Killer Joe trailer recensione data d’uscita: il film di William Friedkin ora in sala

Presentato alla Mostra del cinema di Venezia dell’anno scorso, e quindi in ritardo distributivo di più di un anno, ecco arrivare nelle sale italiane l’ultimo film di William Friedkin, Killer Joe.

La pellicola è stata tratta dall’omonima pièce di Tracy Letts, vincitore del premio Pulitzer, ed è stata una delle favorite dal pubblico durante la manifestazione veneziana, nonostante non abbia vinto nessun premio ufficiale. 

Questa la sinossi dell’opera:

Il ventiduenne Chris Smith (Emile Hirsch) è uno spacciatore di mezza tacca che sogna di fare il grande colpo.

Quando tutta la merce di Chris sparisce perché gli viene sottratta dalla madre è costretto a trovare 6.000 dollari al più presto, oppure sarà un uomo morto. In preda alla disperazione chiede aiuto a suo padre Ansel (Thomas Haden Church) e insieme mettono a punto un piano terribile: uccidere la madre per riscuotere l’assicurazione. E qui entra in scena l’agente Joe Cooper (Matthew McConaughey), un infido killer dal fascino e i modi di un gentiluomo del Sud.

Killer Joe” è più che lieto di fare il lavoro, ma Joe non preme nessun grilletto senza i suoi 25.000 dollari di compenso, che devono essere versati tutti in anticipo.

I due congiurati, assieme alla matrigna Sharla (Gina Gershon), accettano la “gentile” offerta di Joe di tenere con sé, in cambio di un pagamento posticipato, l’apparentemente ingenua sorellina di Chris, l’attraente Dottie (Juno Temple). Joe terrà Dottie in garanzia fino a quando i soldi dell’assicurazione non verranno incassati e il suo compenso interamente pagato.

Sembra tutto facile. E invece si rivelerà complicatissimo.

L’autore del cult horror L’esorcista propone un film che si pone fortemente sulla scia dei fratelli Coen, almeno per quanto riguarda la gestioni dei tempi e la folla e assurda esplosione di violenza, nonché il tratteggio delle psicologie di idioti e psicopatici socialmente funzionanti.

Il film è un congegno ad orologeria perfettamente oliato, con un prima parte che presenta i personaggi, le loro motivazioni e loro idiosincrasie e una seconda in cui tutti i conflitti sopiti scoppiano con impeto dirompente.

In alcune sequenze dialogiche si percepisce nettamente l’origine teatrale della sceneggiatura, ma Friedkin è stato molto bravo nel saper mettere in scena cinematograficamente una storia basata sugli scambi verbali tra gli attori.

A ciò si uniscono un paio di scene di seduzione perversa (da ricordare quella del pollo fritto), che non mancheranno di far discutere gli spettatori più bacchettoni e divertire coloro che sono dotati di un’apertura mentale sufficientemente ampia.

Importante anche la prova del cast, soprattutto quella di un McConaughey mai così in forma, forse nel ruolo della sua carriera, lontano dalle commedie romantiche in cui siamo soliti immaginarcelo.

Un film altamente consigliato, fosse solo per far comprendere alla distribuzione italiana che non siamo un Paese del terzo mondo, cinematograficamente parlando. 

LINK UTILI 

Tutti i santi giorni di Paolo Virzì: foto e interviste dalla conferenza stampa 

The Lords of Salem: trailer e trama del nuovo film di Rob Zombie, data d’uscita ignota 

The Apparition: trailer, trama e cast del film horror con Ashley Greene 

Dracula 3D uscita al cinema in Italia: dal 22 novembre il film di Dario Argento in sala  

I bambini di Cold Rock: trailer e trama del nuovo film di Pascal Laugier 

Massimo Boldi e Christian De Sica film: dopo il litigio un ritorno di fiamma? 

Reality di Matteo Garrone uscita: a quattro anni da Gomorra il regista si confessa 

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • MandrakeChi è Mandrake? Tutto sull’influencer brindisino

    Mandrake, nome d’arte di Giuseppe Ninno, è brindisino doc che ha conquistato il grande pubblico dei social grazie alla verità raccontata in chiave comica

  • Simone DominiciChi è Simone Dominici? Tutto sull’amministratore delegato di KIKO

    Il nuovo amministratore delegato di KIKO MILANO è Simone Dominici: uomo dalla carriera professionale ricca e importante, Dominici dimostra il suo talento

  • Ebrei giornata della memoriaEbrei e Olocausto: come venivano vestiti i prigionieri

    La terribile parentesi storica dell’Olocausto ha segnato il mondo intero. Tra simboli, divise e tatuaggi sulla pelle, i prigionieri erano “catalogati”.

  • Lance KerwinChi era Lance Kerwin: tutto sull’attore de La casa nella prateria

    È scomparso all’età di 62 anni l’attore de La casa nella prateria e Le notti di Salem: Lance Kerwin, noto attore di fama mondiale, era assai conosciuto

Contentsads.com