Bimba morta in casa, la madre si fingeva psicologa infantile

La donna oltre a fingersi quello che non era, mentiva anche al suo compagno. Diceva che la figlia fosse con la sorella.

La vicenda della bimba trovata morta in casa, la cui madre si fingeva psicologa infantile, è avvenuta a Ponte Lambro, vicino Linate. La donna ha contattato le autorità in lacrime mercoledì mattina, dicendo di aver trovato il corpo senza vita della figlia nel suo lettino.

Dopo l’accusa di omicidio volontario con premeditazione, Alessia Pifferi – di 37 anni – è ora detenuta a san Vittore. Oggi, 22 luglio, sarà interrogata dal gip di Milano: Fabrizio Felice.

Bimba trovata morta in casa: l’identikit della madre

La piccola vittima, Diana, era nata il 29 gennaio del 2021 a Leffe. In quel paesino viveva con sua madre e con il compagno di lei, Mario D’Ambrosio, un elettricista di 58 anni.

L’uomo si è dicharato completamente estraneo ai fatti. Alessia Pifferi gli diceva che la bambina era al mare con la sorella.

Secondo una commerciante della zona, la madre della piccola affermava di essere una psicologa infantile e di saperci fare con i piccoli. 

Quando la madre della donna, residente in Calabria a Crotone, è salita a Milano per tenere la nipotina, ha lasciato straniti i conoscenti della famiglia. La trentasettenne, infatti, aveva divulgato la voce secondo cui sua mamma fosse morta di Covid. 

“Mi disse che doveva andare in gita con il suo compagno e che sua figlia sarebbe rimasta con la nonna, solo che questa – avendo contratto il Covid – era poi morta” – racconta la negoziante, aggiungendo che la Pifferi aveva anche detto che sarebbe scesa in Calabria per i funerali. 

Bimba trovata morta in casa: la ricostruzione 

L’impuntata, durante l’interrogatorio condotto dal pm Francesco De Tommasi, ha dichiarato impassibile “Sapevo che poteva andare così. L’avevo lasciata da sola nel fine settimana altre volte ed era sopravvissuta”. 

L’autopsia predisposta dalla magistratura ha rilevato che non erano presenti segni di violenza sul corpo della bimba trovata morta in casa. Presso l’appartamento, è stato però sequestrato un flacone di ansiolitico svuotato per metà; si trovava vicino al biberon ancora pieno di latte. Sembra che nessuna testimonianza deposta abbia messo in evidenza dei pianti o dei rumori molesti. Probabilmente la bambina è stata addormentata con il tranquillante. 

Secondo gli inquirenti, non è un caso relativo a fenomeni di tossicodipendenza o degrado particolare. Anzi, la donna ha anche finto di non aver mai dato alla luce la figlia e che non si fosse accorta di essere incinta fino a quando non ha poi partorito. 

I vicini ricordano che non le hanno mai viste giocare insieme o andare a passeggio. 

LEGGI ANCHE: Caldo record in Spagna: oltre 1000 morti in una settimana

Scritto da Alessia Lio
1 Comment
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
luana
22/07/2022 17:13

Succede e troppo spesso a noi donne di negare oltre l’evidenza ragionevole…negare a tutti e soprattutto a sè stesse… un comportamento sicuramente patologico ma che rivedo troppo spesso in troppe donne.

Leggi anche
  • Vaccini contro influenza e Covid in farmaciaVaccini contro influenza e Covid in farmacia: tutti i dettagli

    Vaccini contro influenza e Covid in farmacia: le vaccinazioni saranno rivolte sia agli adulti che ai bambini. Come funzionerà?

  • Strage di ErbaStrage di Erba. Olindo si dichiara innocente, ma conferma aggressioni

    Rosa e Olindo sono innocenti o colpevoli? Questo è ciò sul quale ha fatto luce Quarto Grado. L’uomo ha confermato le aggressioni a Raffaella Castagna.

  • Incidente a LutagoIncidente a Lutago, coinvolti un pulmino e un’auto: 14 feriti

    Incidente a Lutago tra un pulmino e un’auto: il violento impatto tra i due mezzi ha causato il ferimento di 14 persone. Uno dei feriti è grave.

  • omicidio a civitanova marcheOmicidio a Civitanova Marche, uomo ucciso a colpi di stampella

    Omicidio a Civitanova Marche: un uomo di 39 anni, originario della Nigeria, è stato ucciso da un cittadino italiano a colpi di stampella.

Contents.media