sto guardando il canale sbagliato di Sky. Giriamo su Raidue. Anzi, già che ci siamo diciamola tutta: quando guardo i canali generalisti (spesso, molto spesso) utilizzando Sky mi sento un demente. Cinquantaquattro euro cinquantaquattro al mese per guardare la Rai e Mediaset.

E vabbè.

Un riassunto della vicenda Tarantini "all'Annozero", senza peli sulla lingua. Report, in questo caso, ha indicato la strada, con la sola differenza che i giornalisti della Gabanelli sono incalzanti con grazia, quelli di Santoro no. E in alcuni casi è cosa buona e giusta.

Fino a qui nulla di nuovo. Noi che viviamo sul web sappiamo già tutto di questa vicenda. Una minoranza di quelli che stanno guardando Annozero invece stanno cadendo dal pero. Li vedo che rotolano sul tappeto di casa.

Oh, Belpi. Patatone. Bene, bravo, bis. Ma dateci la D'Addario, la gnocca, lo sconciume, che ce ne frega delle protesi? Eddai, non state guardando la puntata per la vicenda "sanitaria" di Tarantini. Vogliamo le robbe pruriginose.

Scandalo. Scandalo. Patty. Patty. Nooo alle protesi, nooo alle protesi. Ma sempre per rimanere in tema di X Factor, visto il titolo, la D'Addario la faranno entrare con la musichetta di Kill Bill? Bò. Vado a fumare, intanto pubblico il post. Mi ero dimenticato. Sto scrivendo come un pirla da mezz'ora e voi ancora non lo sapete. E che live è?

Pubblico.

Prima considerazione: dite quello che volete di Annozero ma siamo di fronte all'unico programma nel quale si fanno domande. Ed è già una gran cosa. Merce rara. Intravedo nel maxischermo il viso di Manuela Arcuri. Mi sbaglio? Prevedo già una comunicato stampa dell'attrice-showgirl-teatrante domani in mattinata.

Sul maxischermo passano anche le immagini di Tarantini con gli occhiali scuri. Un mix tra Cobra (Stallone, ricordate?) e Renegade senza capelli lunghi, mascellone, moto, giacca in pelle e stivali. Quindi Renegade non c'entra nulla. Povero Lorenzo Lamas.

Tocca a Maria Latella. Oh signùr, tira fuori gli stagisti e i 500 euro giusto per non cadere nel vortice del populismo. Per fortuna viene interrotta, c'è Robert Redford collegato da New York. No, è Dustin Hoffman. Dai è Bernstein. Mentre lo ascolto penso a Feltri. No, non giornalisticamente parlando. Maddai. Stavo pensando al titolo di domani.

Pubblicità. Poi Travaglio. Poi la D'addario. Lo so, lo sapete. L'avete appena sentito anche voi dalla voce sgarzolina ed entuasiasta di Santoro. Che faccio, fumo ancora? Mangio un'arancia che è meglio. Sbucc… sbucc… certo che Santoro adesso che ci penso sembra un bambinone con il braccio nella marmellata. Si sta gustando chili e chili di dolci rivincite.

Si rientra in studio. Uè, Travaglioooo, la telecamera è di qui. Iuhuuu. Guarda. Ah ok, bene. Interessante come sempre, teatrale come al solito (e questo in parte gli fa perdere credibilità) ma calzante e preciso. Il solito Travaglio, amato o odiato. Con un inglese pessimo.

Ci siamo, cari D'addarini. Mona Lisa bionda. Si va subito al nocciolo della questione. Oltretutto stiamo anche sdoganando il mestiere della escort, se volete prendere esempio…Ma torniamo alle dichiarazioni. Minchia 2mila euro per una cena. Scusate, mi è scappata. Per ora nulla di nuovo. Prima sera a cena –  e basta – seconda sera con incontro piccante per avere qualche favore per un progetto. Il Presidente, si scopre, e in parte già lo sapevamo, era disposto a mandare operai e aiutini vari nel cantiere. La Patty e Silvio eranno cippi cippi, ciappi ciappi. Già mi immagino le loro telefonate.

Insomma, per ora nulla di nuovo. Ma poi, una domanda: ma che diavolo ci trovava Silvio nella D'Addario? Torniamo a noi. Prima nuova scoperta. Silvio, in preda al raptus, aveva anche chiesto alla D'addario se sapeva cantare o ballare. Fantastico, rischiavamo di trovarcela al Bagaglino o in un reality.

La Latella pone domande calzanti. Ma proprio calzanti. Ve le risparmio perchè non meritano un posto nel web nel quale rimanere tutta la vita. A volte mi chiedo se non sia veramente meglio la sua sostituta di Sky. Quella del pomeriggio. Sì, lei. No vabbè, è una bella lotta.

Oh, si passa alla figura della donna. Qui mi faccio serio, mi piacerebbe capire se queste vicende hanno veramente cambiato, ancora una volta, la percezione della donna nella società. Se posso dire la mia non si può mettere in mano una risposta ad una ragazza di un circolo femminista. No. Preferisco sapere qualcosa da voi lettrici.

Interviene ancora la Latella. La femminista con il top, che sta parlando, proprio non le piace. Sempre più calzante. Grazie.

Santoro entra nel merito. Finalmente. C'era un tariffario e una busta a fine serata per le donzelle. Qualcosa di organizzato. Un malcostume nel Palazzo della politica. Parliamo di questo. No, Belpi riesce a cambiare argomento.

Ragazzi, che dire, niente di nuovo. Una puntata che colpisce nel segno, visto che il fine era quello di riportare sui giornali la vicenda Berlusconi, ma nessuna informazione in più.

Cosa ci insegna questa puntata? Che da domani avremo tanti sempre più incazzati (i soliti) e altrettanti berlusconiani pronti a seguire la nuova battaglia di Feltri. Palla al centro, Santoro parla solo ai già convinti. Non sposta nemmeno un voto.

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
Contents.media