Chi era Marian Mcquade: tutto sull’inventrice della feste dei nonni

Vita e curiosità su colei che per prima promosse la festa dei nonni: ecco chi era Marian Mcquade.

Grazie a lei è istituzionalmente riconosciuto il grande valore che i nonni ricoprono nella famiglia e nella società e nel mondo intero: ecco chi era la statunitense Marian Mcquade.

Marian Mcquade: chi era?

Marian Macquade è un personaggio fondamentale per la storia mondiale legata alla famiglia del secondo Novecento.

Mamma, nonna e bisnonna, negli anni, si è battuta fortemente per rendere evidente e far istituzionalmente riconoscere l’importanza dei nonni nella famiglia e nella società.

Marian Lucille Herndon, da sposata, Mcquade nacque il 18 gennaio 1917 a Caperton, in West Virginia, come la promotrice della festa della mamma, Anna Jarvis. Nel 1936, a soli 19 anni, si sposò con Joe L. McQuade. Iniziò a lavorare con gli anziani nel 1956, quando aiutò nell’organizzazione di un evento in onore degli ultraottantenni della West Virginia.

Negli anni divenne vicepresidente del West Virginia Commission on Aging e prestò servizio presso la Vocational Rehabilitation Foundation e l’agenzia del sistema sanitario statale.

Nel 1973, proprio il West Virginia divenne il primo stato a celebrare la festa dei nonni. secondo la Mcquade, infatti, per le nuove generazioni era fondamentale il rapporto con gli anziani nonni. Il suo impegno con essi portò poi alla creazioni di una giornata proprio a loro dedicata.

Marian McQuade ebbe 15 figli, 43 nipoti e 15 pronipoti. Il marito morì nel 2001, mentre lei visse altri 7 anni, spegnendosi a 91 anni il 26 settembre 2008 in una casa di riposo in West Virginia, a causa di un’insufficienza cardiaca. Molti dei suoi figli e nipoti lavorano per il National Grandparents Day Coucil, senza scopo di lucro.

Dopo la sua morte, la famiglia rese pubblica una nota in cui la McQuade diceva di essere la persona più fortunata del mondo ad avere una tale famiglia e un tale impegno con le persone anziane.

La Festa dei nonni

Su iniziativa di Marian McQuade, nel 1973 lo stato del West Virginia, per la prima volta nella storia mondiale, introdusse una giornata dedicata ai nonni.

Nel resto degli Stati Uniti si dovrà aspettare il 1978, quando l’allora presidente Jimmy Carter, a partire dall’anno successivo, la domenica successiva al Labor Day, festa dei nonni. Il labor day è la giornata che segna la fine dell’estete e la ripresa della vita lavorativa dopo l’estate. Nel 1989, decimo anniversario dall’istituzione, il servizio postale degli Stati Uniti ha emesso una busta commemorativa con le sembianze di Maria McQuade, in onore proprio alla festa dei nonni.

Nei decenni successivi la ricorrenza si diffuse anche in tutto il resto del mondo, arrivando nel 1987 in Francia, 1990 nel Regno Unito, nel 1995 in Canada, nel 2005 in Italia e nel 2010 in Estonia.

I nonni sono uno dei beni più preziosi e unici che una famiglia possa avere. Fonte di saggezza, ricordi ed esperienze, purtroppo, molto spesso vengono dimenticati a loro stessi e abbandonati. La giornata a loro dedicata è un monito per ricordarsi di quanto siano importanti anche e soprattutto per le generazioni giovani e future.

Scritto da Chiara Caporale
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Come abbinare vestiti e accessori: i consigli per essere sempre al top

Come avere buon gusto nel vestire: consigli per essere sempre perfette

Leggi anche
  • chi era carlo betocchiChi era Carlo Betocchi: storia del poeta italiano

    Carlo Betocchi, il poeta piemontese dalla linea poetica distinta e particolare nel suo genere.

  • chi era edouard manetChi era Edouard Manet: storia del pittore francese

    Eduard Monet e il suo rapporto con la pittura tra passato, realismo e impressionismo.

  • ghemon chi eChi è Ghemon: biografia e curiosità sull’artista

    La sua passione per la scrittura lo ha portato ad avvicinarsi al mondo della musica: chi è Ghemon e perché il suo stile è così innovativo.

  • max gazze chi eChi è Max Gazzè: biografia e carriera del cantautore romano

    Sperimentatore, poeta e visionario: chi è Max Gazze, l’artista romano che porta alta la bandiera del cantautorato italiano.

Contents.media