Dolce e Gabbana perdono la causa contro Maradona: il risarcimento

Dolce e Gabbana dovranno risarcire Diego Armando Maradona: il caso era nato nel 2016, oggi la decisione del giudice

Dolce e Gabbana non hanno avuto una buona idea, nel 2016, quando fecero sfilare una modella con una maglia ispirata a Diego Armando Maradona. Il Pibe de Oro, infatti, non prese affatto bene quello che avrebbe dovuto essere un “omaggio” ma che invece Diego ha vissuto come lo sfruttamento non autorizzato della sua immagine.

Ecco come sono andate le cose e perché il giudice ha dato ragione all’ex calciatore.

Dolce e Gabbana usarono Diego Maradona

Era il 2016 e Dolce e Gabbana decisero di portare una grande rivoluzione nella struttura delle sfilate d’alta moda. Stufi delle passerelle milanesi, i due stilisti decisero di portare le proprie collezioni in mezzo alla gente.

All’epoca Dolce e Gabbana avevano attinto a piene mani dalle suggestioni dell’arte e dei colori del Sud Italia per disegnare una delle collezioni di abiti e di accessori che ha riscosso più successo negli ultimi anni.

In maniera molto coerente con l’ispirazione del loro lavoro, la coppia portò le proprie modelle e i propri testimonial a passeggio per le strade di Napoli e più precisamente, nel suo centro storico.

Nella loro grandiosa operazione commerciale gli stilisti coinvolsero Emilia Clarke e Kit Harringthon, due giovanissime star diventate famose a livello internazionale grazie alla loro interpretazione di due dei personaggi più amati della serie Game of Thrones.

Non soddisfatti di avere dalla propria parte due testimonial internazionali d’eccezione, Dolce e Gabbana decisero di utilizzare, anche se indirettamente, il nome e la fama di Diego Armando Maradona, considerato a tutti gli effetti un simbolo della città di Napoli.

Una maglietta controversa

I due stilisti disegnarono una maglietta da calcio ispirata molto da vicino alla maglia della SSC Napoli che Diego Armando Maradona indossò nel periodo della sua permanenza tra le fila del club partenopeo. A confermare ulteriormente che il riferimento non fosse alla squadra ma al solo Maradona, la maglietta che una modella indossò per le strade di Napoli portava sulla schiena il numero 10, l’unico che El Diego abbia mai indossato nella squadra del Napoli.

Le accuse di Maradona e le rose degli stilisti

L’avvocato di Diego Armando Maradona fece causa agli stilisti per appropriazione indebita di immagine, dal momento che Dolce e Gabbana non avevano assolutamente chiesto il permesso dell’ex giocatore per utilizzare elementi richiamavano fortemente alla sua storia personale e sportiva.

Per scusarsi, nel tentativo di appianare la faccenda a modo loro e senza tirare in ballo gli avvocati, Dolce e Gabbana inviarono a Diego Armando Maradona un grosso mazzo di rose bianche e un biglietto di scuse. Dal momento che Diego non è tipo da lasciarsi abbindolare così facilmente, la causa contro Dolce e Gabbana continuò.

E’ di pochi giorni fa la notizia che il giudice ha riconosciuto Dolce e Gabbana colpevoli di aver messo in atto una campagna di marketing speculativo utilizzando in maniera indebita la sua immagine a fini commerciali. Secondo il tribunale di Milano la maison Dolce e Gabbana dovrà risarcire a Diego la bella somma di 70.000 Euro. Una bazzecola per l’impero degli stilisti, ma di certo un enorme danno di immagine.

Scritto da Olga Luce
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Andrea Denver al Grande Fratello Vip: tutto sul concorrente

Lapo Elkann: “Non faccio più uso di sostanze e non bevo più”

Leggi anche
  • Giorgio Armani PrivéArmani Privé: la collezione che ritrova la vita e la sensualità

    Anche Giorgio Armani sfila alla Parigi Fashion Week: i suoi capi sono lo specchio di una nuova vita e del sentirsi leggere e sensuali

  • AbbronzaturaArmocromia e abbronzatura: come scegliere quali colori indossare

    Come si abbronzano le diverse stagioni secondo l’Armocromia? La tintarella della pelle potrebbe cambiare le nostre caratteristiche.

  • Dior Haute Couture 2022-2023Dior Haute Couture 2022-2023: è l’albero della vita il protagonista

    Dior ha sfilato a Parigi il 4 luglio 2022: attraverso la metafora della vita parla l’intera collezione, ricca di ricami ed estrema eleganza

  • Raffaella CarràRaffaella Carrà: i look più iconici

    L’intramontabile Raffaella Carrà è stata un’icona italiana, anche per quanto riguarda lo stile.

Contents.media