Notizie.it logo

5 Cose da sapere sulla Mantide Religiosa

5 Cose da sapere sulla Mantide Religiosa

La mantide religiosa rappresenta uno dei più caratteristici esempi di stranezza animale: dal cannibalismo alla deposizione delle uova.

La mantide religiosa è un animale che suscita da sempre un grande fascino nell’uomo. Intorno alla sua figura infatti aleggia un’aura di mistero evocata ance da suo nome e in generale dai comportamenti decisamente particolari che sono noti nell’animale.

Il suo nome ha origini greche: mantis infatti significa profeta, indovino. La postura dell’animale infatti è molto particolare, ricorda appunto una sorta di preghiera.

La mantide religiosa: tra mito e realtà

Nella storia le leggende riguardanti le mantidi religiose sono state numerosissime e arrivano fino ai giorni nostri. Un piccolo insetto di una grandezza massima di 7/8 cm, fa da padrone in moltissime leggende legate alla sua stranezza e pericolosità. Di fatto, la mantide religiosa, è del tutto innocua ,ma la sua fama era legata a presagi di sventura e disgrazia.

Le leggende sono riconducibili addirittura al 310 a.C.; Aristarco, uno noto astrologo e fisico greco, dichiarava che la mantide portava mala sorte e sventura anche solo con uno sguardo. Nell’antica Roma alla mantide erano assegnati potenti poteri magici. Famosa è la frase del noto etnomologo Jean-Henri Fabre: “gli altri insetti possono solo vedere, la mantide invece può guardare!”.

Cosa sapere della mantide religiosa

La diffusione della mantide religiosa nel Mondo è veramente molto vasta. Sia per la sua fama misteriosa, sia per il suo innegabile fascino, molto più spesso ultimamente molte persone decidono di adottarne una per allevarla in casa come animale domestico. Come possiamo ben immaginare la mantide non è un animale abituato a vivere in una teca e per questo motivo tenerne una in casa può essere abbastanza difficoltoso.

Ecco allora 5 consigli per chi decide di allevarne una:

1. La caratteristica più nota della mantide religiosa è il cannibalismo post nuziale. Le femmine infatti dopo l’accoppiamento, o durante, sono solite divorare il maschio partendo dalla testa. Questo comportamento ha ovviamente una base biologica. La femmina infatti ha bisogno di tantissime proteine, necessarie per la produzione di uova. Spesso però le femmine di allevamento però, essendo ben nutrite, risparmiano la vita del compagno. L’accoppiamento è molto lento e può durare diverse ore.

2. La femmina e il maschio di mantide religiosa, come in quasi tutte le specie animale sono di aspetto molto diverso. In questo caso la femmina è più grande di molti cm (circa 7) e ha un colore molto più brillante che varia dal verde al marrone chiaro.

Ha inoltre due chiazze nere all’interno delle zampe anteriori. Queste zampe sono definite raptatorie e servono ad agguantare la preda. Queste due chiazza possono sembrare degli occhi e servono a spaventare potenziali predatori. Questa caratteristica è comune negli animali, anche le farfalle ad esempio molto spesso hanno disegni sulle ali che sembrano occhi. Un altro comportamento della mantide quando si sente attaccata e in pericolo è quello di aprire le sue ali e iniziare a farle frusciare imitando in suono del serpente.

3. Le femmine di mantide depongono le uova nei periodi freddi. Le uova vengono deposte in una sorta di contenitore preparato dalla femmina con delle secrezioni collose che si solidifica e prende il nome di ooteca. Ogni ooteca può contenere un numero molto variabile di uova, dalle 60 alle 200.

Questo piccolo astuccio tiene al riparo le uova fino alla nascita delle neanidi che avviene solitamente in natura a maggio. In estate piena le mantidi raggiungono l’età adulta.

4. L’alimentazione delle mantidi è composta principalemntedi mosche, grilli e altri piccoli insetti e, talvolta, anche di piccoli rettili e anfibi.

5. La capacità di mimetizzazione delle mantidi è molto alta. Quando sono a caccia infatti sono solite nascondersi tra le foglia e aspettare pazientemente una preda. Quando uno sfortunato insetto si imbatte in una mantide affamata ha pochi secondi per rendersene conto. LA velocità con la quale la mantide si abbatte sulla preda è infatti impressionante. Una volta catturata la preda la mangia in piccoli bocconi e molto lentamente.

In conclusione

Se dunque hai deciso di tenere una mantide religiosa come animale domestico ricordati che sono e rimangono animali selvatici abituati a vivere in natura. È consigliato acquistare una mantide in un negozio specializzato piuttosto che catturarne una. Le mantidi sono animali molto delicati e rischieresti di ucciderla nel tentativo di catturala. Una volta acquistata, assicurati dunque di ricreare un ambiente favorevole alla sua vita e che non si discosti di molto dall’ambiente naturale. Solitamente le mantidi in casa vengono tenute in teche come quelle in cui si tengono serpenti o altri tipi di insetti. Prenditi cura della tua mantide e in caso di dubbi di qualsiasi sorta rivolgiti al negoziante che te l’ha venduta. Le mantidi sono animali molto fragili e hanno bisogno di molta cura.

Ricordiamo che su Amazon sono disponibili numerosi libri per informarsi su questo tipo di insetti, di seguito proponiamo una guida agli insetti d’Europa sotto forma di Atlante.

Se invece state cercando qualche teca ideale per la vostra mantide, per i vostri insetti segnaliamo questo Terrario nano pro. Si tratta di una vasca di vetro di dimensioni variabili a seconda del modello, con ventilazione e con comodo accesso all’interno aprendo la porta verso l’alto.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche