Cellulare ai figli: pro e contro

Viviamo in tempi in cui le tecnologie moderne non sono più solo un optional, ma un complemento necessario per la quotidianità.

Un esempio eclatante è costituito dal telefono cellulare: se fino a pochi anni fa era un lusso per pochi, principalmente per uomini d’affari che ne avevano la necessità per motivi di lavoro, oggi tutti possiedono almeno un cellulare, e sempre di più sono coloro che hanno lo smartphone.

Ogni genitore si trova dunque davanti al dilemma di quale sia il momento migliore per consentire ad un figlio di possedere un telefono cellulare.

La cosa più importante, è responsabilizzare il proprio figlio: quando gli viene dato in mano un telefono cellulare, deve essere consapevole dei costi che comporta, e che lo deve usare in modo assennato. Quindi, fino a che non gli è necessario, perchè inizia ad assentarsi da casa da solo, sarebbe bene non comprargliene uno, anche se i suoi amici a scuola lo possiedono.

Il primo modello dovrà essere molto semplice ed elementare: modelli più sofisticati dovranno essere una conquista personale.

Scritto da Cristina Marziali

Scrivi un commento

1000

Dalla parte dei consumatori

Consigli per non scottarsi

Leggi anche
  • baby sitterCome trovare la baby sitter perfetta: i consigli

    La baby sitter perfetta esiste: tutti i consigli utili su come trovare quella più adatta ai vostri bambini.

  • mamme lesbicheMamme lesbiche, come vive una famiglia omogenitoriale

    Cosa vuol dire vivere in una famiglia omogenitoriale e che tipo di vita sociale possono avere queste persone? Scopriamolo meglio.

  • disabileAbbandona il figlio disabile

    Abbandona il figlio disable: 17 anni dopo il riscatto del piccolo Gabe. Dal Brasile allo Utah grazie ad una foto vista quasi per caso

  • georgia tannGeorgia Tann rubò ai poveri 5000 bimbi per darli ai ricchi

    Georgia Tann, tra gli anni ’20 e gli anni ’50, rubò più di 5000 bambini ai poveri per venderli alle famiglie ricche.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.