Prefetto Valenti: “Trieste rischia la zona gialla, se succederà concesse solo manifestazioni statiche”

Secondo il prefetto Valenti l'aumento dei contagi da coronavirus a Trieste potrebbe provocare il ritorno della zona gialla.

lI prefetto Valerio Valenti ha evidenziato il rischio concreto che Trieste possa presto tornare in zona gialla: al centro del suo bilancio l’aumento dei contagi, secondo lui dovuto alle manifestazioni contro il green pass e secondo gli esperti legato anche ai contatti tra la regione e l’Est-Europa, e dei ricoveri.

Prefetto Valenti: “Trieste rischia la zona gialla”

Intervenuto in una conferenza stampa, l’uomo ha affermato che “il rischio di una zona gialla è alle porte se si continua così e sarà questo il vero limite alla libertà di espressione dato che saranno permesse solo manifestazioni statiche“.

Il prefetto, destinato a insediarsi a Firenze a breve, ha aggiunto che c’è una parte della comunità triestina molto ligia che è avulsa dal rispetto dei limiti e che qualcuno ha anche evocato il divieto a svolgere manifestazioniche si stanno dimostrando veicolo della proliferazione della pandemia“.

Da rappresentante dello Stato ha replicatoche, finché esiste un diritto a manifestare, questo va fatto esercitare come previsto dalla Costituzione: “Non sarà un prefetto a dire che si può o meno manifestare, lo deve dire qualcun altro“. Resta il fatto che a suo dire le scene di piazza Unità e al porto sono l’evidenza del rischio di un propagarsi della pandemia.

Prefetto Valenti, Trieste a rischio zona gialla: l’incontro con i sindacati

Il prefetto ha infine reso noti i contenuti dell’incontro avuto in mattinata con le associazioni degli imprenditori e i sindacati. Dopo aver mediato per arrivare ai tamponi gratuiti per i portuali, Valenti ha ritenuto opportuno provare a portare più possibile vicino alle imprese un punto tamponi in area industriale “così da permettere ai lavoratori di non sbattersi da una farmacia all’altra. Il costo, ha concluso, deve restare a carico del lavoratore ma può essere alleggerito con un intervento delle imprese.

Scritto da Debora Faravelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Articoli correlati
Leggi anche
  • PensioniCalderone sulle pensioni: “Prendiamo Quota 41 come riferimento”

    La ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Marina Calderone, ha parlato dei prossimi interventi sulle pensioni: a riferimento Quota 41

  • Catherine DahmerCatherine Dahmer: chi era la nonna di Jeffrey Dahmer

    Catherine Dahmer era la nonna di Jeffrey Dahmer, serial killer e cannibale, di cui si è parlato anche nella famosa serie Netflix.

  • Sabrina MinardiVatican Girl: chi è Sabrina Minardi

    Sabrina Minardi è stata legata per ben dieci anni ad Enrico De Pedis, Boss della Banda della Magliana, conosciuto come Renatino.

  • Renatino De PedisVatican Girl: chi è Renatino de Pedis

    Enrico De Pedis, conosciuto come Renatino, è stato il boss della Banda della Magliana, ucciso nel 1990 a Campo de’ Fiori.

Contentsads.com