Come il CBD agisce su bellezza e salute della pelle

Quando si sente nominare il CBD, immediatamente la mente va alla cannabis light, meglio conosciuta come erba legale, ossia la pianta di canapa ricca di principi attivi cannabinoidi, i cui effetti sono rilassanti e non psicotropi.

Quando si sente nominare il CBD, immediatamente la mente va alla cannabis light, meglio conosciuta come erba legale, ossia la pianta di canapa ricca di principi attivi cannabinoidi, i cui effetti sono rilassanti e non psicotropi. Il cannabidiolo CBD, infatti, se contenuto in percentuale maggiore rispetto al THC (tetraidrocannabinolo), categorizza la varietà di cannabis sativa nella sfera delle tanto dibattute sostanze leggere.

Dibattito che ha interessato anche il campo della ricerca medica, dal momento che sono stati portati avanti moltissimi studi scientifici – ancora in corso – che si occupano di definire gli effetti del CBD, soprattutto per quanto riguarda le loro interazioni sulla salute.

Alcuni ricercatori, infatti, hanno ottenuto risultati incoraggianti in merito ai vantaggi fisiologici e ai benefici del CBD per la salute della pelle e per i problemi cutanei, fino al punto che il CBD è stato ritenuto sicuro dall’OMS, riconoscendo il suo enorme potenziale se impiegato come integratore per il benessere.

Trattandosi dell’organo più esteso del corpo umano, la pelle necessita di moltissime cure per mantenersi in buona salute. Ma in che modo il CBD interagisce con il corpo umano? Quali prodotti cosmetici sono più indicati per migliorare il benessere della pelle e agire sulla bellezza?

Il ruolo del CBD per la salute della pelle

La pelle ha delle funzioni molto importanti poiché, rivestendolo, protegge il corpo dagli agenti esterni; a livello cellulare presenta moltissimi recettori, incaricati di riconoscere e inviare segnali al sistema nervoso centrale e a quello immunitario.

A livello epidermico, vi sono dei recettori con cui il CBD riesce ad interagire: si tratta del SEC, il sistema endocannabinoide, che si occupa di stimolare gli organi interni e mantenere uno stato di equilibrio, interfacciandosi con altri sistemi fisiologici. Sulla pelle, il CBD favorisce la decomposizione delle molecole di segnalazione del SEC, che regola la crescita, lo sviluppo e il metabolismo delle cellule.

Che si tratti di pelle sana o di cellule cutanee danneggiate, gli studi che cercano di comprendere come agisce il CBD sulla cute potrebbero aver riscontrato reali potenzialità in entrambi i casi. Nel caso di cute infiammata, alcune ricerche hanno esaminato la reazione del CBD, il quale sarebbe in grado di sopprimere le proteine che stimolano la risposta infiammatoria dell’organismo. Se queste proteine si infiammano e non avviene un contrasto che riduca la risposta infiammatoria della pelle – compito che spetterebbe al CBD – sono la causa della comparsa delle irritazioni cutanee e degli inestetismi come le cicatrici.

Insieme agli effetti sull’infiammazione, gli studi stanno cercando di dimostrare la correlazione tra CBD e corretta proliferazione cellulare. Il cannabidiolo, infatti, sarebbe in grado di nutrire la pelle, grazie anche alle già dimostrate proprietà antiossidanti, motivo per cui il CBD viene impiegato come ingrediente per le creme anti-age.

Oltre a quanto detto, le ricerche stanno indagando sull’efficacia del CBD nel trattamento dei disturbi cutanei e sulla capacità di influire sullo stato di salute dell’epidermide, poiché ritenuto non solo in grado di donare sollievo alla pelle sana, ma anche di agire sui problemi cutanei più complessi, come acne, eczema e psoriasi.

Occorre specificare che il CBD non si sostituisce alle cure mediche per queste problematiche (anche perché, sebbene i risultati ottenuti siano incoraggianti, non si parla ancora di dati ufficiali), ma le sue potenziali proprietà lipostatiche, antiproliferative e antinfiammatorie riescono a donare sollievo e fornire alla pelle uno strumento in più per alleviare e ridurre i sintomi quali l’infiammazione e l’eccesso di produzione di sebo.

Pelle sana è sinonimo di bellezza: alcuni consigli

Ma come usare il CBD per la pelle? Molti prodotti per la cura della pelle contengono formulazioni specifiche ricche di CBD. Questi prodotti a base di CBD e altri ingredienti idratanti e lenitivi, sono ideati per supportare il naturale equilibrio fisiologico della cute: se applicati mattina e sera, diventano un ottimo alleato nella routine di bellezza quotidiana, anche per le persone affette dai disturbi cutanei precedentemente menzionati e che hanno la necessità di ripristinare la salute della cute e di diminuire l’arrossamento, l’ispessimento, la desquamazione e il prurito tipici della psoriasi, ad esempio.

Ma non esistono solo creme ad uso topico; in commercio esistono tanti altri prodotti al CBD per la pelle come oli e integratori, la cui assunzione potrebbe essere in grado di dare benefici e sollievo cutaneo in caso di irritazioni, infiammazioni e prurito cutanei, oltre che combattere l’azione dei radicali liberi, prevenire l’invecchiamento cutaneo e, dunque, mantenere la pelle giovane e sana più a lungo.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Articoli correlati
Leggi anche
  • unghie fragiliUnghie fragili: come rinforzarle in modo naturale

    I rimedi naturali a base di equiseto, ma anche una buona alimentazione sono un buon metodo per trattare le unghie fragili e rinforzarle.

  • Crescita capelliCome utilizzare l’olio per stimolare la crescita dei capelli?

    Anche il cuoio capelluto necessita delle giuste attenzioni: tra le soluzioni più efficaci vi è l’uso di oli essenziali specifici da massaggiare

  • siero antirugheSiero antirughe: i benefici e il migliore da provare

    Con il miglior siero antirughe disponibile in commercio a base di elementi naturali si possono contrastare le rughe e avere una pelle liscia.

  • eliminare le occhiaieCome eliminare le occhiaie: i rimedi naturali

    I prodotti di cosmesi, ma anche i classici rimedi della nonna, insieme a maschere e creme consentono di eliminare le occhiaie in breve tempo.

Contentsads.com