Notizie.it logo

Rocco Siffredi confessa: “Ho avuto un rapporto al funerale di mamma”

rocco siffredi

Rocco Siffredi, nel corso di Live-Non è la D'Urso, ha confessato un dettaglio sessuale sconvolgente avvenuto il giorno del funerale di sua madre

Nell’ultima puntata di Live-Non è la D’Urso Rocco Siffredi, ospite insieme al figlio Lorenzo, si è lasciato andare ad un racconto davvero bollente. L’aneddoto riguarda il funerale della madre e un incontro ‘speciale’, se così lo possiamo definire, che ha avuto con una coetanea del genitore dopo le esequie.

Rocco Siffredi: il funerale della mamma

Rocco Siffredi non ha peli sulla lingua, questo ormai lo sappiamo da tempo. Per l’ex attore porno, oggi regista insieme al figlio Lorenzo, parlare di sesso è la cosa più normale di questo mondo e spesso non si rende conto che alcuni dettagli andrebbero tenuti per sé. Nell’ultima puntata di Live-Non è la D’Urso, Rocco e il pargolo sono stati ospiti per parlare del loro lavoro e, una chiacchiera tira l’altra, l’uomo si è ritrovato a fare una rivelazione a dir poco sconcertante.

È stata Alda D’Eusanio a provocarlo che, ad un certo punto, ha dichiarato: “Una sera ero da un’amica e abbiamo visto un film in cui Rocco raccontava la sua vita. Hai raccontato anche il giorno del funerale di tua madre. Dopo il funerale, un’amica della mamma, quindi vecchia quanto la mamma, lo ha invitato per un caffè. Lui ha raccontato che, dopo il caffè, si è fatto la vecchietta. Dopo le parole di Alda, tutto lo studio è scoppiato a ridere e la stessa Barbara non è riuscita a trattenere le risate. Nessuno si sarebbe aspettato, però, una replica di Rocco tanto esplicita. Siffredi, senza scomporsi, ha subito voluto chiarire che tra lui e la vecchietta non c’è stato un rapporto sessuale completo, ma del semplice sesso orale.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Super Trashata (@supertrashata) in data: 21 Ott 2019 alle ore 5:40 PDT

Il racconto di Rocco

L’ex divo del cinema hard ha rivelato: “La signora mi ha stretto e mi ha detto siediti su queste gambe, perché da bambino mi sedevo sulle sue gambe.

Lei mi stringeva, continuava a stringere. Poi io mi sono alzato, l’ho tirato fuori, gliel’ho messo in bocca e sono venuto. Ma non me la sono fatta”. La D’Urso ha subito iniziato ad urlare, chiedendo al suo staff che orario fosse: “Aiuto. Aiuto. Alda, tu non puoi chiedere a lui di raccontare queste cose in televisione. Che ora è?”. Fortunatamente, la mezzanotte era passata da un pezzo e i telespettatori più piccini erano già tra le braccia di Morfeo, per cui Carmelita si è tranquillizzata. Insomma, Siffredi è sceso nel dettaglio e, con estrema sincerità, avrebbe anche potuto evitare di raccontare un dettaglio tanto macabro. Nel frattempo, il figlio Lorenzo, con estrema tranquillità, era al fianco di suo padre e lo ascoltava come se stesse raccontando una banale fiaba.

Il ragazzo ha poi dichiarato come ha scoperto il lavoro del genitore: “Un giorno da piccoli eravamo a casa e non c’erano mamma e papà. Abbiamo trovato una videocassetta e c’era scritto ‘Tarzan’, noi pensando che fosse un cartone animato l’abbiamo vista, ed invece c’erano mamma e papà insieme”. Rocco, in conclusione e proprio in merito al pargoletto, ha dichiarato: “Mio figlio è fiero di me e mi dà una mano sul set. Ha iniziato ad aiutarmi dietro le quinte. Un giorno mi ha detto: ‘Sono venti anni che giri film che fanno caga*e’. Lui è molto più bravo con le nuove tecniche tanto è vero che è alla sua seconda regia. Lui ama molto la categoria donne con donne.

Da sette anni è fidanzato. Lui le ragazze sul set non le vede neanche, è estremamente fedele”. Speriamo che Lorenzo non segua le orme del suo papà mettendo in atto simili atteggiamenti sessuali che possiamo definire solo macabri.


© Riproduzione riservata

1
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
Gratia plena

In Sicilia si dice: “la miglior parola è quella che non di dice”.
E questo vale non solo per Siffredi ( poverino!! )

Fabrizia Volponi
Fabrizia Volponi nata ad Ascoli Piceno nel 1985. Laureata in "Scienze Storiche" e in "Scienze Religiose", sono da sempre appassionata di lettura e di scrittura. Divoro libri e li recensisco sul mio Blog Libri: medicina per il cuore e per la mente. Lasciatemi in una libreria, possibilmente piccolina e vintage, e sono la donna più contenta del mondo.
Leggi anche