Khaby Lame e Matteo Berrettini sono i nuovi testimonial di Hugo Boss

Hugo Boss parla alla generazione dei millennials con due nuovi testimonial d'eccezione: Khaby Lame e Matteo Berrettini.

Come sta succedendo a molti altri brand e come succede ogni volta che le generazioni cambiano con il passare del tempo, anche Hugo Boss si trova in un periodo di piena evoluzione.

Nella sua personale ricerca di una nuova identità più fresca di quella con cui si è fatto conoscere fino ad ora dichiara l’intento di avvicinarsi alle nuove generazioni che iniziano a diventare una fetta importante del mercato.

Per farlo Hugo Boss sceglie di affidarsi a volti noti del web e anche dello sport. Scopriamo chi sono.

Khaby Lame e Matteo Berrettini testimonial di Hugo Boss

A fare da testimonial per la nuova linea di Hugo Boss, ovvero la campagna “Be your own Boss”, non potevano mancare alcune tra le personalità più conosciute sui social network, terreno che ormai i millennials conoscono come se fosse casa.

Ecco allora che a prestare i propri volti al brand arrivano le modelle Kendall Jenner, che per i pochi che ancora non lo sanno fa parte della celebre famiglia die Kardashian e Hailey Bieber, moglie del cantante Justin Bieber.

Tra i nuovi volti del marchio ci sono anche il tennista Matteo Berrettini, arrivato in finiale nel torneo di Wimbledon nel 2021 e la star di TikTok Khaby Lame.

khaby lame berrettini hugo boss

Hugo Boss vuole parlare alle nuove generazioni

Abbiamo già avuto alcuni esempi di come marchi anche di lusso, che esistono ormai da tantissimi anni, cerchino di accattivarsi l’attenzione delle new generations. Uno su tutti è Tiffany che qualche mese fa ha collaborato con Supreme per una capsule di gioielli e t-shirt che ha sancito la temporanea unione dei due brand.

La nuova campagna del brand, voluta dal nuovo CEO Daniel Grieder, si chiama “Be your own Boss” e come dicevamo, ha lo stesso obiettivo: si rivolge cioè principalmente alla generazione dei millennials che ormai diventata indipendente, si appresta a diventare una percentuale significativa del mercato.

khaby lame berrettini hugo boss

La capsule collection di Khaby Lame

Per Khaby Lame comunque, non è la prima collaborazione con la casa di moda tedesca. Nel settembre 2021 infatti sfilò per il brand alla Milano Fashion Week.

Da allora testimionial del marchio, quello che è definito come uno TikToker più famoso del web sta lavorando ad una capsule collection in collaborazione con Boss che noi non vediamo l’ora di vedere!

Hugo Boss: il brand che si reinventa

Hugo Boss porta il nome del suo fondatore che creò l’azienda tessile nel lontano 1923 a Metzingen, poco vicino a Stoccarda. A causa della condizione economica della Germania del tempo, gli affari tardarono a decollare e appena una decina di anni dopo, Boss dichiarò bancarotta. Le cose cambiarono quando Hugo Boss decise di aderire al partito nazista, in quel periodo infatti riuscì a fondare nuovamente la compagnia.

Fu uno dei creatori delle divise delle SA prima e delle SS poi ma con la sconfitta della Germania del 1945 e la morte di Hugo Boss qualche anno più tardi, la compagnia dovette reinvenarsi. Nel 1953 la Hugo Boss cominciò così con la produzione di vestiti per uomo, settore in cui divenne leader. Nel 1993 il brand si aprì anche alla produzione di profumi con la sua prima fragranza “Hugo”.

Scritto da Arianna Giago
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Cosa vedere su Netflix a febbraio 2022: i film e le serie tv più attese

Cos’è la dipendenza da stress: tutti i consigli su come fare per uscirne

Leggi anche
  • Jeans con le stelle di Chiara Ferragni quanto costanoI Jeans con le stelle di Chiara Ferragni: quanto costano?

    Ecco quanto costano i nuovi jeans con le stelle di Chiara Ferragni, che hanno catturato la nostra attenzione e sono già sold out.

  • gonne lungheGonne lunghe a tubino estive: i trend della stagione

    Si possono trovare sia in plissé che a pieghe oppure a balze, sono le gonne lunghe proposte in vari modi come vogliono le ultime tendenze.

  • Eurovision 2022 i look di Laura Pausini per la seconda semifinaleEurovision 2022: i look di Laura Pausini per la seconda semifinale

    Ecco i tre look della seconda semifinale dell’Eurovision 2022, disegnati per Laura Pausini, da Alberta Ferretti, la meravigliosa stilista italiana.

  • Eurovision 2022 i look di Laura Pausini per la prima semifinaleEurovision 2022: i look di Laura Pausini per la prima semifinale

    Ecco i tre look dell’Eurovision 2022, total pink, disegnati per Laura Pausini, da Pierpaolo Piccioli, direttore creativo della maison Valentino.

Contents.media