Tina Cipollari e Gianni Sperti diventano maschere di Carnevale

Sul web sta girando una foto che sta facendo impazzire i fan di Uomini e Donne. Due bambini si sono mascherati da Gianni Sperti e Tina Cipollari

A Carnevale si sa, vince l’originalità. Sia nei bambini che negli adulti, la maschera scelta cattura l’attenzione solo se si cerca un soggetto che è amato o almeno simpatico. Sul web sta facendo impazzire uno scatto che ritrae due bimbi vestiti da Tina Cipollari e Gianni Sperti che sono davvero la fine del mondo.

Quanti like per loro?

Tina e Gianni in maschera

Per chi ama il Carnevale, già durante il periodo natalizio inizia la ricerca alla maschera più originale. Si usa il web, la televisione e qualsiasi altro mezzo che possa fornire un’idea per un travestimento che non passi inosservato. Uno scatto che sta facendo impazzire il web e che potrebbe tranquillamente aggiudicarsi un premio è quella di due bambini che si sono mascherati da Gianni Sperti e Tina Cipollari.

La femminuccia in elegante abito da sera nero e parrucca bionda, mentre il maschietto in giacca e con la barba finta. A completare il travestimento c’è anche un cartello su cui è riportata la celebre frase dell’opinionista Vamp di Uomini e Donne: “Maria io esco!”. La fotografia, neanche a dirlo, è diventata virale sul web e la stessa Cipollari, quella in carne e ossa, ha voluto condividerla su Instagram. Il post di Tina ha immediatamente ricevuto infiniti apprezzamenti, conditi anche da una buona dose di tenerezza da parte dei fan nei confronti dei due bimbi che si sono prestati al travestimento, voluto sicuramente dai genitori.

C’è da dire che i due baby Gianni e Tina sono davvero molto simili agli originali e appaiono ben contenti di imitare i due simpatici opinionisti di Uomini e Donne.

tina gianni

La reazione dei fan

I fan di Tina Cipollari e Gianni Sperti, ma anche quelli della trasmissione di Maria De Filippi hanno apprezzato molto lo scatto e hanno immediatamente dato il via alle condivisioni. L’immagine dei “mini me”, se così possiamo chiamarli, ha ottenuto quasi 112 mila like e tantissimi commenti. Si legge: “C è un Gianni e una Tina in ognuno di noi ah ah ah” oppure “Bellissimi! Il maschietto ha la stessa espressione di Gianni quando è disgustato per qualcuno o per qualcosa” o ancora “Ah ah ah sono uguali a voi!!! Bellissimi”. Insomma, l’originalità di questo travestimento di Carnevale è stata decisamente apprezzata e in molti staranno sicuramente costringendo i propri figli ad imitare questa mascherata. Cosa ci dobbiamo aspettare da questo Carnevale 2019? Potremmo esprimerci soltanto martedì grasso, quando le foto di tutti i travestimenti saranno pubblicati online. Oltre a Tina Cipollari e Gianni Sperti, c’è da dire che sono già stati avvistati anche un mini Maurizio Costanzo, con tanto di Maria De Filippi al seguito, e un piccolo Papa Francesco. Le risate sono assicurate e il bello del Carnevale è proprio questo: qualsiasi sia l’età anagrafica si può osare e, almeno in questo periodo dell’anno, non ci si deve vergognare di nulla.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Come dimagrire le cosce senza dieta

Giorgia: “Alex Baroni prima di morire mi aveva lasciato un messaggio”

Leggi anche
  • mondo beauty tiktokCome cambia il mondo del beauty con Tik Tok

    Il mondo del Beauty su Tik Tok è cambiato, lo si evince riflettendo sui milioni di contenuti che vengono quotidianamente pubblicati sui prodotti beauty

  • israele cosa sta succedendoCosa sta succedendo in Israele?

    Nuova escalation di scontri tra Israele e Palestina che oppongono manifestanti palestinesi e forze dell’ordine israeliane dopo gli sfratti da Sheikh Jarrah.

  • Crossdressing uomini eteroCrossdressing, perché uomini etero si sentono bene con abiti femminili

    L’abbigliamento è sempre più gender fluid e uomini etero che preferiscono vestirsi da donna ne sono l’esempio, sono i crossdresser.

  • Gender fluid chi sonoGenerazione Z, gender fluid e sognatrice: chi sono gli adolescenti oggi

    Sono impauriti dal futuro ma non si tirano indietro e cercano di cambiare il mondo: chi sono i ragazzi della Generazione Z?

Contents.media