Capillari rotti: quali sono le cause e i rimedi naturali

I capillari rotti sono una problematica molto diffusa: quali sono i rimedi naturali più efficaci?

I capillari rotti, sia sulle gambe che sul viso, sono una problematica molto diffusa. Facilmente individuabili anche ad occhio nudo, hanno determinate cause che li provocano. Perché si rompono e quali sono i rimedi naturali più efficaci?

Capillari rotti: cause

I capillari non sono altro che piccoli vasi sanguigni che rappresentano le ultime diramazioni di arterie e vene.

Visibili a occhio nudo su gambe e viso, in alcuni soggetti sono particolarmente fragili e tendono a rompersi. Solitamente, la loro dimensione vari a seconda dell‘organo in cui si trovano: dai 5 agli 8 millesimi di millimetro (micrometri) dei capillari dei polmoni e dei muscoli fino ai 25 micrometri dei capillari del midollo osseo e delle ghiandole.

La fragilità capillare si manifesta con un’evidente dilatazione del reticolo vascolare capillare, soprattutto a livello del viso e degli arti inferiori.

Sono particolarmente evidenti nella zona intorno al naso, sul mento, sulle guance, su polpacci, caviglie e cosce. I capillari rotti possono essere eliminati attraverso alcuni trattamenti dermatologici. Le cause principali sono:

  • traumi e piccole lesioni;
  • ritenzione idrica: i liquidi in eccesso accumulati nei capillari rompono le pareti e trasformano il capillare stesso in una piccola varice;
  • disturbi ormonali: nel sesso femminile questa variazione ormonale provoca la formazione di lesioni venose superficiali principalmente durante le mestruazioni e in donne che assumono la pillola;
  • sbalzi termici;
  • malattie dermatologiche specifiche.

Per prevenire la rottura dei capillari, ci sono alcuni atteggiamenti preventivi che sono molto utili, come: tenersi in movimento in modo da aiutare a stimolare il flusso del sangue, alternare getti di acqua calda e fredda sotto la doccia e avere un’alimentazione sana, leggera ed equilibrata.

Capillari rotti: rimedi naturali

Oltre ai modi per prevenire la formazione dei capillari rotti, ci sono alcuni rimedi naturali che sono davvero efficaci. Primi fra tutti sono alcuni composti a base di flavonoidi, che agiscono aumentando la resistenza dei capillari e prevenendone così la rottura.

Quanti soffrono di capillari rotti, inoltre, dovrebbero inserire un po’ di attività fisica nella propria routine giornaliera: bastano anche 30 minuti di camminata al giorno. Inoltre, scegliete sempre calzature e indumenti comodi. Così facendo non costringerete gambe, piedi e caviglie a vivere ‘strizzati’. Un altro rimedio naturale davvero efficace riguarda il sonno: è bene dormire con i piedi sollevati rialzando la base del letto di 5-10 cm. Secondo gli esperti, quest’ultimo ‘trucchetto’ consente di contrastare il gonfiore di gambe, caviglie e piedi che molti accusano al termine di una giornata trascorsa in piedi o seduti.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti

Ematomi: quali sono i rimedi naturali più efficaci?

Chi era Elvis Presley: tutto sul Re del Rock and Roll

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.