Portare la biblioteca su TikTok: ecco l’idea di Cinzia Piccato

Ecco l'idea di Cinzia Piccato: portare la biblioteca su TikTok.

Portare le biblioteche su TikTok: vediamo insieme, all’interno di questo articolo, qual è l’idea di Cinzia Piccato.

Portare la biblioteca su TikTok: l’idea di Cinzia Piccato

Cinzia Piccato ha 26 anni e, sul popolare social di TikTok, amato soprattutto dai giovanissimi, è conosciuta come C. Cinzia lavora alla “Carlo Levi” di Torre Pellice dove, tra l’altro, è nato anche lo scaffale dei libri consigliati su TikTok. Cinzia è divenuta una bibliotoker e, con molta probabilità, è proprio la prima bibliotoker. Cinzia ha raccontato al TGR che prima di iniziare a lavorare alla “Carlo Levi” non era mai entrata in una biblioteca, e che per lei è stato quasi un salto nel vuoto, ma il salto nel vuoto più bello che potesse fare. Cinzia, su TikTok, racconta quanto possa essere una scoperta entrare in biblioteca, in particolare nella sua, conosciuta grazie al servizio civile. Cinzia aggiunge nell’intervista che solitamente chi va in biblioteca non vede di buon occhio TikTok, mentre chi è su TikTok vede la biblioteca in modo molto stereotipato e quindi Cinzia ha voluto provare a far capire agli utenti del noto social che la biblioteca non è in realtà quel luogo polveroso pieno di libri ma che in realtà c’è un mondo dentro. Su TikTok, quindi, si possono fare anche cose utili, di informazione. Inoltre, come detto all’inizio, non solo la biblioteca va su TikTok ma a Torre Pellice anche TikTok va in biblioteca, è stato infatti aggiunto uno scaffale con i volumi consigliati sul social network. Tra i libri più gettonati, Cinzia mostra “E poi ci sono io” di Kathleen Glasgow, che parla di autolesionismo, tema molto importante. La direttrice della biblioteca, Alessandra Quaglia, come missione ha quella di abbattere i tabù. Difficoltà grandi e piccole, ma anche la rivoluzione tecnologica. Inoltre c’è da aggiungere che gli addetti della “Carlo Levi” seguono i corsi Sapere digitale per bibliotecari, e aiutano anche a creare lo Spid, prenotare esami e visite o iscriversi a scuola. A fine intervista, Cinzia Piccato invita tutte le persone, soprattutto i giovani, a entrare in una biblioteca fisica perché ne rimarranno stupiti. Se volete andare nella biblioteca dove lavora Cinzia (la Carlo Levi), si trova a Torre Pellice, in provincia di Torino, in Piemonte.

Dai booktoker alla bibliotoker

Come abbiamo appena visto, la giovane Cinzia Piccato ha avuto la brillante idea di diventare una bibliotoker, un modo innovativo per far conoscere anche ai giovanissimi il mondo delle biblioteche. Cinzia, con molta probabilità, è la prima bibliotoker, prima invece c’erano i booktoker, ovvero gli influencer dei libri che riuscivano, attraverso le loro recensioni, a far tornare in classifica alcuni libri diversi anni dopo la loro prima uscita. I booktoker informano anche i vari utenti sulle prossime uscite oppure su quelli che sono i libri da non perdere. Una delle più seguite su TikTok è Magsbook, seguita da Arianna Craviotto e Levv97.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI DONNEMAGAZINE.IT

Girlfriend effect, il nuovo trend virale su TikTok: il glow up garantito

Il fenomeno dello shitstorm social: cos’è e come contenerlo

Scritto da Sara Guglielmetti

Lascia un commento

Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com