Time management: cos’è e come imparare a gestire il proprio tempo

Ore di lavoro e ti sembra di non aver concluso nulla ma di essere comunque stanca? La soluzione al problema potrebbe essere nella gestione del tempo.

Cosa è il Time management? Potrebbe tornarti utile più di quanto pensi. Le nuove tecnologie ci hanno decisamente migliorato la vita, sia quella personale sia quella professionale. La possibilità di potersi connettere tutto il giorno, tutti i giorni, ci aiuta a mantenere saldi i rapporti interpersonali, ma può anche penalizzarci.

L’esposizione continua sulle piattaforme online, che siano social, forum o semplicemente internet, genera una frammentazione dell’attenzione, che inevitabilmente riduce la nostra capacità di concentrazione. È proprio per sopperire a questa diminuzione della concentrazione che entra in capo il Time management. Ma non solo, la gestione del tempo ci aiuterà a capire quanto questo sia in realtà prezioso.

Time management: cos’è

Il time management, come dice il nome stesso traducibile in italiano come gestione del tempo, è il processo di pianificazione e di controllo del nostro tempo.

Advertisements

Azione volta ad ottimizzare le attività aziendali e quotidiane, e aumentare efficienza e produttività, ma perché dovremmo imparare a servircene?

Lo dice la scienza, ogni volta che spostiamo la nostra attenzione, la nostra concentrazione diminuisce. Ciò che rimane ancorato all’azione precedente viene definito “residuo d’attenzione” e ci trascina nella zona denominata “zona grigia”. Lì il nostro focus è diviso, letteralmente, tra due azioni e diventa impossibile dare il 100% della nostra attenzione ad ognuna di queste.

Il risultato? Impiegheremo il doppio del tempo per finire qualcosa che abbiamo iniziato e nella maggior parte dei casi, la finiremo male. Se il residuo d’attenzione poi, si verifica in modo continuo, diventerà molto più complicato raggiungere dei traguardi e anche le energie verranno sempre meno, fino ad esaurirsi. La procrastinazione, come conseguenza, sarà inevitabile.

time management

Time management: come gestire il tempo

La soluzione? Per preservare il focus bisognerà massimizzarlo in porzioni di tempo più piccole. Ogni volta che interrompiamo un’azione, il nostro cervello impiega 20 minuti circa per concentrarsi nuovamente. Viene da se che un’ora di tempo senza interruzioni risulta molto più produttiva di mezza giornata di lavoro con interruzioni continue e prolungate.

Il rischio di una giornata di lavoro con finte pause, che si traducono in perdita di tempo, ci spingerà inevitabilmente verso una minor produzione e arriveremo a fine giornata con la sensazione di essere stanchi, ma senza aver combinato nulla di concreto.

La soluzione è quindi il time management, ovvero pianificare, per ogni giorno, 3 blocchi di tempo della durata di almeno 45 minuti ciascuno, che siano ininterrotti.

time management

Il focus: possiamo allenarlo anche nella quotidianità

Ma possiamo allenare il nostro focus anche nelle piccole attività di tutti i giorni. Per esempio, possiamo fare un po’ di social detox, ovvero possiamo allenarci a resistere alla tentazione di prendere in mano lo smartphone nei momenti di noia. Anche tra la fine di un’attività e l’inizio di un’altra inoltre, bisognerebbe imparare a resistere al richiamo del nostro smartphone.

Le pause poi, sono molto importanti, 3 minuti di riposo totale tra un’attività e l’altra basteranno per poter tornare ad essere concentrati e quindi produttivi. Utilizzando la tecnica del time management quindi, lavoro, vita quotidiana e sicuramente anche la psiche, ne beneficeranno sicuramente.

Scritto da Arianna Giago
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Conviene comprare una lavasciuga? Buoni motivi per acquistarla

Mestruazioni durante l’Olocausto: il destino delle donne nei lager

Leggi anche
  • sindrome di burnout cosa eSindrome di burnout da lavoro: cos’è, i sintomi e cosa fare

    Avere la sindrome di burnout non è un problema irrisolvibile: qui di seguito i consigli su cosa bisogna fare.

  • tricotillomaniaTricotillomania: cos’è, sintomi, cause e rimedi

    Tricotillomania: disturbo ossessivo compulsivo che porta chi ne soffre a strapparsi i capelli e in alcuni casi anche ad ingerirli: scopriamo le cause.

  • asmr cosa èAsmr: cos’è e perché questi video aiutano ad addormentarti e rilassarti

    Rilassarsi ascoltando il rumore di una spazzola tra i capelli? Con l’ASMR si può. Tutto sulla tipologia di video che sta spopolando su Youtube.

  • 
    Loading...
  • tristezza cambio di stagioneTristezza e cambio di stagione: come affrontarla e tornare a sorridere

    Con il cambio di stagione è normale provare un forte senso di tristezza: come affrontarla e tornare a sorridere.

Contents.media