Sesso al Grande fratello: dall’orgia tedesca e lo strip delle brasiliane al campo scout italiano

Su Blogosfere spettacoli, Marta Traverso ci raccontava dei cliccatissimi video del Grande fratello brasiliano, dove i concorrenti (e soprattutto le concorrenti) si lasciano andare ad atteggiamenti da festino di Villa Certosa. Ops, non si può dire? Va beh, facciamo da Baccanali dell'Antica Roma allora, così la citazione risulta pure più colta.

Periodicamente ci arrivano notizie (e video) di momenti ai confini del porno ripresi dalle telecamere dei vari Gf sparsi per il mondo (attualmente il programma è trasmesso in ben 42 diverse nazioni). L'anno scorso fece notizia una scena di nudo collettivo dei concorrenti del Grande fratello a stelle e strisce, con ragazzi e ragazze che affollavano una piccola piscina all'aperto senza lo straccio di un costume. E nel 2004 si mosse il popolare quotidiano tedesco Bild, che accusava il reality show più famoso del mondo in versione teutonica di essersi trasformato in un set a luci rosse, tra orge e continue scene di sesso esplicito.

Insomma, se confrontiamo il Gf made in Italy con i gemelli stranieri non possiamo che constatare come la casa di Cinecittà assomigli più ad un innocuo campo scout che ad altro, dove i massimi momenti di trasgressione consistono nelle valige in piscina, nel lancio di gavettoni e nella guerra dei cuscini. E dove ormai i passaggi clou, quelli che devono catturare l'audience, sono rappresentati da gente che ritrova mamme disperse, padri assenti e fratelli sconosciuti.

Non mi interessa stabilire cosa sia meglio o peggio, più che altro incuriosiscono le ragioni di questa diversità. Certo, anche nel Grande fratello tricolore, il sesso non è mancato: ma è sempre stato giustificato e raccontato sotto l'ombrello sdoganatore della storia d'amore e soprattutto nascosto agli occhi delle telecamere, innanzitutto per iniziativa dei concorrenti (vi ricordate Taricone che costruiva la sua tenda in salotto per portarci dentro Cristina Plevani e poter agire indisturbato?).

Dunque il Gf nostrano è casto per volontà degli autori o per scelta dei concorrenti? Verrebbe da rispondere un po' entrambe le cose. Mettendoci dalla parte della produzione c'è da dire che il format consentirebbe di lasciare molta libertà all'iniziativa dei ragazzi, visto che tanto sulla tv in chiaro vanno in onda solo filmati selezionati e controllati. Così accadde, per esempio, nell'edizione numero quattro dove di un bacio saffico tra Carolina Marconi e Katia Pedrotti, cliccatissimo sul web e mostrato dalla Gialappa's, su Canale 5 non si fece mai cenno, come se non fosse mai avvenuto.

Dall'altra parte della barricata – o meglio delle telecamere – si può notare che anche i più ingenui tra i concorrenti sono ormai perfettamente consapevoli di partecipare non ad un esperimento televisivo in cui è richiesto di essere se stessi, ma a uno show per famiglie in cui è necessario recitare un ruolo e apparire o buffi, o commoventi, o strampalati, o tutte queste cose insieme. In altre parole il reality italiano è un palcoscenico dove è necessario piacere alla ragazzina di 16 anni, alla mamma di 45 e alla nonna di 80 e magari, se va bene, riuscire a convincere il pubblico di essere meritevoli di riapparire in video in qualche altro programma o in una fiction.

Spazio per il sesso ce n'è pochissimo e probabilmente l'hanno capito tanto gli autori quanto i concorrenti. E poi siamo in Italia, se da noi fossero mandate in onda scene da Gf brasiliano o tedesco con tutta probabilità, nel giro di ventiquattr'ore, irromperebbero negli studi televisivi di Mediaset le guardie svizzere, per deportare nei sotterranei del Vaticano i responsabili del programma e l'intero cast.

(In alto, un'immagine del Gf9. In basso il video del famoso bacio saffico tra Carolina e Katia del Gf4 commentato dalla Gialappa's).

Scritto da Style24.it Unit

Lascia un commento

Leggi anche
Contentsads.com