Omotransfobia: cos’è e cosa prevede la legge Zan

La legge Zan ha ricevuto il Sì alla Camera ed introduce il reato di omotransfobia per chi discrimina gay, lesbiche e trans, ma l'omotransfobia cos'è?

Si è molto sentito parlare di omotransfobia grazie alla c.d. legge Zan che ha ricevuto il sì della Camera. Oltre all’individuazione di una fattispecie di reato, la legge Zan prevede anche iniziative di assistenza e supporto alle vittime di omotransfobia.

Omotransfobia: cos’è e cosa dice la legge Zan al riguardo

La legge Zan introduce il reato di omotransfobia per chi discrimina gay, lesbiche e trans attraverso atti di violenza fisica o verbale. La proposta di legge del deputato Zan ha ricevuto il sì della Camera il 4 novembre. Adesso, può passare al vaglio del Senato. Ma, l’omotransfobia cos’è? Per capirne il significato, basta partire dall’omofobia con cui si intende la paura e l’odio nei confronti degli omosessuali.

Ebbene, l’omotransfobia oltre gli omosessuali include anche la dimensione della transessualità. Dunque l’odio e la paura verso omosessuali e transessuali.

Il Ddl Zan è stato depositato il 1° luglio scorso alla Commissione Giustizia della Camera. La proposta viene così identificata per via del deputato del Partito democratico Alessandro Zan che ne ha proposto l’attuazione. Con la legge, nello specifico, si andrà ad estendere il concetto di discriminazione. Infatti, ad oggi il divieto di discriminazione è relativo a motivi di ordine razziale, etnico o religioso.

A questi motivi con la legge Zan si aggiungono come discriminatori anche quelli legati al “genere e sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere“.

Cosa cambia con la legge Zan

Con l’approvazione del Ddl, fra i reati d’odio non rientreranno solo quelli legati a razza, etnia o religione, dunque. Verranno puniti tutti coloro che esprimono odio in senso più ampio. Un odio nei confronti di coloro che hanno scelto un orientamento sessuale piuttosto che un altro, laddove per orientamento non si intende soltanto l’omosessualità ma anche la transessualità. Un’ampia tutela nei confronti di vittime che fino ad oggi non ne hanno avuta alcuna.

Come si realizza concretamente questa tutela? Attraverso un aumento della tutela legislativa: pene più severe per chi commette crimini o istiga a commetterli contro omosessuali e transessuali. Ma anche attraverso una tutela della persona che verrà assistita laddove vittima di simili crimini. Per la prima volta infatti la legge Zan istituisce un percorso di assistenza su vasta scala per omosessuali e transessuali.

Supporto alle vittime di omotransfobia: di cosa si tratta?

Si tratta di un supporto alle vittime di violenza che si realizza attraverso la creazione di “centri antidiscriminazione e case rifugio“. All’interno di questi luoghi, le vittime saranno seguite e supportate da personale specializzato. Quest’ ultimo offrirà assistenza sanitaria e psicologica alle persone che per via del proprio orientamento sessuale vivono serie difficoltà quotidiane nel tentativo di una propria realizzazione personale.

Le vittime di omotransfobia, non rischiano soltanto attacchi verbali e/o corporali ma affrontano una serie di problematiche quotidiane legate proprio all’intento vessatorio e discriminatorio perpetrato contro di esse. Stiamo parlando dell’impossibilità di trovare lavoro, oppure perfino di trovare qualcuno che condivida con esse la casa o gliene affitti una.

Una legge dunque che andrebbe a supportare il percorso di queste persone per l’acquisizione dei diritti spettanti loro in quanto individui.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Blush in stick: perchè sceglierli e quali sono i migliori

Chi era Federico García Lorca: storia del poeta spagnolo

Leggi anche
  • 11 settembre 202111 settembre 2001 – 11 settembre 2021: una tragedia mai finita

    11 settembre 2001 – 11 settembre 2021: ripercorriamo le tappe di una tragedia mai finita.

  • legge aborto texas nazioni uniteTexas, la legge anti-aborto condannata dalle Nazioni Unite

    Continuano le proteste per la legge anti aborto del Texas approvata dalla Corte Suprema: arriva anche la condanna delle Nazioni Unite.

  • donne afghanistan sportAfghanistan: i talebani vietano lo sport alle donne

    Il regime dei talebani continua a far temere per la sicurezza delle donne in Afghanistan, che non potranno più praticare sport.

  • estetista cinica veneziaEstetista cinica a Venezia: non solo body positive, ma un inno alla vita

    Grande lezione di body positive, quella che l’Estetista cinica ha dato a follower e non al Festival di Venezia 2021: il suo red carpet passerà alla storia.

Contents.media