Giornata mondiale degli oceani: perché alcuni prodotti beauty inquinano

Anche i prodotti beauty inquinano i nostri mari e in occasione della giornata mondiale degli oceani impariamo a scegliere le alternative green.

La Giornata mondiale degli oceani ci ricorda quanto sia prezioso il pianeta in cui viviamo e quanto rispetto dovremmo (e avremmo dovuto) portargli. Se è vero che possiamo fare la nostra parte anche con i piccoli gesti quotidiani, ecco che anche le scelte in fatto di beauty hanno il loro peso.

Giornata mondiale degli oceani: perché il beauty inquina

Alcuni shampoo, balsami, scrub e creme inquinano. Certe sostanze chimiche invisibili all’occhio umano, infatti, sono presenti in mare proprio come plastica e rifiuti e possono danneggiare i nostri mari mettendo in pericolo tutto l’ecosistema e la barriera corallina. Non a caso l’arcipelago delle Hawaii è stato il primo a vietare l’utilizzo di filtri solari responsabili di danni all’ambiente.

Ma quali sono gli ingredienti più pericolosi per i nostri mari? I filtri chimici delle creme solari, ad esempio, contengono l’ossibenzone responsabile dello sbiancamento della barriera corallina, mentre shampoo e saponi possono contenere BHA e BHT, sostanze conservanti che possono danneggiare l’ecosistema marino. Anche gli scrub e i prodotti in granuli composti da microparticelle di plastica contribuiscono a rilasciare rifiuti in mare. Attenzione anche ai tensioattivi e ai conservanti che contengono i siliconi, dannosi per l’ecosistema e non proprio indicati anche per la nostra pelle.

Giornata mondiale degli oceani: come funzionano i solari

Non tutti i solari sono uguali. Le diverse tipologie di formulazioni possibili, con filtri chimici, con filtri fisici o con filtri associati, non si distinguono in base alla maggiore o minore efficacia ma in base al meccanismo di azione e alle caratteristiche formulative. I filtri fisici hanno proprietà schermanti, quindi, oppongono un vero e proprio schermo alle radiazioni UV. Non vengono assorbiti dalla pelle, non trattengono calore e proteggono efficacemente la pelle. Nella maggior parte dei casi questi filtri sono naturali e gli schermanti più utilizzati sono l‘ossido di zinco e il biossido di titanio. I filtri chimici, invece, assorbono parte delle radiazioni solari e rilasciano l’energia sotto forma di calore, hanno il vantaggio di essere più economici ma possono dare irritazioni, fototossicità e sensibilizzazioni.

Tra i filtri molto utilizzati troviamo il Benzophenone, che è stato accertato come distruttore endocrino oppure l’Octinoxate, un ingrediente persino trovato nel latte materno, con pesanti ricadute sulla salute umana e sull’ambiente. Questi filtri sono pesantemente inquinanti per pesci, molluschi, alghe e coralli poiché possono generare delle modificazioni genetiche alterando comportamenti neurologici e riproduttivi di diverse specie.

giornata mondiale degli oceani

Giornata mondiale degli oceani: le alternative beauty green

Qualcosa si può fare per evitare il peggio: scegliere prodotti biodegradabili e sostenibili che ormai moltissimi brand stanno producendo. Si può iniziare dal preferire prodotti privi di packaging, come gli shampoo solidi e i prodotti sfusi e poi attenzione alle formule dei cosmetici stessi. Spesso i brand specificano sulla confezione le sostanze chimiche non presenti all’interno, così da orientarci nella scelta. Alcune marche specializzate in prodotti biologici o comunque a maggior parte naturali che si possono trovare facilmente nei negozi sono Omia, Equilibra, I Provenzali, Maternatura e La Saponaria e Alkemilla. Online si trovano anche moltissimi store specializzati in cosmetici biologici che vi propongono alternative green per tutto il corpo, dai capelli alla pulizia dei denti. Ambiente e corpo vi ringrazieranno.

Scritto da Evelyn Novello
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Scarpe estive low cost: i brand a basso costo con i modelli di tendenza

Aurora nails trend: la tendenza per l’estate 2021 arriva dall’Oriente

Leggi anche
  • migliori trucchi waterproofTrucchi waterproof: i prodotti migliori a prova d’estate

    Mascara, eyeliner, fondotinta, rossetti: ecco i migliori trucchi waterproof per un’estate impeccabile a prova di acqua e sudore.

  • blush in stickBlush in stick: perchè sceglierli e quali sono i migliori

    Esistono varie tipologie di blush e, fra queste, quello in stick è particolarmente apprezzato: ma quali sono i migliori?

  • ome applicare correttore occhiaieCome applicare correttamente il correttore occhiaie

    Alleato dei migliori make up artist, il correttore può essere utilizzato in diversi modi e tonalità purché si scelga il colore appropriato al proprio incarnato.

  • come rendere le labbra più carnose con il truccoCome rendere le labbra più carnose con il trucco

    Vorresti dare più volume alle tue labbra, ma senza ricorrere alla chirurgia? Ecco come renderle più carnose con il trucco, proprio come fanno le influencer.

Contents.media