Alimenti che fanno invecchiare prima: i cibi da cui stare alla larga

Quali sono gli alimenti che fanno invecchiare prima? Tutti i cibi che vanno limitati o esclusi dalla dieta.

La dieta dovrebbe essere più variegata possibile, ma ci sono alcuni cibi che andrebbero limitati, se non eliminati. Determinati alimenti, infatti, fanno invecchiare prima, portando la pelle ad avere un aspetto rugoso e poco sano. Quali sono le prelibatezze da inserire in black list?

Alimenti che fanno invecchiare prima

Purtroppo non si tratta di una leggenda metropolitana, ma di una spiacevole realtà: alcuni alimenti fanno invecchiare prima. Determinati cibi andrebbero limitati, se non eliminati, perché il loro consumo eccessivo danneggia i marcatori dell’età cellulare. Abusando di alcune pietanze che molti considerano vere e proprie prelibatezze si ottengono effetti disastrosi, come: ossidazione cellulare, rilassamento cutaneo e rughe.

Per evitare l’invecchiamento ‘precoce’, quindi, è bene limitare o eliminare certi alimenti.

Quali sono quelli che dovremmo assolutamente inserire in black list?

Le farine bianche

Le farine bianche devono essere considerate un vero e proprio nemico: sono ricche di carboidrati che incrementano il glucosio più dello zucchero. La pasta, il pane e i prodotti da forno in generale, anche se buonissimi, velocizzano l’invecchiamento. Come se non bastasse, gli alimenti a base di farina raffinata contengono sostanze chimiche molto pericolose. Pertanto, preferite la farina integrale, che fa molto bene.

Prodotti a base di mais

Da evitare come la peste anche i prodotti a base di mais. Quest’ultimo aumenta i livelli di zuccheri nel sangue, accelerando l’invecchiamento cellulare. L’olio o lo sciroppo di mais, ad esempio, apportano anche una grande quantità di grassi omega 3 che, in eccesso, non sono affatto benefici. Quando si esagera con gli omega 3, infatti, si va incontro a ossidazione cellulare e infiammazione.

Ricordatevi di controllare bene le etichette dei cibi: i derivati del mais si trovano in parecchi alimenti e bibite. Non solo, fate attenzione anche alle medicine.

Lo zucchero

Lo zucchero, com’è noto ormai da tempo, è una delle sostanze più nocive che ci siano. Inoltre, più zuccheri assumiamo e più il nostro corpo ne vorrà. Recenti studi hanno dimostrato che in alcune persone, quando il livello di zucchero nel sangue si abbassa, si innesca una vera e propria astinenza, simile a quella che si prova con le droghe.

Oltre allo zucchero, evitate anche alcuni suoi sostituti che sono ugualmente dannosi. Lo sciroppo d’agave, ad esempio, contiene livelli di fruttosio più elevati rispetto allo sciroppo di mais.

Gli alcolici

Il consumo quotidiano di alcolici, soprattutto i superalcolici, oltre a distruggere l’organismo porta ad un invecchiamento fulmineo della pelle. Intossicano il fegato, potrebbero provocare seri danni epatici e favoriscono la comparsa della rosacea e di inestetismi come acne o rughe. Il vino bianco, ad esempio, danneggia lo smalto dei denti, mentre quello rosso li macchia. Insomma, un bicchiere a pasto va bene, ma esagerare è vietato.

Salumi e insaccati

I salumi e gli insaccati in generale andrebbero eliminati del tutto dalla dieta. Si tratta di carni lavorate che contengono solfiti e altri conservanti dannosi, colpevoli di infiammazioni della pelle e ossidazione cellulare. Come se non bastasse, sono ricchi di sale.

Riso bianco

Il riso bianco è composto da carboidrati semplici che aumentano i livelli di zucchero nel sangue. Preferite quello integrale oppure optate per un bel piatto di legumi: via libera a lenticchie, fagioli e ceci.

Cibi salati

I cibi salati non solo ti fanno invecchiare prima, ma portano all’insorgenza di problemi vascolari e circolatori. Il sale provoca, inoltre, ritenzione idrica e cellulite. Se non riuscite ad eliminarlo del tutto dalla vostra cucina, provate a sostituirlo con quello iodato, considerato più salutare.

Carne rossa alla griglia

La carne rossa, soprattutto quando cotta alla griglia, è particolarmente dannosa. Quando si brucia un po’, anche se appare più appetibile, la carne diventa pericolosissima per l’organismo. Preferite quella bianca e, possibilmente, optate per la cottura a vapore.

Le patatine fritte

Le patatine fritte, anche se buonissime e amate in ogni angolo del globo, devono necessariamente essere inserite in balck list. Ricche di grassi insaturi, producono l’interleuchina 6, ovvero un marker d’infiammazione che innesta un processo di invecchiamento precoce. Inoltre, l’olio utilizzato per friggerle compromette la respirazione delle cellule, riducendo le difese immunitarie. Quando non riuscite proprio a farne a meno, optate per le patatine fritte a basso contenuto di sodio e cucinatele al forno o con una friggitrice ad aria.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Leggings sportivi snellenti: i benefici

Dieta dei legumi: come funziona e il menu settimanale

Leggi anche
  • somatic experiencing cosa eSomatic Experiencing: che cos’è e come funziona

    Il Somatic Experiencing permette di uscire da periodi di forte stress o traumi attraverso un percorso di ascolto con il corpo: vediamo che cos’è.

  • libido femminileLibido femminile bassa: come attivarla per l’estate

    La libido femminile bassa si può riaccendere con alcune modifiche nella propria dieta e il miglior prodotto a base naturale.

  • misure pene circonferenza lunghezzaCirconferenza e lunghezza del pene: quali sono le misure ideali

    Quanto contano le dimensioni del pene? Quali sono le misure ideali per lunghezza e circonferenza? Abbiamo provato a rispondere a queste domande.

  • imene a cosa serveImene: cos’è, a cosa serve e tutti i falsi miti da sfatare

    È una membrana che si trova all’interno della vagina, su cui, ancora oggi ci sono dubbi: cos’è l’imene e a cosa serve.

Contents.media