Arriva la bora sugli incendi del Carso: 300 persone evacuate

Le previsioni per le prossime ore dicono che arriva la bora sugli incendi del Carso, 300 persone sono state evacuate da 115 e Protezione Civile

Come se la situazione non fosse già abbastanza grave di suo adesso arriva la bora a soffiare sugli incendi del Carso: 300 persone sono state evacuate con una vasta operazione per parte ancora in corso perché il vento teso minaccia di indirizzare le fiamme verso Savogna d’Isonzo e su alcuni spot territoriali in particolare.

Le previsioni meteo per le prossime ore poi sono a metà fra speranza e terrore, perché se da un lato sono attesi temporali per le prossime 24-36 ore dall’altro il loro arrivo viene annunciato da venti tesi che invece del potere distruttivo delle fiamme sono “amici”. 

Arriva la bora sugli incendi del Carso

Il dato, riportato dall’Ansa, è che oltre 300 persone vengono evacuate da Gabria e San Michele del Carso, frazioni di Savogna d’Isonzo, in provincia di Gorizia.

Il rischio è quello dell’estensione in Italia dell’incendio sul Carso sloveno. A prendere la decisione sono state proprio le autorità in ordine alle previsioni di bora che nella notte soffierà verso l’Italia

Impegnati Vigili del Fuoco e Protezione Civile

Le persone saranno ospitate nella palestra della squadra di calcio del Savogna e a Monfalcone e Gradisca d’Isonzo. Ci penseranno i Vigili del fuoco del Comando di Gorizia a coordinare i trasferimenti assieme a personale della Protezione civile e Comune di Savogna

Allarme rientrato in nottata

Nel frattempo e per le ore di questa torrida giornata del 24 luglio arriva una bella notizia sempre battuta dall’Ansa: “La bora soffiata in nottata è stata meno forte di quanto si prevedesse, la pioggia caduta e il lavoro di circa mille vigili del fuoco sloveni hanno impedito che l’incendio sul Carso sloveno si propagasse anche in Italia”. Quella che si preannunciava dunque come una notte difficile lo è stata ma con il risultato di un pericolo grave scongiurato dagli operanti.

Il sollievo di Riccardo Riccardi

E dopo aver appreso dell’encomiabile lavoro dei vigili del fuoco sul versante sloveno, della perfetta sinergia con gli operatori in territorio italiano e soprattutto della previsioni meteo che si sono rivelate più “catastrofiche” di quanto non sia poi accaduto tira il fiato il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con deleghe alla Protezione civile e alla Salute, Riccardo Riccardi. Ha detto l’amministratore regionale: “Mi pare che sia andata tutto sommato bene. Vedremo oggi, siamo al lavoro”.

La situazione attuale in Val Resia

Le ultime agenzie spiegano che “i velivoli di soccorso si sono alzati in volo da ore: due Canadair e due elicotteri. A terra continuano operazioni di spegnimento e bonifica del terreno”. Insomma, per fortuna in tutta l’area tra Italia e Slovenia è piovuto anche se poco e per poco. In val Resia, in Friuli, stamani sono riprese le operazioni di spegnimento e stanno operando un Canadair e un elicottero. E sull’altro fronte contiguo, in Slovenia, oltre mille vigili del fuoco e circa 260 forestali sono ancora al lavoro. Attenzione però: le fiamme non sono state ancora domate e a dare man forte ai Vigili del Fuoco e del eprsonale di emergenza sono giunti anche circa 130 effettivi dell’esercito.  

Scritto da Giampiero Casoni
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Leggi anche
  • Vaccini contro influenza e Covid in farmaciaVaccini contro influenza e Covid in farmacia: tutti i dettagli

    Vaccini contro influenza e Covid in farmacia: le vaccinazioni saranno rivolte sia agli adulti che ai bambini. Come funzionerà?

  • Strage di ErbaStrage di Erba. Olindo si dichiara innocente, ma conferma aggressioni

    Rosa e Olindo sono innocenti o colpevoli? Questo è ciò sul quale ha fatto luce Quarto Grado. L’uomo ha confermato le aggressioni a Raffaella Castagna.

  • Incidente a LutagoIncidente a Lutago, coinvolti un pulmino e un’auto: 14 feriti

    Incidente a Lutago tra un pulmino e un’auto: il violento impatto tra i due mezzi ha causato il ferimento di 14 persone. Uno dei feriti è grave.

  • omicidio a civitanova marcheOmicidio a Civitanova Marche, uomo ucciso a colpi di stampella

    Omicidio a Civitanova Marche: un uomo di 39 anni, originario della Nigeria, è stato ucciso da un cittadino italiano a colpi di stampella.

Contents.media