Premio Nobel per la Pace 2023: il dress code

Il Premio Nobel per la pace 2023 ha il suo dress code, e vi diciamo qual è

Il Premio Nobel per la pace 2023: un evento molto importante, una celebrazione seguita poi da una festa assolutamente esclusiva, a cui partecipano reali, personaggi politici di spicco, filosofi e pacifisti. Ma qual è il dress code per presenziare ad un simile evento? Se siete curiose di scoprirlo, vediamolo insieme in questo articolo.

Il dress code per il Premio Nobel per la pace del 2023: cosa c’è da sapere

Per il premio Nobel c’e un dress code: abito da sera e cravatta bianca. Ogni anno a Stoccolma, a partire dal 1901, il 10 dicembre si tiene una cerimonia speciale in cui vengono celebrati i personaggi più brillanti del nostro tempo che camminano a braccetto con la famiglia reale svedese.

Per i Bernadotte, potrebbe essere una singolare esperienza abituarsi a indossare un abito da sera vaporoso, una tiara o un frac, ma per i celebri chimici, fisici, economisti, medici, fisiologi, scrittori e intellettuali, gli eventi che una volta nella vita capitano sono ben differenti da quelli del premio Nobel per la Pace.

Il premio è consegnato lo stesso giorno degli altri, ma a Oslo, dove Norvegia e Svezia erano unificate quando i premi sono stati istituiti, e con la famiglia reale norvegese presente. Il dress code richiesto è formale ma leggero: abiti da sera per le donne e completi scuri con cravatta per gli uomini.

Il sito dedicato al prestigioso riconoscimento incoraggia i partecipanti indossare il costume nazionale, che è tuttavia un’accettabile alternativa.

La cerimonia del Premio Nobel per la Pace

Per la cerimonia a Stoccolma, è necessario seguire un codice di abbigliamento molto rigoroso. Gli organizzatori forniscono dettagli precisi sul tipo di abbigliamento appropriato da indossare sia per i premiati che per gli ospiti. Per le donne, ci sono una varietà infinita di abiti da sera senza restrizioni riguardanti il colore, il design e il gusto. Gli accessori come borsa o borsetta, gioielli e un paio di scarpe eleganti sono quelli che completano l’abbigliamento.

Per gli uomini, la situazione si fa decisamente più complessa, ma un bravo sarto o un servizio di noleggio può risolverla senza problemi. Innanzitutto, è necessaria una giacca da frac nera con rivestimenti in seta, tagliata al davanti e abbinata a pantaloni neri con due file di trecce su ciascuna gamba. Anche calzini e scarpe devono essere di colore nero. La camicia deve presentare la parte anteriore rigida, così come il colletto bianco, fissato alla camicia con bottoni a pressione. Bianco anche il papillon e il gilet aperto.

Quando si tratta di abiti da cerimonia, è consigliato che i bottoni e i gemelli della camicia siano argento o bianchi e di solito viene abbinato un fazzoletto bianco. Coloro che hanno ricevuto decorazioni statali, invece, generalmente portano: fino a quattro medaglie in miniatura sul petto, una fascia stretta intorno al collo e una fascia larga o fascia.

La famiglia regnante svedese

La famiglia reale svedese è una delle più antiche monarchie dell’Europa occidentale ed una delle più grandi monarchie del mondo.

I membri della famiglia Bernadotte, in particolare la regina Silvia, l’erede al trono Victoria di Svezia, sua sorella Madeleine e Sofia, moglie del principe Carl Philip, sfoggiano i loro abiti più sfarzosi in occasione della cerimonia di premiazione dei Nobel e del banchetto che segue.

I reali non si accontentano di cristalli e paillettes per i loro abiti, ma aggiungono anche la luce dei carati delle più preziose tiare della collezione di gioielli di famiglia. Immortalati su quel palco, sembrano un vero e proprio spettacolo degli antichi tempi (alla fine dell’articolo ci sono ulteriori esempi di loro eleganza durante la cerimonia dei Nobel).

In pochi altri regni si può provare la medesima sensazione di entrare in una dimensione incantata costituita da tessuti di lusso, lavorazioni di sartoria sofisticate, e creazioni degne di una fiaba.

Abbigliamento Tradizionale

Per la cerimonia di consegna dei premi Nobel per la Pace a Oslo, i partecipanti sono incoraggiati a indossare i costumi tradizionali dei loro paesi. Nel 2011, Ellen Johnson Sirleaf, presidentessa della Liberia, Leymah Gbowee, sempre liberiana, e l’attivista yemenita Tawakkul Karman sfoggiarono tre outfit che rappresentavano perfettamente la loro identità.

Nel 2014, Malala Yousafzai è diventata la più giovane vincitrice del Nobel, all’età di 17 anni. All’evento, l’attivista è salita sul palco con un abito tradizionale pakistano e un hijab sul capo.

Nel 2019 Esther Duflo, la seconda donna nella storia a vincere il Nobel per l’Economia dopo Elinor Ostrom, decise di andare contro la tradizione e scegliere un sari. La professoressa del MIT, avendo l’India come suo campo di ricerca, decise di rendere omaggio al paese.

Nel 2009 Ostrom scelse di non sacrificare la sua essenza nella mezzo di tutta quell’eleganza codificata, e invece fece suo il premio con un abito etnico molto voluminoso.

L’anno scorso, Tasuku Honjo, il premio Nobel giapponese per la medicina e la fisiologia, è stato ricordato non solo per i suoi progressi nella cura del cancro, ma anche per la sua interazione con i codici di abbigliamento.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI DONNEMAGAZINE.IT

Vestiti in velluto per l’inverno 2023/24: i modelli da acquistare subito

Inverno 2023/2024: queste sono le pellicce ecologiche must have

Scritto da Sara Lampis

Lascia un commento

Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com