Melissa Blake: dal bullismo degli haters alla New York Fashion Week

Quando il coraggio e la fiducia in sé stessi sono più forti dell'odio degli haters: la storia di Melissa Blake alla New York Fashion Week.

Quella di Melissa Blake è una storia di coraggio e di rivincita. Melissa è una blogger di 39 anni nata con una patologia molto rara, la sindrome di Freeman-Sheldon che le ha causato alcune alterazioni nell’aspetto fisico. Dopo anni di prese in giro e di atti di bullismo si è presa la sua rivincita: ha sfilato alla New York Fashion Week.

Melissa Blake alla Fashion Week

“Scrittrice, blogger e attivista in favore dei disabili” si legge nella sua bio di Instagram. Melissa Blake fin da piccola è stata vittima di bullismo perché nata con una patologia molto rara, la sindrome di Freeman-Sheldon che le ha causato anomalie ossee, contratture e varie alterazioni nell’aspetto fisico. A causa di ciò, si è dovuta sottoporre a quasi 30 operazioni molto delicate e ancora oggi non è in grado di camminare.

Dopo discriminazioni durate anni, qualche giorno fa Melissa ha realizzato uno dei suoi sogni: essere una modella alla New York Fashion Week.

Si chiama The Runway of Dreams Foundation ed è stata una sfilata tutta dedicata a 25 modelli e modelle con disabilità tenutasi alla New York Fashion Week. La passerella è stata cavalcata da personalità famose come la medaglia d’oro paralimpica Brenna Huckaby, l’attivista Grace Strobel e la scrittrice Keah Brown per presentare le nuove linee di abbigliamento firmate da grandi brand come Tommy Hilfiger e Stride Rite.

La moda sta diventando sempre più inclusiva e questa iniziativa l’ha dimostrato: una volta i modelli rappresentavano la bellezza ideale, oggi le cose sono cambiate, e l’ha dimostrato anche Gucci con la scelta che ha suscitato non poco clamore della modella Armine Harutyunyan.

Anche il settore del fashion insomma si è aperto alle diversità e, in occasione della The Runway of Dreams Foundation Melissa Blake ha sfilato in sedia a rotelle con jeans e pelliccia per dimostrare che la sua disabilità non è un limite, anzi, in questo caso è stata un punto a suo favore. Su Instagram, sotto alle foto scattate all’evento, ha scritto: “Non riesco ancora a credere di aver fatto la modella alla New York Fashion Week e di aver indossato questo fantastico completo di @zapposadaptive!! Grazie a The Runway of Dreams per aver mostrato che l’inclusione della disabilità è l’ultimo traguardo della moda ed è sempre in tendenza”.

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Quanto guadagna un influencer su Instagram: i più pagati in Italia

Verde Chive: il colore di tendenza per l’autunno 2020

Leggi anche
  • chi è samuelChi è Samuel: storia del frontman dei Subsonica

    In una band canta, in un’altra suona, un progetto è in italiano e uno in inglese. Ecco la carriera di Samuel, tra i Subsonica e i Motel Connection.

  • chi era matilde seraoChi era Matilde Serao: tutto sulla scrittrice italiana

    Con una lunga serie di novelle, saggi e romanzi e la partecipazione ad alcuni dei giornali più noti del paese è una delle penne più note del tempo.

  • davide toffolo senza mascheraDavide Toffolo senza maschera: com’è il volto del cantante?

    Com’è Davide Toffolo senza maschera? Trovare sue fotografie è pressoché impossibile.

  • chi è michelangelo buonarrotiChi era Michelangelo Buonarroti: vita dello scultore italiano

    Noto per aver realizzato progetti pittorici e scultori tra i più famosi di sempre come “Creazione di Adamo” nella Cappella Sistina e il “David”.

Contents.media