Come migliorare l’umore con alcuni rimedi naturali: i consigli

In natura, esistono tantissimi rimedi contro il cattivo umore e in cucina si possono trovare facilmente degli ingredienti capaci di dare molta energia.

Essere di ottimo umore, soprattutto di questi tempi, è un’impresa. Al solo pensiero di dover rimanere a casa durante tutte le ore del giorno aumenta lo stress e i pensieri negativi. Cercare di pensare positivo, adottando diversi metodi di meditazione per accumulare le energie positive, è sicuramente un buon modo per superare questo periodo di quarantena.

Come migliorare l’umore

Anche la natura ci può aiutare, come migliorare l’umore con delle soluzioni naturali. Erbe aromatiche, agrumi e spezie possono alleviare l’ansia e lo stress, ritrovando il buon umore. Questi rimedi naturali sono facili da trovare in tutte le cucine.

Lavanda

La lavanda è una specie vegetale che ha una potente funzione tranquillante e rilassante soprattutto a livello muscolare. Già il suo colore lilla tenue e il suo odore trasmettono serenità.

Gli scienziati hanno studiato gli effetti del linalolo, un alcol naturale presente in tantissime piace ma soprattutto nella lavanda, utilizzato nel campo farmaceutico.

Si può assumere, ad esempio, sotto forma di olio essenziale per l’aromaterapia o come infuso da bere. La lavanda è quindi un perfetto toccasana capace di alleviare stress e ansia. L’aromaterapia, insieme alla crioterapia, ha un potere decisamente calmante.

Lavanda - come migliorare l'umore

Zafferano

Per quanto riguarda i problemi che nascono durante la fase del sonno, lo zafferano si rivela un ottimo riequilibrante dell’umore. Viene soprattutto utilizzano in casi di insonnia e sbalzi d’umore sottoforma di infusi in acqua calda da bere. Nello zafferano è presente la safrenale e la crocina, sostanze che aiutano la produzione di dopamina e serotonina, elementi che stimolano il buon umore.

Inoltre, riduce le infiammazioni delle vie respiratorie causati da stati influenzali come il raffreddore.

Dallo zafferano si traggono benefici anche per l’apparato cardiocircolatorio, capace di abbassare la pressione arteriosa e i livelli di colesterolo.

Zafferano - come migliorare l'umore

L’arancia

Quando ci sentiamo sotto tono e senza energie, pensiamo subito all’arancia, un agrume con un contenuto ricchissimo di vitamine. Sia la polpa che la buccia aiutano a combattere l’insonnia, l’ansia e la spossatezza, dando molta energia e aiutando inoltre il sistema immunitario. Può essere consumato con spremute o con oli essenziali.

Quindi da un lato aiuta a rilassarsi, ma dall’altro è fondamentale per sentirci pieni di energia e voglia di fare. Stimola la sintesi nel cervello di adrenalina, una sostanza che regola l’attenzione e la reattività.

Aranacia - come migliorare l'umore

Gli anacardi

Si sa che l’ormone della felicità è la serotonina. Gli anacardi, in questo caso, si rivelano una fonte ricchissima di triptofano, l’amminoacido precursore della serotonina. Mangiarne una manciata al giorno rialza lo spirito e il buonumore anche grazie al contenuto di vitamina B6, magnesio e omega 3 capaci di combattere la depressione.

Anacardi - come migliorare l'umore

Peperoncino

Gli studi indicano che le popolazioni che hanno una cultura in cui si mangia molto spesso il peperoncino, sono anche quelle che hanno una bassa percentuale di depressione. Si tratta di una spezia piccante che stimola il sistema nervoso e che rilascia endorfine naturali.

Le vitamine A, C, E e B contenute nel peperoncino, aiutano la circolazione e libera le vie respiratorie, riuscendo a dare allegria. Degli studi condotti dall’Università di Colima hanno rilevato che il peperoncino riduce sensibilmente i sintomi della depressione grazie alla sostanza chiamata capsaicina, responsabile del suo sapore piccante.

Peperoncino - come migliorare l'umore

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

La Matrioska simbolo della nuova linea di Camillo Bona

Le sei topmodel scelte per il calendario Maybelline New York 2010

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.