Perché non buttare le Barbie vecchie: 5 buoni motivi per non farlo

La prima regola da seguire quando si tratta di Barbie? Buttarle è escluso. Alcune Barbie vecchie, infatti, valgono centinaia di migliaia di euro.

L’universo Mattel è prezioso e longevo: la prima Barbie è apparsa ufficialmente nel 1959 e da allora il suo successo della non ha fatto altro che aumentare, rinnovandosi di anno in anno e diventando simbolo di intere generazioni. Nel 2023 le Barbie sono inclusive e promuovono la diversità in ogni sua forma: che cosa farsene, però, di tutte quelle Barbie vecchie? Buttarle è severamente vietato: scopriamo perché.

Perché non buttare le Barbie vecchie: 5 buoni motivi per non farlo

La passione per le Barbie è una passione che non si esaurisce mai: da quando si è bambine a quando si entra ufficialmente nell’età adulta, l’amore per la bambola Mattel rimane invariato. È un po’ come un viaggio attraverso le epoche e le mode: Barbie non abbandona ma abbraccia e nonostante siano passati diversi anni da quel primo lancio del 1959, il suo valore è inestimabile, soprattutto dentro il cuore.

Tuttavia, bisogna anche parlare di “aspetti pratici”: le Barbie, soprattutto quelle appartenenti alle primissime uscite, sono preziosissime. Ciò significa solo una cosa: se da qualche parte avete alcune bambole Barbie datate, evitate di buttarle, ma piuttosto informatevi sul loro valore economico. Ecco dunque i motivi per i quali non dovreste pensare minimamente a buttare le vostre Barbie vecchie:

  1. Il loro valore economico può raggiungere prezzi altissimi;
  2. Le prime Barbie uscite in commercio sono veri e propri pezzi da collezione: nel mondo ci sono persone disposte a pagare ingenti quantità di denaro per averle;
  3. Le Barbie vecchie possono appartenere a edizioni limitate particolari e il prezzo, in caso di vendita, sale;
  4. Possedere una o più Barbie vecchie è simbolo di affetto e di valore: collezionarle può fruttare, anche per il futuro;
  5. Buttare via le Barbie vecchie significherebbe rinunciare a una parte di tradizione della bambola Mattel e alla possibilità di guadagnare, eventualmente, molti soldi.

I motivi, bene o male, girano tutti attorno a una sola questione: buttare via le Barbie vecchie equivale a buttare via quantità, talvolta molto alte, di denaro. Se ancora non siete convinti di ciò, vediamo più nel dettaglio a quanto può arrivare il prezzo di una Barbie “vecchia“.

Le Barbie vecchie da collezione più costose al mondo: prezzi e valore delle bambole Mattel

Oltre a rendere l’infanzia divertente, le Barbie diventano veri e propri pezzi da collezionare. I modelli delle Barbie, infatti, più sono “vecchi”, più valgono e buttarle non avrebbe alcun senso.

Tra le Barbie vecchie più costose al mondo, è bene ricordare:

  1. Barbie Pink Splendor: realizzata nel 1966 in 10mila esemplari, la Barbie in questione indossa un vestito rifinito con fili d’oro 24 carati;
  2. Barbie De Beers: il suo valore raggiunge i 90mila dollari;
  3. Barbie e il Castello di Diamanti: quasi 100mila dollari;
  4. Barbie Lorraine Schwartz: circa 8000 dollari;
  5. Barbie Devi Kroell: 1000 dollari.

In circolazione esistono ancora Barbie non più disponibili e in edizione limitata il cui prezzo negli anni è salito alle stelle. Ad esempio, la Barbie Breast Cancer Research Foundation è stata venduta a un collezionista a 244 mila euro.

Come si può notare, la storia di Barbie è una storia che non tramonta mai: il consiglio? Non buttate via le vostre bambole e conservatele nel tempo, sia mai che un giorno quella Barbie sposa possa diventare pezzo da collezione raro e ricercatissimo.

Scritto da Marta Mancosu

Lascia un commento

Leggi anche
  • Dieta Fricker come funziona e menù settimanaleDieta Fricker: come funziona e menù settimanale

    La dieta Fricker è la dieta a due velocità che permettere di perdere fino a 4 kg in due settimane: ecco come funziona e un esempio di menù settimanale.

  • Stitichezza cccasionale: cause, sintomi e rimedi efficaciStitichezza Occasionale: Cause, Sintomi e Trattamenti

    La stitichezza occasionale è un disturbo gastrointestinale comune che può causare disagio e influenzare negativamente la qualità della vita, in particolare nelle donne. Nonostante sia generalmente transitoria, è importante conoscerne le cause e i trattamenti per gestirla efficacemente.