Gene Gnocchi lascia “Quelli che…” allo sbando

Non c'è che dire, Quelli che il calcio…, senza Gene Gnocchi, è finito. Simona Ventura non sarà in grado di mantenere il taglio ironico, indipendentemente dai comici che avrà al suo fianco. Perchè Gene Gnocchi è dissacrante; pochi saprebbero sostituirlo. Anzi nessuno, perchè l'unico personaggio realmente dissacrante, Luttazzi, non sarebbe comunque adatto alla trasmissione.

Simona Ventura sbanderà, continuerà a condurre una trasmissione che in realtà vacilla già da tempo, ovvero da quando Mediaset ha scippato alla Rai i diritti sul calcio.

In compenso c'è una novità televisiva che si chiama Artù, nuovo talk show di Gene Gnocchi. Partirà su Raidue il prossimo 20 settembre e promette bene. Ciò vuol dire che lo guarderò, per poi tirare le conclusioni.

Il progetto iniziale non mi dispiace, visto che si farà tv facendo parlare ospiti che non sono vip e soprattutto non sono lì per promuovere nulla.

Questa è la promessa. Non so, sembrerebbe quasi una trasmissione da blogger.

Lo dico perchè c'è un altro punto che spero possa essere messo realmente in atto: «Artù – racconta il nuovo vicedirettore e delegato per gli show di intrattenimento e cultura di RaiDue Pasquale D’Alessandro – è un programma di domande che tutti si fanno ma nessuno fa in televisione".

Se così fosse saremmo di fronte realmente ad una trasmissione "alla maniera dei blogger".

Sarebbe interessante riuscire a discutere per una volta senza la carogna sulle spalle

Ovviamente la trasmissione avrà una forte impronta gnocchesca, serva da esempio ciò che ho letto e che riporto:

«Uno show che durerà 70 minuti e andrà in onda il giovedì subito dopo Santoro intorno alle 23,15 – dice Marano – con schede e sondaggi che hanno tutta l’aria di essere veri ma poi si scopre che sono inventati». E fra i soggetti della prima puntata Gnocchi cercherà di scoprire, grazie alla presenza di esperti (?), se per copulare sia meglio la nuova o la vecchia 500. Capire se un postino dopato può fare il giro delle consegne in minor tempo rispetto a un portalettere «regolare».

Un solo augurio, ed un consiglio. Si cerchi di ragionare sulla realtà con ironia, si porti avanti una trasmissione in stile Gnocchi, ma si cerchi anche di mettere a nudo l'argomento trattato. Altrimenti ci ritroveremo di fronte alla solita inutile trasmissione da seconda serata: quella del pisolino al diciassettesimo minuto

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Eyes Wide Shut, il vergognoso Moige e la corsa ai ripari di Mediaset

Melita Toniolo e il non-blog

Leggi anche
  • Cornelia Jakobs chi èChi è Cornelia Jakobs: la cantante svedese dell’Eurovision 2022

    Tutto quello che sappiamo su Cornelia Jakobs, la cantante svedese che parteciperà all’Eurovision Song Contest 2022 con il suo brano Hold Me Closer.

  • mara carfagna chi èChi è Mara Carfagna: vita privata e curiosità sulla ministra

    Laureata in Giurisprudenza, sesto posto a Miss Italia, alle spalle una legge contro lo stalking: la carriera della Ministra per il Sud Mara Carfagna.

  • Recensione nuovo film "Animali Fantastici - I segreti di Silente"Recensione del nuovo film “Animali Fantastici – I segreti di Silente”

    “Animali Fantastici – I segreti di Silente”, nuovo film intenso e sempre sul filo del rasoio, concentra l’attenzione sui tragici intrecci di Albus Silente.

  • freaks outFreaks Out: trama e cast del film

    Freaks Out è un film del 2021 dai grandiosi effetti speciali e con un grande cast, la cui trama ha tocchi di fantasy e dramma.

Contents.media