Benedetta Porcaroli, chi è la protagonista della serie Netflix Baby

Benedetta Porcaroli, la co-protagonista di Baby, la serie tv Netlifx, vanta un passato da modella e un futuro da attrice

Benedetta Porcaroli, la co-protagonista di Baby, la nuova serie tv targata Netlifix, racconta di se e della sua prima esperienza come ”cattiva ragazza”.

Benedetta Porcaroli

Benedetta Porcaroli, 20 anni, romana. É lei Chiara di Baby, la nuova serie italiana di Netflix disponibile dal 30 novembre.

Annunciata dal 15 novembre 2017 la serie, ispirata al caso delle Baby squillo dei Parioli, indaga le vite e le vicende sentimentali di un gruppo di adolescenti romani. Non dev’essere stato di certo facile per lei interpretare Chiara, una ragazza che come molte è cresciuta in una famiglia agiata nel centro di Roma ma che a causa di una serie di scelte sbagliate si è trovata invischiata in un giro di prostituzione minorile.

Ripensando ai suoi sedici anni Benedetta ricorda:” Pensavo di essere grandissima, di aver raggiunto il massimo della maturità della mia vita. Se mi riguardo adesso, a sedici anni ero una cucciola“. “A quell’età ti senti invincibile“. Per Benedetta interpretare Chiara è stato un ritorno al passato e lo vive con la maturità di ora. Rivedersi in un personaggio così forte ma allo stesso tempo fragile le da da pensare:” Quando il caso è esploso mi sono chiesta come potesse essere accaduta una cosa simile.

Leggendo la cronaca ho provato un grande stupore, poi ci ho riflettuto. Forse certe scelte sono la conseguenza di momenti in cui non sai bene chi sei”.

Benedetta Porcaroli carriera

Benedetta, figlia di un avvocato e di una mamma impiegata nella pubblica amministrazione romana ha iniziato a recitare per caso dopo un’infanzia da modella. Ha iniziato a lavorare giovanissima, a 14 anni i primi ingaggi importanti posando per i marchi Subdued, Timberland e Gucci. Nonostante gli impegni è una ragazza come tante, divisa tra la scuola e le passioni di cui va fiera. Racconta: “Sono cresciuta con i film di Sordi, Anna Magnani e Totò. Per quanto riguarda la musica, passo dalla classica a Bruce Springsteen”.benedetta porcaroli

Il salto dalla moda alla recitazione avviene per caso. Grazie ad un’amica della madre, che aveva appena aperto un’agenzia di giovani attori, partecipa ad un provino per la fiction Tutto può succedere dove interpreta per quattro anni il ruolo di Federica Ferrari. Il passo definitivo nel mondo del cinema lo deve a Paolo Genovese e al suo Perfetti Sconosciuti dove si è calata nel personaggio di Sofia la figlia di Eva (Kasia Smutniak) e Rocco (Marco Giallini), un’adolescente alle prese con un rapporto conflittuale con la madre. La ritroviamo poi in Quanto Basta(2018) di Francesco Falaschi e Sconnessi (2018) di Christian Marazziti. Infine in Tutte le mie Notti interpreta una ragazza difficile che sceglie consapevolmente di prostituirsi. Un ruolo molto simile a quello di Chiara di Baby e che sicuramente ha aiutato l’attrice ad immedesimarsi nel suo nuovo ruolo.

Scritto da Alice Sacchi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Anna Tatangelo “Faccio l’amore almeno 3 volte la settimana”

Priyanka Chopra e Nick Jonas sposi: matrimonio in stile Bollywood

Leggi anche
  • chi è harbie hancockChi è Harbie Hancock: tutto sul pianista e compositore

    Harbie Hancock, storia del pianista e compositore del secolo scorso. Dall’inizio della carriera artistica alle sperimentazioni e i nuovi progetti.

  • Chi era Adriano OlivettiChi era Adriano Olivetti: storia del grande imprenditore

    Adriano Olivetti, figlio del grande Camillo fondatore della nota azienda omonima. Tra lavoro aziendale e attenzione per il sociale.

  • chi era nino rotaChi era Nino Rota: storia del grande compositore

    Noto per aver scritto colonne sonore presenti nei film di registi importanti come Fellini e Visconti, ecco la storia di Nino Rota.

  • harry e meghan netflixHarry e Meghan sbarcano su Netflix con Heart of Invictus

    Harry e Meghan arrivano su Netflix con la loro prima docu-serie targata Archewell Productions dove riprenderanno gli atleti degli Invictus Games.

Contents.media