Chi è Rosalia: tutto sulla cantante spagnola

Rosalia, conosciuta come la “Rihanna del flamenco”, sta facendo innamorare tantissimi giovani del flamenco.

Rosalia, definita dal New York Times come la “Rihanna del flamenco”, sta monopolizzando le scene della musica mondiale. Da Pharrell a Pedro Almodóvar, passando per James Blake, tutti hanno perso la testa per questa 17enne che ha reinventato il flamenco, rendendolo un po’ pop e un tantino R&B.

Cosa sappiamo di lei?

Rosalia: chi è?

Rosalia, classe 1993, è nata in una piccola cittadina spagnola vicino Barcellona. Il New York Times l’ha definita “la Rihanna del flamenco” perché è stata in grado di manipolare il flamenco unendolo a pop, R&B e alle vibes della nuova musica globale senza stravolgerne la natura. A soli tredici anni, Rosalia si è innamorata di questa forma di musica e di danza di origine andalusa e si è lasciata trasportare dalla sua magia.

Un pomeriggio come tanti era in un parco della periferia barcellonese quando, dallo stereo di una macchina di un amico, ha sentito una musica gioiosa, ma allo stesso tempo drammatica, che l’ha spinta a studiare e studiare ancora quella melodia che l’aveva letteralmente rapita. È così che Rosalia si è avvicinata al flamenco, cercando di sviscerarlo in ogni sua parte per anni. Non a caso, nel 2017 si è laureata alla Scuola di Musica della Catalogna con José Miguel Vizcaya, uno dei massimi esperti di flamenco.

Il tema della sua tesi, un romanzo del tredicesimo secolo che racconta la storia d’amore tra una donna e suo marito che, pazzo di gelosia, la imprigiona, è stata poi l’idea che le ha dato l’ispirazione per El Mal Querer, il secondo album uscito nel 2018. È proprio questo disco che ha portato Rosalía al successo mondiale. Nel 2017, il primo lavoro discografico con il titolo di Los Ángeles non ha avuto la stessa fortuna. Molto probabilmente, questo parziale insuccesso è legato all’argomento trattato, ovvero la morte.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da ROSALÍA (@rosalia.vt) in data: 26 Ago 2019 alle ore 2:28 PDT

Il successo di Rosalia

Il secondo album El Mal Querer, uscito nel 2018, è stato un vero e proprio successo. Rosalia ha messo nel progetto tutta se stessa e ha unito al flamenco la musica latinoamericana. Nel brano Yo x Ti, Tu x Mi, la giovanissima cantante recita: “¿quién lo diría / Que hasta en la esquina esta song sonaría?” ovvero “Chi l’avrebbe detto che questa canzone avrebbe suonato in ogni angolo?”. Forse è proprio ciò che Rosalia si chiede in questo momento, visto che la canzone, in sole due settimane, ha superato i 30 milioni di stream su Spotify. La sua carriera è nata soltanto due anni fa, ma la cantante vanta già collaborazioni molto importanti come Pharrell, James Blake e J. Balvin. Come se non bastasse, c’è anche Dolor y Gloria del regista Pedro Almodóvar, due Latin Grammy Award e una performance agli MTV Video Music Awards 2019. Rosalia è la prova che perseverando si possono vedere realizzati i propri sogni. Quando aveva solo 15 anni, infatti, è stata scartata da Tu sí que Vales Spagna.


Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Massimo Boldi si è fidanzato: “Mi piace come mi vuole bene”

Simona Ventura e Giovanni Terzi si sposano: a quando le nozze?

Leggi anche
  • Chi era James Matthew BarrieChi era James Matthew Barrie: tutto sul padre di Peter Pan

    James Matthew Barrie si è fatto conoscere per aver scritto uno dei romanzi più amati di sempre: Peter e Wendy.

  • Chi era Saul BassChi era Saul Bass: vita dell’illustratore statunitense

    Resosi famoso per i suoi poster cinematografici, Saul Bass ha attuato una vera e propria rivoluzione del cinema in questo settore.

  • Chi era Paul GauguinChi era Paul Gauguin: storia del pittore francese

    Conosciuto oggi specialmente per le opere realizzate negli ultimi anni della sua vita in Polinesia, Paul Gauguin è uno dei pittori francesi più amati.

  • Chi era Eadweard MuybridgeChi era Eadweard Muybridge: tutto sul fotografo inglese

    Eadweard Muybridge è stato una mente fondamentale nel mondo di fotografia e cinema attraverso l’esperimento de “Il cavallo in movimento”.

Contents.media